Cosa mangeranno gli astronauti sulla Luna?

Cibo dal nulla: cosa mangerebbero gli astronauti sulla Luna

Scopri come gli scienziati producono proteine ​​dai rifiuti spaziali.

La luna potrebbe essere la nuova frontiera dell’umanità, ma cosa mangeremo una volta arrivati ​​lì? Le proiezioni sono molto interessanti: dalla pasta alle lastre di aria rarefatta.

La corsa allo spazio sta guadagnando slancio. Nei prossimi due anni, la NASA prevede di inviare astronauti sulla Luna come parte del programma Artemis. La Stazione Spaziale Internazionale (ISS), progettata per funzionare per 15 anni, ha già superato la sua vita utile e si sta cercando una sostituzione. Gli scienziati stanno seriamente considerando la possibilità di voli con equipaggio nello spazio profondo. Allo stesso tempo, i progetti di turismo spaziale stanno guadagnando slancio, offrendo l’opportunità alle persone benestanti di viaggiare fino ai confini dello spazio. Ciò solleva una domanda importante: cosa mangeranno le persone nello spazio?

“Il cibo è ciò che mantiene sani gli astronauti”, afferma Sonia Brungs, vicedirettrice delle operazioni degli astronauti presso l’Agenzia spaziale europea (ESA). L’importanza di un’alimentazione varia e di alta qualità per il successo della missione non può essere sopravvalutata.

Attualmente, la dieta degli astronauti a bordo delle stazioni spaziali consiste principalmente in pasti appositamente preparati e confezionati in piccoli contenitori. Questi piatti sono congelati, liofilizzati o cotti per prolungarne la durata. Immediatamente prima del consumo, gli astronauti devono diluire il cibo con acqua per ripristinarne la consistenza originaria. Tuttavia, ci sono alcune restrizioni sulla composizione della dieta, dettate dalle condizioni di assenza di gravità. Sono quindi esclusi i prodotti friabili come il pane, poiché piccole briciole possono penetrare nelle apparecchiature della stazione o essere inalate accidentalmente. Vengono imposte severe restrizioni anche sui cibi salati, perché durante i voli spaziali viene violato il normale metabolismo del sodio nel corpo, che può accelerare lo sviluppo dell’osteoporosi. Inoltre, per mantenere la disciplina e la sicurezza, è severamente vietato il consumo di bevande alcoliche a bordo.

READ  Lo sciopero della Banca nazionale dopo l'incarcerazione del leader sindacale



Il problema della diversità alimentare rimane rilevante. Gli astronauti che hanno trascorso sei mesi nello spazio hanno iniziato a sentire la mancanza di cibi croccanti e consistenti, importanti per la salute mentale.

Nel 2021, la NASA ha lanciato Sfida alimentare nello spazio profondo Trovare nuovi modi per produrre cibo con risorse limitate e sprechi minimi, garantendo cibo sicuro e nutriente per le missioni spaziali di lunga durata.

Uno dei finalisti del concorso è stato Solar Foods di Helsinki. Il loro concetto è quello di utilizzare i rifiuti spaziali per produrre proteine. Hanno scoperto un microbo commestibile che si nutre di una miscela di anidride carbonica, idrogeno e ossigeno e produce una proteina che può essere trasformata in pasta e polvere e mescolata con una varietà di ingredienti per creare una varietà di prodotti.

Anche il cibo fresco è un aspetto importante. La Stazione Spaziale Internazionale dispone già di un piccolo giardino botanico dove gli astronauti studiano la crescita delle piante in condizioni di microgravità. Si sta esplorando anche la possibilità di coltivare ortaggi, microgreens e funghi a bordo di veicoli spaziali.



Con lo sviluppo del turismo spaziale, sono diventate disponibili opportunità per gli chef privati. Ad esempio, il capo chef del ristorante Alchemist di Copenaghen, Rasmus Munch, ha collaborato con SpaceVIP per creare un’esperienza culinaria unica a bordo di un veicolo spaziale privato.

Tuttavia, lo sviluppo del cibo spaziale ha implicazioni non solo per lo spazio, ma anche per la Terra. Le tecnologie sviluppate per le missioni spaziali possono avere applicazioni in ambienti poveri di risorse e climi estremi sulla Terra.

READ  Iga Swiatek domina Aryna Sabalenka e vince il terzo titolo dell'Open d'Italia a Roma | Notizie sul tennis

La terza fase della NASA Deep Space Food Challenge continua quest’estate e i progetti continuano a essere testati in condizioni simili allo spazio. Le nuove tecnologie alimentari potrebbero non solo cambiare la dieta degli astronauti, ma potrebbero anche cambiare la nostra comprensione del cibo sulla Terra.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply