Essonne, vince il candidato sostenuto da Macron

    Nov 25th, 2018
    109 Views
    Francis Chouat

    Francis Chouat

    Una buona notizia per Emmanuel Macron: nell’elezione suppletiva di un collegio dell’Essonne per l’Assemblea Nazionale, vince il candidato da lui sostenuto, Francis Chouat.

    L’Essonne è un dipartimento a sud di Parigi, e in questo collegio, storicamente di sinistra, dal 2002 al 2017 è stato eletto deputato l’ex premier socialista Manuel Valls. Valls nel 2017 è stato eletto con il sostegno di En Marche. Si è però dimesso da deputato poche settimane fa per potersi candidare a sindaco di Barcellona nelle prossime elezioni amministrative della primavera del 2019.

    Già al primo turno aveva prevalso Chouat, braccio destro di Valls nonché suo successore come sindaco di Évry, cittadina di 50.000 abitanti dell’Essonne. Chouat si è candidato come indipendente ma sostenuto da En Marche, e ha conquistato al primo turno il 30% dei voti. Alle sue spalle, una settimana fa, è arrivata la candidata della sinistra di Jean-Luc Mélenchon, Farida Amrani, che alle elezioni legislative dell’anno scorso fu sconfitta per un soffio: Valls prevalse infatti per appena 140 voti, lo 0,3%.

    Questa volta, invece, al ballottaggio non c’è stata storia. Chouat ha vinto con il 59,1%, lasciando a Amrani solo il 40,9%. Un dato significativo che sottolinea lo scarso appeal della candidata di Mélenchon nell’elettorato di destra e di centro-destra. Quest’ultimo poteva essere decisivo, capovolgendo il risultato del primo turno. Ma così non è stato, e nemmeno la protesta dei gilet gialli ha favorito la candidata di Mélenchon.

    Va però segnalato il bassissimo dato dell’affluenza alle urne. Già alle legislative di giugno 2017 questo collegio si era contraddistinto per l’altissima astensione: andò a votare il 36,6% degli elettori. Al primo turno di domenica scorsa è invece andato a votare appena il 18,1% degli aventi diritto. Una percentuale scesa ulteriormente al ballottaggio: 17,3%.

    Comments are closed.