Il primo robot saudita tocca il corpo di una giornalista nel controverso caso Suprabhatham

RIYADH: Un video del primo robot maschio in Arabia Saudita che “si comporta male” con una giornalista durante un evento dal vivo sta facendo parlare di sé i social media. Il video di un robot maschio che tocca il corpo di una giornalista mentre la copre ha scatenato un acceso dibattito sui social media. Nel video si vede anche il giornalista alzare la mano in riferimento al gesto inaspettato del robot.

L'incidente è avvenuto il 4 marzo, quando il robot è stato presentato per la prima volta al pubblico al festival Deepfest di Riyadh. I social media sono pieni di didascalie come un bot che molesta una giornalista durante un'intervista dal vivo. Ci sono anche reazioni come il robot è un donnaiolo e chi ha addestrato il robot. Nel frattempo molti utenti hanno difeso il bot.

Suggeriscono che ciò potrebbe essere accaduto a causa di un problema tecnico di programmazione. Il robot è stato sviluppato da QSS Systems come parte di un progetto nazionale per mostrare i progressi raggiunti dall’Arabia Saudita nel campo dell’intelligenza artificiale. È il primo robot maschio bilingue realizzato in Arabia Saudita ed è stato presentato anche al DeepFest.

Il primo robot saudita ha toccato il corpo di una giornalista nella controversia in corso

I commenti nella casella dei commenti non sono buongiorno. Solo per i lettori. Non pubblicare commenti osceni, diffamatori, settari, religiosi o settari. Fare tali commenti è punibile secondo la politica informatica del governo centrale.

I commenti sono chiusi per questo post.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply