Dopo tutto, dove si trovano i buchi neri “mancanti” nell’universo? Gli scienziati alzano il sipario su questo grande mistero dello spazio

Ufficio delle notizie scientifiche – Il numero di piccoli buchi neri agli albori dell’universo era probabilmente molto inferiore a quanto stimato. Questa affermazione è stata fatta in un nuovo studio. Il nuovo studio complica ulteriormente il mistero della materia oscura nell’universo. I buchi neri in miniatura o buchi neri primordiali (PBH) sono buchi neri che si ritiene si siano formati immediatamente dopo il Big Bang. Secondo le principali teorie della fisica, le singolarità delle dimensioni di una moneta si sono formate da regioni in rapido collasso di gas denso e caldo.

Molti scienziati spiegano la materia oscura basandosi su queste parti dello spaziotempo infinitamente denso. La materia oscura è quella cosa misteriosa che, sebbene invisibile, rende l’universo così pesante. C’è un grosso problema con questa interpretazione della materia oscura. Cioè, gli scienziati non hanno ancora visto alcun buco nero primordiale. Nel nuovo studio, i ricercatori hanno cercato di risolvere questo enigma. Questo studio è stato pubblicato sulla rivista Physical Review Letters il 29 maggio.

Qual è la possibilità suggerita nel nuovo studio?
Secondo i ricercatori, l’universo moderno potrebbe essere stato formato da un numero molto inferiore di buchi neri primordiali rispetto ai modelli precedenti. “Molti ricercatori credono che essi (i buchi neri primordiali) siano forti candidati per la materia oscura, ma molti di essi sarebbero necessari per soddisfare questa teoria”, ha affermato Jason Christiano, autore principale dello studio. “Loro (i buchi neri primordiali) sono interessanti anche per altri motivi”, secondo Jason. Dopo la recente scoperta dell’astronomia delle onde gravitazionali, è stata scoperta la fusione di buchi neri binari, che può essere spiegata solo se esiste un gran numero di PBH. Ma nonostante queste potenti ragioni, non abbiamo osservato direttamente alcun PBH e ora abbiamo un modello che ne spiega il motivo.

READ  Il momento in cui Tiktoker Jane è stata tirata fuori morta da un dirupo in Italia (video)

Perché il buco nero primordiale non è stato scoperto?
Secondo la teoria del Big Bang, l’universo ha avuto origine 13,8 miliardi di anni fa. Il giovane universo è esploso verso l’esterno a causa di una forza invisibile chiamata energia oscura. Man mano che l’universo cresceva, la materia normale interagiva con la materia attorno ad ammassi di materia oscura invisibile, formando le prime galassie. Gli scienziati ora credono che solo il 5% dell’universo sia costituito da materia ordinaria, il 25% da materia oscura e il 70% da energia oscura. Alcuni scienziati ritengono che non abbiamo ancora scoperto i buchi neri primordiali perché non sappiamo come trovarli. Tuttavia, utilizzando un modello basato sulla teoria quantistica dei campi, i ricercatori del nuovo studio hanno concluso che non possiamo trovare alcun buco nero primordiale perché la maggior parte di essi non esiste.

Condividi questa storia

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply