Marocco-Africa-Sviluppo / L’Iniziativa Atlantica è una risposta alle aspirazioni dei popoli dell’Africa e un esempio di cooperazione Sud-Sud secondo il parere dei partecipanti – Senegal News Agency

Dall’inviato speciale dell’agenzia di stampa algerina, Othman Ibrahim Dia

Dakhla, 5 lug. (APS) – In risposta alle aspirazioni dei popoli dell’Africa e allo stesso tempo realizzando il progetto di cooperazione Sud-Sud: l’Iniziativa Atlantica del re Mohammed VI mirava a sviluppare la costa atlantica con la sua partecipazione. I Paesi del Sahel sono stati oggetto di discussione durante la settima sessione del Forum del Marocco oggi, venerdì 5 luglio, a Dakhla, nel sud del Marocco.

Il forum ha riunito politici, diplomatici e leader aziendali provenienti da tutto il continente e oltre. È organizzato dal gruppo di stampa marocchino Le Matin, dall’Agenzia marocchina per la cooperazione internazionale e dalla regione di Dakhla-Oued Eddahab, sotto l’alto patronato di Sua Maestà il Re Mohammed VI.

L’incontro si è tenuto presso il Centro Congressi di Dakhla. Burkina Faso, Mali, Niger e Ciad erano fortemente rappresentati.

Durante una riunione ministeriale di coordinamento tenutasi nel dicembre 2023 a Marrakesh, i ministri degli Esteri di questi quattro paesi hanno annunciato ufficialmente che gli stessi paesi avevano aderito a questa iniziativa reale.

L’Atlantico è tra i crocevia geopolitici più strutturali del sistema mondiale. Un quarto dei paesi ha una costa atlantica, 23 dei quali sono africani […] Youssef Al-Omrani, Ambasciatore del Regno del Marocco, ha sottolineato che la visione di Sua Maestà il Re stabilisce in questo spazio cruciale una nuova comunità di interessi e destini facendo dell’Oceano Atlantico un centro di equilibrio globale in armonia con le aspirazioni e le esigenze dell’Africa . Negli Stati Uniti d’America.

Il diplomatico marocchino ha partecipato al simposio dedicato al tema “Iniziativa Atlantica: rispondere alle aspirazioni dei popoli dell’Africa”. Ha spiegato che per il Marocco “l’Oceano Atlantico rappresenta una visione, una componente speciale della nostra identità e uno spazio di opportunità”.

“Mega progetti” che creano ricchezza

READ  L'intelligenza artificiale di Apple cambierà l'iPhone!

Secondo Youssef El Omrani, la “visione atlantica” del Marocco si basa su quattro pilastri: comunicazione, cooperazione, integrazione economica e prosperità civile.

Tra i progetti da realizzare per realizzare questa visione, ha indicato il gasdotto che collega la Nigeria al Marocco e il porto di Dakhla, “mega progetti” che creano ricchezza e aumentano la fiducia dei cittadini nelle loro istituzioni.

I paesi del Sahel, tra cui Burkina Faso, Mali, Niger e Ciad, hanno società molto giovani e devono affrontare problemi di sicurezza e climatici, ha affermato l’ex primo ministro del Mali Moussa Mara.

Secondo lui questi paesi hanno dei bisogni in termini di infrastrutture ed energia, che l’Iniziativa Atlantica può contribuire a soddisfare.

L’iniziativa reale è stata presentata anche come “incarnazione” dell’approccio della “cooperazione Sud-Sud”. Parlando dei paesi che non hanno accesso al mare, l’ambasciatore del Ciad in Marocco ha sottolineato che è “come un’ancora di salvezza”.

Hassan Adoum Bakhit Hajjar ha sottolineato durante un simposio sull’”Iniziativa Atlantica: incarnare una rinnovata cooperazione sud-sud” che questa iniziativa “arriva al momento giusto”.

L’ambasciatore del Burkina Faso in Marocco, Mamadou Coulibaly, ha considerato l’iniziativa del re una “espressione di solidarietà” che deve esistere tra i paesi del Sud emarginati dalla globalizzazione.

Coulibaly ha affermato che l’Iniziativa Atlantica potrebbe rappresentare un quadro di solidarietà e di scambio di soluzioni e conoscenze tra paesi che affrontano le stesse sfide.

Dakhla “Terra di incontri”

Il rappresentante del Burkina Faso in Marocco ha aggiunto che il Re del Marocco ha messo le persone al centro del suo progetto di sviluppo.

Hasir Mabinath Sall, direttore generale dell’Agenzia per la promozione degli investimenti del Gabon, ha descritto il Marocco come “il miglior studente tra i paesi francofoni in termini di cooperazione Sud-Sud”. Si riferisce agli investimenti del Regno nei paesi dell’Africa sub-sahariana.

READ  Sette morti e due dispersi in Italia per un'ondata di maltempo (foto)

L’iniziativa reale è una risposta economica che potrebbe avere ricadute sociali riducendo significativamente la presenza dei movimenti jihadisti nel continente.

Il signor Sall ha inoltre sottolineato la promozione dell’Islam tollerante nel Regno.

Quasi 500 persone hanno partecipato oggi al Forum del Marocco. “La visione del re: l’Africa atlantica per una regione continentale integrata, inclusiva e prospera” è stato il tema principale dell’evento.

L’obiettivo di questo incontro era quello di “mobilitare tutte le parti interessate” e “identificare i requisiti di base per il successo dell’Iniziativa Atlantica e le modalità per attuarla”.

“L’Iniziativa Atlantica: rispondere alle aspirazioni dei popoli dell’Africa” è stato il tema di una delle sessioni. “Qual è la tabella di marcia per l’attuazione dell’iniziativa per i paesi dell’Atlantico e del Sahel?” È stato l’argomento di un’altra tavola rotonda. Un altro si concentrava sull’”Iniziativa Atlantica: incarnare una rinnovata cooperazione sud-sud”.

Mohamed Hitami, Presidente e CEO del Gruppo Le Matin, ha affermato che Dakhla è la “terra degli incontri” e il futuro crocevia tra l’Africa sub-sahariana, il Sahel e il Mediterraneo.

Nel suo discorso di apertura al forum, ha parlato delle sfide che l’Africa deve affrontare nei settori dell’economia, dell’istruzione, della salute, dell’ambiente, della sicurezza e altri.

Il signor Hitami ha sottolineato le opportunità che il continente offre grazie alle sue numerose risorse naturali.

Secondo lui, tutto ciò alimenta la visione, la profondità e l’originalità del Re, così come il quadro di cooperazione che adotta su base “win-win” e l’attuazione di progetti che hanno un impatto sulla vita della popolazione.

”Un luogo elevato per il contatto umano e un centro di influenza continentale”

Il colonnello maggiore Salisu Mahamane Salisu, ministro dei trasporti e delle attrezzature della Nigeria, ritiene che “l’Africa in generale, e la regione del Sahel in particolare, hanno un potenziale umano, minerario, agricolo e marittimo” che potrebbe consentirle di “diventare un paese”. Una zona di sviluppo economico integrato che serva gli interessi dei nostri residenti.

READ  Come utilizzare Samsung DeX e trasformare il tuo telefono in un computer desktop

Ha aggiunto: “Dobbiamo affrontare molte sfide legate alla sicurezza, alle infrastrutture, alla logistica, al cambiamento climatico, al separatismo, al terrorismo, ecc. Per fare questo, dobbiamo mobilitarci insieme, agire e trovare soluzioni innovative e audaci, basate sulle nostre realtà e priorità. .

Al simposio hanno partecipato il governatore della regione di Dakhla-Oued Eddahab, Ali Khalil, il capo del consiglio della regione di Dakhla-Oued Eddahab, Yanji il calligrafo, e il fondatore e direttore esecutivo dell’African Future Institute, Alioun Sall. un lavoro. .

Hanno partecipato all’evento Leila Benali, ministro della transizione energetica e dello sviluppo sostenibile del Marocco, Hawa Adel Karim Ahmedai, segretario di Stato per le infrastrutture del Ciad, Rama Yade, direttore senior del Consiglio Atlantico ed ex ministro di Stato francese, e altre personalità.

Secondo le autorità marocchine, l’iniziativa lanciata da Mohammed VI nel 2023 promuoverebbe lo sviluppo dei paesi che si affacciano sulla costa atlantica dell’Africa e garantirebbe l’accesso al mare ai paesi del Sahel.

L’anno scorso, il Re ha espresso il desiderio che l’interfaccia atlantica del Regno diventi un luogo elevato per la comunicazione umana, un polo di integrazione economica e un centro di influenza continentale e internazionale.

Il Forum Morocco Today, che ha uno spazio di riflessione e di proposta su temi ispirati alla visione dei marocchini poveri, in anticipo su più temi, non ha una regionalizzazione sociale avanzata né un posto per le donne nello sviluppo del Marocco.

OID/FSE

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply