Omar Gandhi Architects crea un mattone luminoso

Lo studio canadese Omar Gandhi Architects ha creato una serie di progetti di illuminazione, tra cui una luce a forma di piastrella progettata per essere integrata nelle pareti dell’edificio.

Lo studio di architettura ha esposto due lampade – una Brick Light e un lampadario tubolare chiamato 18 Ga – in una struttura a Toronto, in Canada.

Omar Gandhi Architects ha creato una serie di progetti di illuminazione tra cui una luce a forma di piastrella

Sviluppato in collaborazione con fabbriche di metalli locali Il figlio di Timo Prodotto per l’illuminazione architettonica Allennuovi prodotti personalizzabili attingono dagli ambienti urbani e utilizzano materiali da costruzione comuni in modi nuovi.

La luce OG Brick si fonde perfettamente con la parete in muratura, mimetizzandosi durante il giorno ed emettendo una calda luce di notte.

Mattone leggero Omar Gandhi
La OG Brick Light è pensata per essere incastonata nei muri di mattoni

Racchiusa in una struttura metallica e una superficie in rete, la lampada è disponibile in due dimensioni: un mattone di dimensioni standard e una variante a doppia larghezza. Può essere utilizzato all’interno e all’esterno.

Secondo lo studio, il prodotto mira a combinare la lavorazione architettonica del metallo con la semplicità del mattone.

Lampada Brick in installazione con lampadario fresato
È stato esposto insieme a un altro progetto di illuminazione in un’installazione a Toronto

“Consideriamo il nostro lavoro integrato e armonioso con il tessuto urbano”, ha affermato Omar Gandhi Architects.oga) Direttore Omar Gandhi, giudice dei Dezeen Awards 2023 “Non puoi guardare il materiale senza tenere conto del contesto.”

La lampada Ga 18 include un rivestimento metallico ondulato di livello industriale calibro 18 che viene utilizzato come riflettore per diffondere il LED incapsulato in policarbonato.

Lampadario fresato e luci in mattoncini
OGA ha collaborato con Donohoe Living Landscapes nella fase di installazione

Il design è disponibile in acero satinato trasparente e frassino nero satinato, ma può anche essere personalizzato come lampada da tavolo.

OGA ha creato un’installazione chiamata Electric nel prisma a doppio spazio della galleria Maysoon Studio a Toronto per lanciare entrambi i prodotti e inserirli in un contesto rilevante.

READ  Il mondo si ritira dopo l’attacco israeliano al convoglio umanitario Notizie della guerra israeliana a Gaza

La OG Brick Light è presentata in una parete volutamente incompiuta di mattoni ad incastro, mentre la 18 Ga è appesa sopra un tavolo in bronzo disegnato da Filo Timo.

Altri elementi espositivi erano un blocco a forma di pillola ricoperto di licheni, anch’esso sospeso al soffitto.

Lampadario in tubo metallico con guaina metallica
18 Ga ha un rivestimento in metallo ondulato

“L’installazione ha fatto un buon lavoro nel mostrare entrambi i prodotti in modo discreto, intrecciati sia nel paesaggio che nel tessuto urbano”, ha detto Gandhi.

“Non era uno scenario tipo mostra, era solo uno scorcio o un’istantanea di uno scenario più realistico. Le caratteristiche del paesaggio hanno contribuito a far uscire le composizioni dal primo piano per creare una scena.”

Gandhi e il suo team hanno collaborato con lo studio di Vancouver I paesaggi viventi di Donohue A poco a poco.

“C’erano molte ragioni per cui era importante includere materiali naturali come i licheni nel nostro design”, ha affermato Ryan Donohue, direttore dello studio.

“Volevamo soprattutto incorporare una struttura organica nel design di Omar Gandhi Architects che ammorbidisse gli elementi duri e creasse un equilibrio armonioso. Senza gli elementi naturali, lo spazio sarebbe sembrato freddo e aspro.”

Luce in mattoni in una parete in muratura marrone chiaro
Brick Light può essere utilizzato sia all’interno che all’esterno

Omar Gandhi Architects ha sviluppato altri mobili e prodotti di illuminazione come la White Rock Chair e l’Alder Chandelier.

“Per noi è tutta una questione di gioia del design e dell’ansia di sentirci come se il tempo a nostra disposizione fosse a corto di tempo”, ha detto Gandhi.

“Abbiamo in qualche modo trovato il modo di esplorarli nei nostri progetti e come elemento collaterale. Mi piace anche che queste cose siano libere e separate dal nostro lavoro; a volte sono più stilisticamente, formalmente e testualmente collegate rispetto ad altre volte al nostro lavoro. Opera architettonica”

READ  La Voyager 1 della NASA, la sonda più lontana dalla Terra, è tornata a fare scienza

Di recente, Dezeen ha raccolto tutti i mobili progettati dall’architetto che sono stati presentati durante la Milano Design Week di quest’anno.

Fotografia di Gwennael Lewis.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply