Il club più antico d’Italia, dove la tradizione incontra l’ambizione

Il Genoa è arrivato 11°, un posto dietro il campione in carica del Napoli, alla prima stagione dopo la promozione [Getty Images]

Migliaia di tifosi hanno marciato verso Piazza Ferrari, torce in mano, un grifone dorato su uno sfondo metà rosso e metà blu scuro che illuminava la piazza e fuochi d’artificio che illuminavano l’orizzonte, un altro Natale ben celebrato nella lunga e complessa storia del cricket e del calcio di Genova . Il club.

Da giocatore e nei suoi ruoli dietro le quinte, Marco Ottolini è sempre stato profondamente investito nel calcio italiano, anche se da quando è arrivato al Genoa come direttore sportivo, ha imparato ad apprezzare appieno la passione inebriante che circonda il club più antico d’Italia.

“Ogni anno il 7 settembre c’è una grande festa”, ha detto a BBC Sport. “Quando arrivi lì, capisci cosa significa questo club per le persone.

“Ci sono tanti giovani tifosi, bambini e adolescenti, e poi puoi vedere i vecchi che si baciano e piangono per il club. Ti fa venire la pelle d’oca!”

Il club genovese, fondato da espatriati inglesi, è stato una delle prime forze dominanti nel calcio italiano, vincendo il campionato inaugurale e nove in totale: l’ultimo titolo di Serie A da un secolo.

I tifosi hanno dovuto sopportare un recente passato turbolento, ma venerdì il club ha concluso il suo storico 130esimo anno con una vittoria sul Bologna, destinato alla Champions League, il che significa che finirà 11esimo in Serie A dopo essere tornato direttamente dalla retrocessione, segnando il suo meglio. Il punteggio più alto ottenuto dalle compagnie aeree in nove anni.

Seri interrogativi circondano il gruppo di investimento americano proprietario del club e di numerosi altri club, 777 Partners, ma quelli del Genoa sono fiduciosi che l’impresa della squadra italiana si sia rivelata vincente e sostenibile.

Il CEO Andres Blasquez mira a tornare alle competizioni europee nelle prossime due stagioni per la prima volta dal 2010.

Blásquez è stato introdotto quando 777 ha rilevato il club nel settembre 2021, ereditando quello che secondo lui era un “enorme pasticcio” dalla precedente proprietà, con il monte salari della squadra che costava quasi il doppio di quanto guadagnava il club.

READ  Antony Blinken parla del cessate il fuoco a Gaza con il ministro degli Esteri saudita durante un tour in Medio Oriente

L’acquisizione è stata accolta con favore dai tifosi, con Tobia Salvai, del Genoa Supporters Club UK, Per BBC Sport a settembre Il club era stato precedentemente “mal gestito”.

Blazquez ammette però di aver commesso degli errori in un primo anno terminato con la retrocessione in Serie B, con Andriy Shevchenko nominato allenatore e durato appena due mesi in carica, con un punto detratto per mancato pagamento delle tasse.

“Non potevamo restare in Serie A, ma abbiamo giocatori come Morten Vrindrup e Albert Gudmundsson che ora sono pilastri della squadra attuale”, aggiunge Blasquez.

“Abbiamo avviato un processo di pulizia e messo in campo le persone giuste per ricostruire il club”.

Alberto GilardinoAlberto Gilardino

Alberto Gilardino, vincitore della Coppa del Mondo con l’Italia, ha riportato il Genoa in Serie A [Getty Images]

Uno di questi era Ottolini, arrivato dalla Juventus nel luglio 2022, anche se qualsiasi ambizione di raggiungere l’Europa in quel momento sembrava inverosimile quando incontrò circa 60 giocatori in organico.

“Il mister mi chiamava e diceva: ‘Abbiamo solo 30 posti nello spogliatoio, dove mettiamo gli altri giocatori?'” spiega Ottolini, che ha dovuto anche calmare gli agenti scontenti che si chiedevano perché il loro cliente non veniva dato posto a sedere.

Ottolini ha iniziato a ristrutturare la squadra, volendo giocatori chiave in ogni ruolo, opzioni offensive aggiuntive ed “esperti di Serie B”.

Dopo aver esonerato Alexander Plesin a dicembre, Ottolini ha anche deciso di nominare capo allenatore Alberto Gilardino, vincitore della Coppa del Mondo e leggenda della Serie A come giocatore, ma che all’epoca allenava l’Under 19 del Genoa.

“L’ho incontrato solo per conoscerlo personalmente e avevo l’impressione che potesse avere un profilo da prima squadra”, dice Ottolini, che la scorsa settimana ha prolungato il contratto di Gilardino fino alla fine della prossima stagione.

READ  Chiamo questa insalata "Fulmine" perché può essere preparata con gli ingredienti più semplici in soli 5 minuti

“Non tutti erano convinti, il che è normale quando arriva un allenatore dell’Under 19 in un anno cruciale, ma ha dato i suoi frutti”.

Il Genoa festeggia la promozione nel campionato italianoIl Genoa festeggia la promozione nel campionato italiano

Il Genoa si è ripreso al primo tentativo dopo che la sua permanenza di 15 anni in Serie A si è conclusa nel 2022. [Getty Images]

Il Grifone è stato promosso al secondo posto, riducendo così la massa salariale e mantenendo l’ottava migliore media di presenze in Italia nonostante fosse nella seconda fascia.

“Ha confermato che abbiamo fatto bene le cose dal lato sportivo, abbiamo fatto bene le cose in città e dal lato sociale”, aggiunge Blasquez, che dice che il club attira spesso un maggior numero di tifosi nelle trasferte.

La promozione del Genoa e la successiva prestazione in Serie A in questa stagione hanno suscitato molto interesse in quella che ha dimostrato di essere una squadra ben reclutata.

Il difensore Radu Dragosin, succeduto a Ottolini dalla Juventus, è arrivato al Tottenham a gennaio con un contratto da 25 milioni di sterline, l’attaccante islandese Gudmundsson è nel radar di numerosi top club, il centrocampista danese Vrindorp è stato un obiettivo del Liverpool, mentre l’attaccante argentino Matteo Retegui è sul radar. , arrivato dal Tigre la scorsa estate, è nella rosa dei preliminari dell’Italia per Euro 2024.

“Il progetto sportivo è cercare di creare un buon mix tra giovani talenti e giocatori più già pronti che possano darci l’ossatura della squadra – spiega Ottolini – Giochiamo davanti a 32mila persone ogni settimana e questo può creare valore nella squadra.” Giocatori più giovani.”

Ottolini ha bisogno di target che compreranno il progetto calcio del Genoa, ma venderlo come luogo in cui vivere è la parte facile, visto che la città costiera si trova tra il Mar Ligure e la catena montuosa dell’Appennino. La gente del posto la chiama “La Superba”.

“Quando entri nel club, puoi davvero sentire l’odore del calcio, è nelle pareti”, dice Ottolini della storia e delle tradizioni del Genoa.

READ  Impara la guida passo passo semplice e pratica per coltivare i tulipani (Tulipa sylvestris) e utilizzarli nell'arredamento della tua casa.

“Poi abbiamo parlato di quanto è bello vivere a Genova, al mare, la città è bellissima. Il clima è davvero fantastico.

“Non dico cibo perché non mangiano molto, ma anche il cibo è buono!”

Il talentuoso centrocampista Vrindorp, attratto dall’atmosfera dello Stadio Luigi Ferraris, è d’accordo: “Il club è molto storico e volevo far parte di questo viaggio. Queste cose mi hanno fatto innamorare e ho voluto venire qui”.

“È una città pazza per il calcio. Impari a conviverci, perché il calcio significa molto per le persone qui. E la città è anche bellissima, quindi è facile abituarsi!”.

“Abbiamo un buon staff e alcuni giocatori più anziani che si prendono cura dei giocatori più giovani, è davvero una buona mossa per un giocatore giovane come me.”

Stadio Luigi Ferraris di GenovaStadio Luigi Ferraris di Genova

Il Genoa spera che lo Stadio Luigi Ferraris possa ospitare le partite dell’Europeo 2032 [Getty Images]

L’obiettivo di quest’estate è quello di trattenere i giocatori chiave, qualcosa che il CEO Blazquez è fiducioso che faranno, mentre vuole che la maggior parte delle attività in entrata siano completate entro l’inizio della pre-stagione a luglio.

Il Genoa spera di eguagliare qualsiasi successo in campo rendendosi più visibile ai nuovi tifosi fuori dal campo: c’è già stato un documentario su Amazon Prime mentre la cantante Rita Ora ha contribuito a mostrare la maglia d’oro di 130 anni.

La speranza è che possano continuare a sviluppare il proprio profilo capitalizzando la storia del club, i legami inglesi e quelli con il Boca Juniors, fondato da un gruppo di immigrati genovesi.

“Stiamo portando avanti sempre più iniziative”, afferma Blasquez. “Genova come città nel mondo ha una storia molto ricca e cosa significhi essere genovese è sconosciuto a molte persone.”

Nel frattempo, ci sono piani per sviluppare lo stadio che condividono con i rivali della Sampdoria, attualmente in Serie B, per soddisfare i criteri di Categoria 4 della UEFA in modo che possa essere idoneo a ospitare le partite durante Euro 2032, che si terrà in Italia e Turchia.

Quando inizierà il torneo, il club più antico del paese sarà sul punto di completare un’altra celebrazione storica.

I tifosi si raduneranno, voleranno fuochi d’artificio e gli anziani si baceranno e piangeranno per il club che amano.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply