Gelo mattutino su Marte visto cadere con sorpresa dalle cime delle montagne Primo: ScienceAlert

È noto da anni che ai poli di Marte sono intrappolate grandi quantità di ghiaccio d’acqua. Intorno all’equatore è una terra arida e asciutta, priva di ghiaccio superficiale.

Recenti osservazioni di Marte hanno rilevato brina sui vulcani a scudo giganti, ma appare solo brevemente dopo l’alba ed evapora rapidamente. Si stima che ogni giorno 150.000 tonnellate di acqua circolino tra la superficie e l’atmosfera.

In particolare, le calotte polari di Marte sono state oggetto di numerosi studi sin dalla scoperta del ghiaccio d’acqua nel 2008. Sono permanenti ma variano di dimensioni con le stagioni.

Durante l’inverno, nella completa oscurità, la superficie si raffredda, permettendo ai gas presenti nell’atmosfera di depositarsi sulla superficie sotto forma di grossi pezzi di ghiaccio di anidride carbonica. I poli vengono quindi nuovamente esposti alla luce solare, dove l’anidride carbonica congelata sublima nuovamente in gas.

A parte l’anidride carbonica, i poli sono per lo più costituiti da ghiaccio d’acqua ghiacciato. I depositi di anidride carbonica sono relativamente sottili rispetto al ghiaccio d’acqua, spessi solo circa 1 metro sopra il Polo Nord. L’Antartide ha una calotta permanente di anidride carbonica spessa circa 8 metri.

Calotta di ghiaccio al Polo Nord di Marte, catturata dal Mars Global Surveyor della NASA. (NASA/JPL-Caltech/MSSS)

Un team di scienziati planetari guidati da Adomas Valantinas, un ricercatore post-dottorato presso la Brown University che ha guidato il lavoro quando era studente di dottorato presso l’Università di Berna, ha scoperto acqua ghiacciata sulla cima dei vulcani Tharsis su Marte. Questi vulcani sono tra i vulcani più alti del pianeta e sono effettivamente uno di questi; L’Olympus Mons è il più alto del sistema solare.

La brina è stata rilevata utilizzando immagini ad alta risoluzione provenienti dal Color and Stereo Surface Imaging System (CaSSIS), che è solo uno degli strumenti a bordo della sonda orbitante per il tracciamento dei gas. Questa scoperta è stata convalidata utilizzando ulteriori osservazioni indipendenti effettuate dalla telecamera stereo ad alta risoluzione sul Mars Express Orbiter.

READ  Patate nello spazio: la foto della NASA diventa virale

Questa è la prima volta che viene scoperto il gelo dell’acqua attorno all’equatore del pianeta, il che richiede un ripensamento delle dinamiche climatiche del pianeta. Fino ad ora pensavamo che fosse improbabile che si formasse del ghiaccio intorno all’equatore a causa dei livelli di radiazione solare e della sottile atmosfera. Le condizioni fanno sì che le temperature superficiali possano raggiungere temperature ragionevolmente elevate, così elevate che il gelo non può formarsi nemmeno sulla sommità dei vulcani.

Lo studio sembra dimostrare che il gelo è presente solo per poche ore dopo l’alba, prima che le alte temperature lo facciano evaporare sotto forma di radiazione solare.

È importante notare che, sebbene la brina sia molto leggera (circa la larghezza di un capello umano), si ritiene che ogni giorno circolino circa 150.000 tonnellate di acqua tra la superficie e l’atmosfera.

Il team Frost ha scoperto depositi nella caldera dei vulcani. Queste cavità sono le aperture sulla sommità di un vulcano dove le esplosioni precedentemente hanno fatto esplodere la crosta. Ora si ritiene che ci siano microclimi insoliti sulle cime dei vulcani che consentono la formazione di sottili strati di brina.

Questa scoperta significa che dobbiamo modellare il modo in cui si forma il gelo per ottenere una reale comprensione di dove potrebbe essere trovata l’acqua su Marte, come si muove e come interagisce con l’atmosfera.

Questo articolo è stato originariamente pubblicato da L’universo oggi. Leggi il Articolo originale.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply