Starbucks sta preparando il caffè all’olio d’oliva nel tentativo di conquistare il mercato italiano

Commento

Gli italiani sono noti da tempo per il loro amore per il caffè e l’olio d’oliva. Starbucks ora spera di attirarne di più nella sua catena di negozi combinando i due, il che sta già polarizzando i potenziali clienti.

Starbucks annunciato martedì Offre ai negozi italiani caffè fresco con olio extravergine di oliva siciliano, chiamando l’inaspettata alchimia “oleato” – dalla parola italiana per olio.

La catena di caffetterie più grande del mondo ha faticato come altri gruppi di ristorazione americani per entrare nel mercato italiano. Quando ha aperto il suo primo negozio di caffè italiano nel 2017, Starbucks ha affermato che stava entrando nel mercato italiano “con umiltà e rispetto” e da allora si è espanso con cautela. 25 negozi in tutto il nord Italia.

Il CEO di Starbucks, Howard Schultz, ha affermato di aver avuto l’idea di aggiungere olio d’oliva al caffè dopo aver mescolato un cucchiaio del liquido verde-oro con la sua birra mattutina mentre era in Sicilia. “Sono rimasto assolutamente sbalordito dal gusto e dalla consistenza unici che sono stati creati”, ha dichiarato in un comunicato. Ha annunciato la nuova gamma di olio d’oliva come una “innovazione trasformativa” per i bevitori di caffè.

I baristi di Starbucks quindi fanno bollire o agitano l’olio nella farina d’avena prima di versare la miscela risultante in un caffè espresso o una birra fredda (o due) per creare il sapore descritto dai suoi sviluppatori di menu. “

Molti sui social media erano scettici sulla combinazione. “Caffè all’olio d’oliva! Non ho mai visto un italiano bere il loro espresso con l’olio d’oliva. passaggio” Uno ha risposto.

READ  Don Lemon si ritira dall'evento di New York a causa di contraccolpi

Un altro ha chiamato l’idea un “Atrocità.” Una persona ha risposto al messaggio con un’emoji volto confuso

Il caffè debutterà in Italia prima di essere lanciato nei negozi Starbucks nel sud della California e altrove a livello internazionale entro la fine dell’anno, ha affermato la società.

Starbucks ha portato lo stile del caffè italiano in America. Potrebbe portare il caffè americano in Italia?

Descritta come “burro”, la gamma Starbucks comprende tre varianti infuse di olio d’oliva delle famose bevande calde e fredde al caffè; Lattes, espressi ghiacciati e bevande analcoliche. Starbucks promette che i clienti che optano per la birra morbida all’olio “gusteranno un’infusione omogenea di olio extra vergine di oliva Bartanna con schiuma di crema dolce alla vaniglia, che lentamente si fa strada attraverso la bevanda per creare una consistenza morbida, ma ricca”. menù.

La nuova gamma utilizzerà olio spremuto da una varietà di olive siciliane chiamata Castelvetrano, che ricorda il dessert di Starbucks e alcune delle sue opzioni di sciroppo. “Penso a tutte le caramelle al burro che possiamo mescolare con il nostro caffè”, ha detto la sviluppatrice di bevande Starbucks Amy Dilker del nuovo gusto in un comunicato stampa.

Questa non è la prima volta che l’azienda produttrice di bevande aggiunge olio alle sue bevande al caffè: è la prima volta che lo pubblicizza come ingrediente nelle campagne di marketing. Il latte d’avena, spesso utilizzato come alternativa al caffè senza latticini, contiene già olio vegetale, ad esempio, e poi alcuni I menu di Starbucks elencano l’olio di girasole come ingrediente nelle sue opzioni di latte non caseario.

READ  Strano DNA trovato nel deserto offre lezioni per cacciare la vita su Marte

I bevitori di caffè italiani sono noti per le loro preferenze tradizionali: sorseggiare un cappuccino prima di mezzogiorno e preferire un bicchierino veloce di espresso nel pomeriggio, spesso bevuto stando in piedi in un bar, spingendo Starbucks a rimodellare la sua offerta standard per il mercato locale. L’azienda del caffè ha progettato i suoi negozi italiani con un bar per riunire i clienti, riflettendo il patrimonio italiano, e ha creato una miscela di chicchi progettata per soddisfare i gusti dei bevitori di caffè italiani.

È una cattiva tattica per le catene alimentari americane irrompere nell’affollato mercato italiano di cibo e bevande, dove i consumatori si accontentano di ciò che c’è già. Nei menu locali. Nel 2022, Il colosso della pizza Domino’s ha annunciato la chiusura dei suoi negozi in franchising italiani a causa delle scarse vendite. “Agli italiani la pizza all’ananas non piace” titola Un quotidiano italiano.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply