Strano DNA trovato nel deserto offre lezioni per cacciare la vita su Marte

Commento

Il deserto di Atacama è il luogo più arido della Terra. A tratti sembra Marte. Ma anche nelle regioni più aride non è senza vita. Utilizzando attrezzature all’avanguardia per studiare le rocce del deserto, i ricercatori hanno trovato il DNA. Intrigante Una miscela di microrganismi.

Sorprendentemente, il 9% dei frammenti genetici appartiene a specie sconosciute alla scienza, rendendole parte del “microbioma oscuro”. Il rapporto è stato rilasciato martedì Sulla rivista Nature Communications.

Gli organismi sono batteri “così strani e diversi”, afferma il rapporto, che i ricercatori non possono identificare alcun parente noto.

“In quasi la metà dei casi, i database non potevano dirci chiaramente cosa avevamo in mano”, ha detto a The Post il microbiologo Armando Azua-Bustos del Centro di astrobiologia di Madrid.

Questo lo riporta all’analogia con Marte: lui ei suoi colleghi scientifici credono che l’Atacama sia un banco di prova ideale per la ricerca della vita su Marte. Ma una ricerca simile condotta con le versioni degli strumenti sugli odierni rover su Marte non è riuscita a rilevare le firme microbiche. Ciò significa che senza riportare i campioni sulla Terra, Azua-Bustos e i suoi colleghi hanno concluso che sarebbe stato difficile trovare prove definitive della vita attuale o passata nel suolo marziano.

La ricerca sembra portare avanti la strategia a lungo termine di esplorazione di Marte della NASA e del suo partner, l’Agenzia spaziale europea. Sono nel bel mezzo di una missione multifase chiamata Mars Sample Return. Se tutto va secondo i piani, i campioni di suolo marziano ottenuti dal rover Perseverance della NASA, che ha appena festeggiato il suo secondo anniversario su Marte, saranno riportati sulla Terra all’inizio del prossimo decennio per essere analizzati in laboratori ad alto controllo.

READ  Il deputato Jorge Santos si dimette dai comitati della Camera

Ma questa nuova ricerca mette in luce le sfide che devono affrontare gli scienziati che cercano di conoscere la (ipotetica) storia biologica di Marte. La vita microbica, specialmente se estinta e fossilizzata da tempo, può trovarsi a una distanza pari o superiore a quella che può essere rilevata da strumenti abbastanza piccoli da decollare nello spazio e atterrare su un altro pianeta.

Gli scienziati non hanno mai trovato un esempio di vita extraterrestre, ma un presupposto comune è che i mondi “abitabili” siano abitati: la vita potrebbe in qualche modo, nelle giuste condizioni, emergere. Il Pianeta Rosso ha affascinato a lungo gli astrofisici. Circa 3 miliardi di anni fa, sembrava la Terra quando aveva un’atmosfera densa e acqua liquida in superficie. In teoria, la vita su Marte è ancora misteriosa, anche se gli astronomi sarebbero lieti di trovare anche una forma microscopica vissuta miliardi di anni fa.

Nel 1976 la missione Viking della NASA condusse esperimenti progettati per rilevare la vita, e uno inizialmente fornì un segnale promettente, ma la maggior parte degli scienziati concluse che erano atterrati su un terreno sterile.

Dopo la missione Viking, la NASA si è concentrata sulla ricerca e l’esplorazione di siti che dimostrano che Marte era abitabile miliardi di anni fa, quando era più caldo e più umido. Perseverance e il suo predecessore ancora attivo, il rover Curiosity, hanno trovato tracce di molecole organiche – molecole fondamentali per la vita così come la conosciamo – sulla superficie, sebbene questa non sia una prova di origini biologiche.

“Rimane la questione se si tratti di meteoriti, geologici o biologici”, ha affermato Amy Williams, scienziata planetaria presso l’Università della Florida e membro dei Curiosity and Persistence Science Groups.

READ  Adani ritorna dal capodanno cinese, CSI 300, commercio neozelandese

Il nuovo rapporto di Azua-Bustos e dei suoi collaboratori è importante perché la conservazione di materiale organico in un ambiente marziano è rara e sarebbe difficile da rilevare con sofisticati strumenti di laboratorio, ha affermato Williams.

“Ciò significa che rilevare sostanze organiche con sonde spaziali come gli attuali e futuri rover su Marte potrebbe essere una sfida ancora più grande perché le sostanze organiche vengono facilmente scomposte nell’ambiente della superficie marziana bagnata dalle radiazioni”, ha affermato Williams in una e-mail.

Tuttavia, la ricerca di Atacama mostra che anche in ambienti molto aridi ci sono strati di roccia sedimentaria che contengono quantità significative di resti biologici, ha affermato Chris House, geologo e astrofisico della Penn State. “Non è davvero una sorpresa, ma i risultati avrebbero potuto essere uniformemente desolanti”, ha detto. Questa è una buona notizia per gli scienziati che sperano che le rocce secche marziane possano produrre tracce di vita aliena.

Azua-Bustos è un nativo dell’Atacama che ha trascorso anni come enologo prima di diventare uno scienziato. Ricorda di essere cresciuto in una città dove pioveva solo una volta all’anno ed era sempre un momento clou. Ha detto che ci sono luoghi in cui i residenti non hanno mai visto la pioggia da generazioni.

Ha detto che passa regolarmente attraverso una sezione del deserto conosciuta come la Pietra Rossa mentre si reca in un sito di ricerca, e che un giorno potrebbe valere la pena dare un’occhiata più da vicino. Le rocce erano rosso ruggine a causa della presenza del minerale ematite, che è anche responsabile del colore rosso di Marte, ha detto.

READ  L'aggiornamento annuale di Windows 11 sta arrivando sul tuo PC: 5 nuove funzionalità da provare

100 milioni di anni fa, durante il periodo dei dinosauri, il sito di Red Stone era un delta fluviale, simile all’altopiano marziano all’interno del cratere Jezero diligentemente studiato.

Azua-Bustos è stato sorpreso di trovare materiale genetico di natura sconosciuta trovato nella ricerca Atacama. Tutta la vita sulla Terra discende da un antenato comune, per quanto ne sappiamo. Ci sono state speculazioni, in particolare da parte dello scienziato e autore Paul Davies, che la vita potrebbe essere apparsa sulla Terra più di una volta e che una biosfera “ombra” potrebbe esistere fino ad oggi, che è così diversa da non adattarsi alla nostra definizione di vita sulla terra.

Azua-Bustos, tuttavia, adotta un’interpretazione meno spettacolare delle specie non classificate: il materiale genetico di forme di vita estinte da tempo e precedentemente non documentate.

Il rover Perseverance continua a esplorare il cratere Jezero e scavare e conservare campioni di suolo marziano. Il piano è di mettere in superficie un altro veicolo spaziale, che fungerà anche da rampa di lancio. Perseverance consegnerà quindi i campioni al lander, che lancerà l’oggetto in orbita. Lì si incontrerà con un altro veicolo, un orbiter di costruzione europea, che può trasportare un carico prezioso sulla Terra. Da analizzare con le migliori attrezzature di laboratorio.

Una nuova ricerca suggerisce che potrebbe essere più efficace – e forse l’unico modo definitivo – per scoprire se c’è mai stata vita su Marte.

“Sappiamo che ci sono cose che devono essere scoperte”, ha detto Azua-Bustos. “Ma se il tuo strumento non è progettato per rilevare queste cose, allora abbiamo un problema.”

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply