Podemos elegge i segretari cittadini e si prepara alle elezioni del 2015

    Gen 5th, 2015
    1079 Views

    Podemos elegge i propri referenti locali e si prepara alla battaglia elettorale del 2015, che culminerà con le elezioni generali di novembre. Tra il 26 e il 31 dicembre scorsi si sono infatti tenute on line le selezioni di 770 segretari cittadini del partito, alle quali hanno votato oltre 86mila iscritti. Il voto ha confermato la netta leadership di Pablo Iglesias, eletto segretario generale lo scorso 15 novembre: alla sua corrente, Claro que Podemos, appartengono ben 22 dei 24 segretari dei capoluoghi di provincia in cui era candidato un suo rappresentante, tra cui le cinque più grandi città del paese. Negli altri 27 capoluoghi la corrente vicina a Iglesias non ha invece presentato alcun proprio candidato. I diciassette segretari regionali di Podemos saranno selezionati tra il 9 e il 13 febbraio.

    I profili dei segretari cittadini eletti, in molti casi provenienti dal mondo dell’università, ricalcano da vicino quello del leader del partito. Nella capitale, è stato eletto con il 61,5% Jesús Montero, 51enne dirigente amministrativo dell’Università Complutense, ex esponente di Izquierda Unida negli anni Ottanta. A Barcellona, ha vinto Marc Bertomeu, 23 anni, laureato in Scienze politiche e già candidato alle ultime europee, con il 59,2% dei consensi (in totale, 956 voti). A Valencia il segretario cittadino sarà Jaime Paulino, 31enne ricercatore in filosofia. Due donne di Claro que Podemos sono state elette a Siviglia (Begoña Gutiérrez, 39enne dipendente dell’amministrazione giudiziaria, che ha vinto con un margine di appena 60 voti) e Saragozza (Maru Díaz, 24enne dottoranda di ricerca in filosofia).

    Anche nelle città in cui il candidato appoggiato da Iglesias è uscito sconfitto, la scelta dei militanti di Podemos è stata fatta nel solco di un modello ben preciso di candidato. A Malaga, ad esempio, la corrente Claro que Podemos sosteneva Francisco Mostazo, che fino allo scorso mese di aprile era il responsabile della comunicazione del gruppo del Partito socialista in consiglio comunale. A lui è stato preferito José Antonio Vargas, 27enne impegnato in un progetto di “archeologia sperimentale” e sostenuto dall’eurodeputata Teresa Rodríguez, posta già nel primo congresso dello scorso autunno su un versante critico rispetto alla leadership di Iglesias.

    @StefanoSavella

    Fonte immagine: www.eldiario.es

    Comments are closed.