Stefano Bonaccini candidato del centro-sinistra in Emilia-Romagna

    Set 29th, 2014
    1222 Views

    Com’era nelle previsioni, Stefano Bonaccini è il candidato governatore del centro-sinistra in Emilia-Romagna. Alle primarie del Partito democratico ha sconfitto, con il 61% delle preferenze, l’altro candidato Roberto Balzani, ex sindaco di Forlì, che ha comunque ottenuto un risultato più che lusinghiero con il 39%. Quanto la scarsa affluenza alle urne per queste primarie avrà una ricaduta sul risultato delle elezioni regionali del prossimo 23 novembre, sarà tutto da vedere: di certo questa competizione interna al Partito democratico ha vissuto troppi imprevisti (la ridda di nomi sui partecipanti fino a un mese fa, il ritiro di Matteo Richetti, l’avviso di garanzia e poi la richiesta di archiviazione per lo stesso Bonaccini) per non subire contraccolpi dal punto di vista della partecipazione popolare.

    Sempre in Emilia-Romagna, il centro-destra non ha ancora deciso né con quale coalizione si presenterà alle elezioni, né il suo candidato governatore. Difficile che si arrivi a un’alleanza che comprenda sia la Lega Nord sia il Nuovo Centrodestra, e spetterà al coordinamento nazionale di Forza Italia la scelta sul perimetro della coalizione. Per quanto riguarda il candidato presidente, i nomi dei consigliere regionali uscenti di Forza Italia Gianguido Bazzoni, Marco Lombardi, Galeazzo Bignami e Fabio Filippi non sembrano avere il consenso degli altri partiti, e resta aperta la possibilità di candidare una personalità della società civile. Ma il centro-destra dovrà guardarsi anche dalla concorrenza agguerrita del Movimento 5 Stelle, che ha scelto come candidata governatrice la modenese Giulia Gibertoni, mentre la sinistra radicale presenta l’insegnante parmense Cristina Quintavalla in una lista che ricorda la Lista Tsipras delle elezioni europee, ma senza Sinistra Ecologia e Libertà, che attraverso una consultazione tra i suoi iscritti ha optato per l’alleanza con il Partito democratico.

    Domenica prossima toccherà alla Calabria scegliere il candidato governatore del centro-sinistra alle primarie, con una sfida che si preannuncia un testa a testa tra i due candidati del Partito democratico. La Calabria, come l’Emilia-Romagna, andrà alle urne il 23 novembre per eleggere il presidente della Regione e rinnovare il Consiglio regionale. Ma anche nelle altre regioni che andranno alle urne in aprile ci si avvicina all’indicazione dei candidati governatori. Per quanto riguarda il centro-sinistra, ad esempio, la campagna per le primarie di coalizione è già da alcune settimane aperta in Puglia, dove si voterà il 30 novembre: a presentare la propria candidatura sono stati il segretario regionale del Pd, ed ex sindaco di Bari, Michele Emiliano; l’assessore alle Politiche giovanili Guglielmo Minervini, sempre del Pd; e il senatore Dario Stefàno, ex assessore regionale all’Agricoltura, per Sinistra Ecologia e Libertà.

    Comments are closed.