Nuovo governo in Austria, i nomi dei ministri

By admin
In Austria
dic 17th, 2017
0 Comments
349 Views
Sebastian Kurz e Hans-Christian Strache

Sebastian Kurz e Hans-Christian Strache

Ha preso forma in Austria il nuovo governo guidato da Sebastian Kurz, il più giovane primo ministro d’Europa, sostenuto da una coalizione tra il Partito popolare di centro-destra (ÖVP) e il partito della libertà di estrema destra (FPÖ) che sono già stati al governo insieme tra il 2000 e il 2006. Le trattative sono andate avanti per settimane, sul programma (esclusa la convocazione di un referendum sull’uscita dall’Unione Europea) e sui nomi dell’esecutivo, all’interno del quale l’estrema destra ha ottenuto posti di rilievo, anche più delle previsioni. Con questo governo, l’Austria diventa ora il settimo paese dell’Unione Europea con la presenza della destra populista a sostegno del governo, dopo Polonia, Ungheria, Bulgaria, Danimarca, Finlandia e Slovacchia.

Il leader dell’FPÖ, Hans-Christian Strache, fautore della crescita di consensi del partito negli ultimi anni, sarà vicecancelliere con delega alla Funzione pubblica e allo Sport. Indicata dall’FPÖ, pur se indipendente, è anche il nuovo ministro degli Esteri, Karin Kneissl, giornalista e diplomatica esperta in questioni legate al Medio Oriente, in passato molto critica anche nei confronti di Angela Merkel. Un altro nome importante dell’establishment del partito, Herbert Kickl, già braccio destro di Jörg Haider negli anni Novanta, sarà alla guida del ministero dell’Interno, pedina che potrebbe rivelarsi decisiva anche in chiave europea sulla gestione dei flussi migratori. Al partito di destra vanno anche i ministeri della Difesa, con Mario Kunasek (presidente dell’FPÖ in Stiria, dove alle elezioni regionali del 2015 ha condotto il suo partito dal 10% al 26%), le Infrastrutture, cone Norbert Hofer (già candidato del partito alla presidenza della Repubblica), e la Sanità, con Beate Hartinger (manager nel campo della previdenza sociale con un passato da docente di economia).

Al partito di maggioranza relativa del premier Kurz restano le altre poltrone, dopo aver ottenuto diverse concessioni sul programma. Hartwig Loeger, alla guida di una grande compagnia di assicurazioni ma vicino al Partito popolare, guiderà il ministero delle Finanze. A ministro degli Affari europei e della Cultura è stato designato Gernot Blümel, che nel 2014 ha guidato la vittoriosa campagna elettorale del Partito popolare alle elezioni europee. Altri posti di governo affidato all’ÖVP sono il ministero dell’Agricoltura, con Elisabeth Köstinger (già parlamentare europea dal 2009 al 2017 e per poche settimane, prima della nomina a ministro, presidente del Consiglio nazionale, la Camera dei deputati austriaca), il ministero delle Pari opportunità con la neodeputata Juliane Bogner-Strauss, il ministero dell’Istruzione con Heinz Fassmann (vicerettore dell’Università di Vienna e già consulente del governo austriaco sul tema delle migrazioni), il ministero della Giustizia con Josef Moser (giurista, dal 2004 al 2016 presidente della Corte dei Conti, ora neoeletto in Parlamento), e il ministero dello Sviluppo economico con Margarete Schramböck (ex amministratore delegato di Telekom Austria).

Comments are closed.