Le notizie della settimana / 6 marzo 2021

    Mar 6th, 2021
    10 Views

    Ungheria

    Per iscriverti alla newsletter settimanale di Votofinish clicca qui: https://www.getrevue.co/profile/votofinish

    Ungheria

    Con l’uscita del partito di Viktor Orban, il Partito popolare europeo scende da 187 a 175 seggi al Parlamento Europeo, ma resta il primo gruppo davanti ai socialisti (145). Se gli eurodeputati di Orban decideranno di entrare nel gruppo dei Conservatori, del quale fa parte anche Fratelli d’Italia di Giorgia Meloni, questo supererebbe per numero di membri il gruppo di destra Identità e Democrazia, guidato dalla Lega e da Marine Le Pen.

    Germania

    Janine Wissler e Susanne Hennig-Wellsow sono state elette domenica scorsa alla guida della Linke. Con la loro nuova leadership torna a porsi la questione se il partito della sinistra tedesca è disposto a tornare al governo del paese in futuro. Hennig-Wellsow, che proviene dalla Turingia, l’unico Land con un governatore della Linke, pensa di sì; più ostile invece Wissler, già due volte candidata sindaca di Francoforte, vicina all’ala movimentista.

    Finlandia

    In vista delle elezioni amministrative del 18 aprile (si voterà anche nella capitale Helsinki), il governo pensa di somministrare vaccini a presidenti e segretari di seggio impegnati nel voto domiciliare. Resta tuttavia ancora aperta l’ipotesi di un rinvio del voto. Dal 1° marzo il paese ha dichiarato lo stato d’emergenza per l’aumento dei contagi.

    Paesi Bassi

    Il premier olandese Mark Rutte resta saldamente in testa nelle preferenze degli elettori tra i leader di partito, ben oltre la percentuale di coloro che intendono votare il suo partito liberale (VVD). Rutte, con il 55%, si colloca davanti al ministro delle Finanze cristiano-democratico Wopke Hoekstra e alla social-liberale Sigrid Kaag. Più indietro il leader della destra Geert Wilders. Nei Paesi Bassi si vota dal 15 al 17 marzo e Rutte, certo della sua riconferma, ha promesso rapide consultazioni per poter formare un nuovo governo.

    Regno Unito

    Il buon andamento della somministrazione dei vaccini in Regno Unito premia Boris Johnson negli ultimi sondaggi, che vedono allargarsi il vantaggio dei Conservatori sul Partito laburista (fino a 12 punti percentuali di vantaggio). Contemporaneamente, è sempre più negativa l’opinione dei britannici verso il leader laburista Keir Starmer, come dimostra il grafico seguente.

    Francia

    La vittoria nel 2020 alle elezioni amministrative a Lione e Grenoble potrebbe non aiutare i Verdi alle elezioni regionali di giugno in Alvernia-Rodano-Alpi, la seconda regione più ricca della Francia. Nell’ultimo sondaggio, è testa a testa tra il presidente repubblicano uscente Laurent Wauquiez e il candidato lepenista Andrea Kotorac, approdato all’estrema destra dopo essere stato eletto nella precedente legislatura regionale con il partito di sinistra radicale di Jean-Luc Mélenchon.

    Slovacchia

    La decisione del premier Igor Matovič di acquistare 2 milioni di dosi del vaccino russo Sputnik rischia di aprire una crisi di governo: due partiti della maggioranza di centro-destra, e in particolare il partito moderato ed europeista Per il Popolo, hanno criticato la scelta definendola inappropriata, in assenza dell’autorizzazione dell’EMA.

    Albania

    Le elezioni politiche sono in programma il 25 aprile. La notizia della settimana è che i due principali partiti di opposizione hanno stretto un accordo post-elettorale: il premier socialista Edi Rama è ora costretto a ottenere nuovamente la maggioranza assoluta dei seggi, come alle ultime elezioni del 2017, per poter restare al governo.

    Croazia

    È morto domenica 28 febbraio, per un infarto, il sindaco di Zagabria, Milan Bandic. Aveva 66 anni ed è stato alla guida della capitale della Croazia quasi ininterrottamente per oltre 20 anni, prima da social-democratico e poi da indipendente, dopo essere stato espulso dal partito (all’epoca guidato dall’attuale presidente della Repubblica, Zoran Milanovic). Milan Bandic aveva anche fondato un partito personale presente in Parlamento, ed era in corsa per una nuova rielezione alle elezioni amministrative di maggio.

    Kosovo

    La Commissione elettorale centrale ha ufficializzato che il partito nazionalista di sinistra Vetëvendosje, guidato da Albin Kurti, ha ottenuto 58 seggi su 120 alle elezioni del 14 febbraio scorso. Mancano dunque appena tre seggi per raggiungere la maggioranza parlamentare: Kurti intende cercare l’accordo con alcuni dei deputati delle minoranze etniche (tra cui turchi, rom ed egiziani) eletti nelle comunità a maggioranza non-serba.

    Comments are closed.