Svezia, nell’ultimo sondaggio avanza ipotesi larga coalizione

Ago 11th, 2014
621 Views
Stefan Löfven

Stefan Löfven

Si fa largo in Svezia l’ipotesi di una coalizione allargata dopo l’ultimo sondaggio diffuso dalla società United Minds per conto del quotidiano Aftonbladet. Ciascuna delle due principali coalizioni perde infatti qualche decimale, mentre crescono ancora i consensi per i Democratici Svedesi: proprio per contrastare la loro influenza nel nuovo Parlamento potrebbe essere necessaria un’inedita alleanza rosso-verde che possa ampliarsi, dopo le elezioni del 13 settembre, a uno o più partiti appartenenti alla coalizione di centro-destra.

Nel sondaggio condotto tra il 3 e il 10 agosto tra 1.272 svedesi, i socialdemocratici guadagnerebbero l’1,6% rispetto alla precedente rilevazione di luglio, attestandosi al 29,6%, comunque lontani dall’obiettivo del 35%, ma subirebbero la perdita di consensi della Sinistra radicale (-0,3% con il 7,2% complessivo) e soprattutto dei Verdi, che calerebbero addirittura di più di 2 punti percentuali, finendo a quota 9,8% e diventando il quarto partito del paese, superati proprio dai Democratici Svedesi. La coalizione rosso-verde non riuscirebbe perciò a raggiungere, con questi dati, la maggioranza dei seggi in Parlamento, e sarà costretta ad ampliare i propri confini alla sua destra.

Qui, dopo la crescita attestata il mese scorso, si verifica il calo nei sondaggi dei Moderati del premier Reinfeldt, che perdono il 3% secco scendendo sotto il 20%, vicini al punto più basso mai toccato nei sondaggi per le elezioni politiche. Nel centro-destra questo calo viene però compensato dall’avanzata del Partito liberale, che sale al 7,5% conquistando ben 2,5% punti percentuali rispetto all’ultima rilevazione. Pressoché stabili i due partiti minori, il Partito di Centro (5,2%) e i Cristiano-Democratici (4,3%, pericolosamente vicini allo sbarramento del 4%).

I Democratici Svedesi, con l’11,1% dei consensi, sarebbero perciò gli artefici di un allargamento della maggioranza di governo. Sempre secondo questo sondaggio, scenderebbe invece al di sotto dell’asticella del 4% il partito di Iniziativa Femminista, che è riuscito sorprendentemente a eleggere una deputata a Strasburgo alle ultime elezioni europee.

Nel complesso, il centro-destra guadagna lo 0,6% rispetto al centro-sinistra, ma secondo Felix Åberg dell’istituto United Minds è una crescita troppo bassa per poter colmare in sole cinque settimane il divario di dieci punti che lo separa dalla coalizione guidata dal socialdemocratico Stefan Löfven. Sempre secondo Åberg, l’incremento di consensi per il Partito liberale è dovuto agli ultimi eventi di politica estera che renderebbero alcuni elettori di centro-destra più inclini a una politica di difesa più energica rispetto a quella dei Moderati, ad esempio in Iraq.

@StefanoSavella

Comments are closed.