Exit poll in Irlanda, bene il PPE e sinistra radicale

    Mag 24th, 2014
    887 Views

    In Irlanda i seggi si sono chiusi già ieri sera, mentre in Repubblica Ceca si è votato in due giorni fino alle 14 di oggi. In entrambi questi paesi sono stati diffusi exit poll che vanno ad aggiungersi a quelli olandesi di giovedì. In Regno Unito non si possono invece diffondere exit poll sulle elezioni europee: si è provato a stimare un risultato attraverso i voti ottenuti dai partiti alle concomitanti elezioni amministrative, ma il confronto non tiene conto di dinamiche anche molto diverse tra l’una e l’altra competizione elettorale.

    L’Irlanda è uno dei pochi paesi (insieme a Malta e alla circoscrizione dell’Irlanda del Nord nel Regno Unito) in cui il sistema di voto è quella del collegio uninominale, benché con un riparto dei seggi di tipo proporzionale (il sistema di voto è detto infatti “uninominale preferenziale”). Il paese elegge undici eurodeputati ed è suddiviso in tre circoscrizioni: Dublino (3 seggi), Midlands-Nord-Ovest e Sud (4 seggi a testa). In tutte e tre le circoscrizioni gli exit poll di RTÉ News riportano un buon consenso per i candidati del Sinn Féin, aderente alla Sinistra radicale di Alexis Tsipras, che eleggerebbe quindi 3 eurodeputati: in particolare a Dublino la candidata Lynn Boylan è accreditata del 24% e sarebbe la più votata in assoluto. Stessa situazione per il partito di centro-destra Fine Gael, aderente al PPE, che eleggerebbe un suo rappresentante in tutte e tre le circoscrizioni (tra cui, nel Midlands, anche l’eurodeputata Mairead McGuinness, vicepresidente uscente del gruppo PPE a Strasburgo, e un altro uscente, Sean Kelly, nel Sud). Il terzo seggio di Dublino andrebbe secondo gli exit poll alla candidata dei Verdi, Eamon Ryan. Nel Midlands il più votato sarebbe l’indipendente Luke ‘Ming’ Flanagan, mentre al Sud sarebbe l’eurodeputato uscente Brian Crowley del partito Fianna Fáil, aderente ai lib-dem di Guy Verhofstadt. Per il quarto seggio del Midlands ci sarebbe un testa a testa tra i due candidati del Fianna Fáil e l’indipendente uscente Marian Harkin (in ogni caso, l’eletto andrebbe a sedersi nel gruppo dei liberal-democratici). Il quarto seggio del Sud dovrebbe invece andare a uno degli altri due candidati del partito di centro-destra Fine Gael. Il computo totale dei seggi sarebbe quindi: Fine Gael (PPE): 4 seggi; Sinn Féin (GUE): 3 seggi; Fianna Fáil (ALDE): 2 seggi; Verdi: 1 seggio; indipendenti (Flanagan è anti-euro e anti-sistema, oltre ad essere noto per la sua battaglia a favore della legalizzazione della cannabis: potrebbe essere coinvolto in un ipotetico gruppo cinquestelle?): 1 seggio. Rimarrebbe quindi al palo il PSE: nessun candidato laburista sembra essere in grado di avvicinarsi alla soglia che consentirebbe di eleggere eurodeputati (ne conquistò due nel 2009).

    @StefanoSavella

    Comments are closed.