18 cinesi sono tra i 22 morti in un incendio in una fabbrica di batterie in Corea del Sud

Lunedì una potente esplosione ha dato fuoco a una fabbrica di batterie al litio in Corea del Sud, uccidendo 22 lavoratori, la maggior parte dei quali cinesi, hanno detto i vigili del fuoco locali.

L’incendio, in gran parte domato, è scoppiato in una fabbrica gestita dal produttore di batterie Aricel a Hwaseong, un’importante zona industriale situata a circa 90 minuti a sud-ovest della capitale Seul.

Tra i morti ci sono 18 lavoratori cinesi e un lavoratore laotiano. Le nazionalità dei restanti lavoratori deceduti non sono state ancora confermate, ha detto ai giornalisti il ​​funzionario locale dei vigili del fuoco Kim Jin-young, citando informazioni fornite dai funzionari dell’azienda.

Kim ha detto che un operaio è rimasto fuori contatto e che i soccorritori hanno continuato a perquisire il posto. Ha aggiunto che due degli otto feriti erano in gravi condizioni.

Negli ultimi decenni, molte persone provenienti dalla Cina, compresi i coreani, sono emigrate in Corea del Sud per cercare lavoro. Come altri migranti stranieri provenienti dai paesi del sud-est asiatico, spesso finiscono nelle fabbriche o in lavori fisicamente impegnativi e poco retribuiti che i sudcoreani più ricchi evitano.

Lunedì i vigili del fuoco della Corea del Sud sono al lavoro per spegnere un incendio in una fabbrica di batterie al litio. Foto: Agenzia France-Presse

Kim ha detto che l’incendio è scoppiato alle 10:31 ora locale dopo che una serie di celle di batterie sono esplose all’interno di un magazzino contenente circa 35.000 unità. Ha aggiunto che la causa dell’esplosione non è ancora chiara.

Un testimone ha visto i vigili del fuoco trasportare fino a sei corpi fuori dalla fabbrica. Kim ha aggiunto che, a causa della gravità dell’incendio, i soccorritori hanno avuto difficoltà a identificare i morti.

Le autorità presenti sul posto hanno detto che due persone erano in cura per gravi ustioni.

READ  11 cantine da visitare in Lituania quest'estate | vita

Le riprese televisive in diretta hanno mostrato i vigili del fuoco che spruzzavano l’edificio danneggiato in acciaio e cemento. Parti del piano superiore erano crollate e gran parte dell’edificio sembrava essere stata spazzata via in strada da un’esplosione. Le riprese aeree hanno mostrato enormi nubi di fumo che si levavano dall’edificio.

Kim Jae-ho, professore di prevenzione di incendi e disastri all’Università di Daejeon, ha affermato che l’incendio potrebbe essersi diffuso così rapidamente che i lavoratori non sono riusciti a scappare.

“I materiali delle batterie come il nichel sono facilmente infiammabili”, ha detto. “Spesso non c’è abbastanza tempo per reagire, rispetto a un incendio causato da altri materiali”.

L’ufficio del presidente Yeon Suk-yeol ha affermato che sta monitorando la situazione, mentre il ministro dell’Interno Lee Sang-min ha invitato le autorità locali a prendere provvedimenti per evitare che sostanze chimiche pericolose inquinino le aree circostanti.

Fondata nel 2020, Aricell produce batterie primarie al litio per sensori e dispositivi di comunicazione wireless. Ha 48 dipendenti, secondo i suoi documenti organizzativi più recenti e il profilo LinkedIn.

Gli operatori dei soccorsi trasportano il corpo di una persona uccisa lunedì in un incendio mortale in una fabbrica di batterie al litio. Foto: Reuters

Le chiamate agli uffici di Aricell non hanno ricevuto risposta.

La società non è quotata in una borsa valori sudcoreana, ma la maggioranza è posseduta da S-Connect, secondo il documento normativo di Aricell. S-Connect è quotata nell’indice KOSDAQ più piccolo e le sue azioni hanno chiuso in ribasso del 22,5%.

La Corea del Sud, una delle principali economie industriali, ha compiuto sforzi per migliorare il proprio livello di sicurezza dopo diversi incidenti precedenti, molti dei quali sono stati attribuiti a negligenza.

Ulteriori rapporti dall’Associated Press

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply