Temi etici e omicidio Nemtsov tra i voti dell’ultima plenaria a Strasburgo

Mar 13th, 2015
866 Views
L'eurodeputato maltese Marc Tarabella

L’eurodeputato maltese Marc Tarabella

Dal rapporto Tarabella a quello sui diritti umani, dalla democrazia in Russia dopo l’omicidio di Boris Nemtsov alla situazione in Venezuela in seguito agli arresti di diversi esponenti dell’opposizione al presidente Maduro. Sono stati questi i voti più importanti dell’ultima seduta plenaria a Strasburgo: e come sempre, soprattutto quando si tratta di esprimersi su temi etici, all’interno dei gruppi emergono  prese di posizione contrarie o in dissenso. Nessuna novità, ma in questi casi più che in altri è bene analizzare il comportamento delle delegazioni nazionali e dei singoli eurodeputati, in particolar modo italiani.

Partiamo dal primo voto avvenuto in ordine di tempo, quello sulla risoluzione “sull’uguaglianza tra uomini e donne”, meglio nota come rapporto Tarabella dal nome dell’eurodeputato socialista maltese che l’ha presentato. La questione più delicata al suo interno, e che è stata al centro di lunghe mediazioni, riguardava il diritto all’aborto: nel testo (approvato con 441 voti favorevoli e 205 contrari) è scritto che le donne hanno diritto al «controllo dei loro diritti sessuali e riproduttivi, segnatamente attraverso un accesso agevole alla contraccezione e all’aborto», pur mantenendo la competenza legislativa su questi temi in capo ai singoli paesi membri. Quest’ultima precisazione non ha garantito però il sostegno del Partito popolare europeo, che si è spaccato praticamente a metà: 94 sì, 97 no, 16 astenuti. Divisi anche gli eurodeputati italiani di centrodestra: tra gli altri, favorevoli Mussolini, Toti, Matera, La Via, Martusciello, contrari Tajani, Gardini, Comi, Cesa e Fitto. Compatto il gruppo socialdemocratico, con soli due astenuti, entrambi italiani del Pd: il bresciano Luigi Morgano e il cesenate Damiano Zoffoli (gli unici del loro gruppo ad aver votato anche contro il rapporto sui diritti umani che include i matrimoni gay). Quasi del tutto uniti nel voto a favore anche i gruppi dei Verdi e della sinistra radicale (con l’eccezione di tre irlandesi e della britannica Martina Anderson), con qualche dissidente in più tra i liberal-democratici (52 sì, 6 no, 7 astenuti). Prevalentemente contrario il gruppo ECR dei conservatori (ma una delle poche eccezioni è quella di Notis Marias dei Greci Indipendenti) e quasi del tutto quello dei non iscritti. Non fa più notizia la spaccatura nel gruppo EFDD: favorevoli Movimento 5 Stelle (ma anche Democratici Svedesi), astenuti Ukip e altri, contrario l’estremista polacco Robert Iwaszkiewicz.

Una maggioranza schiacciante ha invece approvato la risoluzione di condanna sull’omicidio dell’ex vicepremier russo Boris Nemtsov nei pressi del Cremlino lo scorso 27 febbraio: 568 favorevoli, 38 contrari e 34 astenuti. Ma il voto ha fatto uscire allo scoperto i più radicali tra i sostenitori di Vladimir Putin nell’Europarlamento. Nessuno, in verità, nel PPE e nei Verdi; solo 2 astenuti tra i conservatori (tra cui quello, prevedibile, del greco Marias) e 3 nell’EFDD (tutti e tre esponenti dell’Ukip). Tra i socialdemocratici, un solo contrario (il lettone filorusso Mamkins) e ben otto astenuti (tra cui tre greci del Pasok e due tedeschi dell’SPD). Due contrari e due astenuti anche nei lib-dem, mentre si sono divisi più a fondo i gruppi della sinistra radicale (23 favorevoli tra cui i tre italiani, 7 contrari tra cui 4 spagnoli di Izquierda Unida, 15 astenuti, tra cui i deputati di Syriza) e dei non iscritti (12 favorevoli, 28 contrari tra cui tutti i 5 leghisti, 4 astenuti).

Un numero maggiore di voti contrari è arrivato sulla risoluzione di condanna della  situazione in Venezuela, dopo che il presidente Nicolás Maduro ha fatto arrestare numerosi oppositori tra cui il sindaco di Caracas: da segnalare, in particolare, tutti quelli degli esponenti di Podemos e del Movimento 5 Stelle, dei tre italiani della lista Tsipras e di ben 19 eurodeputati dei Verdi.

@StefanoSavella

Fonte immagine: blog.unitee.eu

Comments are closed.