C'è una città in Norvegia ai cui abitanti è stata impedita la morte per più di 70 anni. Un duro destino attende coloro che contraggono la malattia

Immagine: Pexels.com

I residenti che vivono in una delle regioni più settentrionali del mondo devono seguire una regola rigida ma strana: non possono morire, scrive la pubblicazione. donna.

“quello Possono essere insegnati docenti che si vestono in questo modo?” Il poeta e conferenziere è apertamente inorridito e si fa beffe degli abiti degli insegnanti.

Mangiamo tutti i giorni! Quali alimenti contengono più plastica?

cocktail

video. “È Rita quella? Cosa stai dicendo!” Loris Rennicks descrive l'esperta di relazioni Rita Lasmani come una senzatetto

Leggi altri post

Nell'arcipelago norvegese delle Svalbard, situato tra la terraferma norvegese e il Polo Nord, si trova la remota città di Longyearbyen, ai cui abitanti è vietato morire da 70 anni.

È il luogo abitato più settentrionale del mondo. In inverno la temperatura scende dai 20 ai 30 gradi. I residenti locali sono costretti a trascorrere le loro giornate nella completa oscurità. D'estate invece il sole splende tutto il giorno.

Altri stanno attualmente leggendo

La città è stata fondata nel 1906. La città ha una popolazione di 2.000 abitanti, la maggior parte dei quali sono minatori di carbone e le loro famiglie.

Col tempo i suoi abitanti scoprirono che, grazie al clima freddo, i corpi dei defunti non si decomponevano. I residenti cominciarono a temere la diffusione della malattia. Ciò è stato rafforzato dalla recente scoperta dell’influenza spagnola sui corpi dei morti sepolti cento anni fa.

I residenti della città sono anche preoccupati per la possibilità di cambiamenti climatici, poiché se il permafrost si sciogliesse, il virus potrebbe diffondersi nuovamente.

Per evitare ciò, la città non può morire. Invece, le persone che probabilmente moriranno presto vengono trasportate in aereo sulla terraferma norvegese.

READ  "Putin farà questo per me"

Spiegando il motivo del divieto, Christian Meyer, dell’Università norvegese di Scienza e Tecnologia, ha affermato: “Il motivo è che il permafrost non solo impedisce ai resti sepolti di decomporsi, ma preserva idealmente anche le malattie mortali che la popolazione locale potrebbe successivamente contrarre. ” .

“Se sembra che morirai presto, sarà fatto ogni sforzo per mandarti sulla terraferma”, ha detto.

Dal 1950 è illegale seppellire le persone in un cimitero locale. Anche se qui è consentito seppellire le urne cinerarie, pochi approfittano di questa opportunità e i malati terminali devono invece evacuare l’isola e trascorrere il resto dei loro giorni in Norvegia.

Discussioni

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply