Gli Emirati Arabi Uniti parlano della tecnologia della pioggia artificiale

Lo ha confermato il rappresentante del Centro Nazionale di Meteorologia negli Emirati Arabi Uniti la nazionale Il 17 aprile, gli aerei da semina non si erano ancora avvicinati alla tempesta, che ha portato forti piogge in molte zone del paese.

La città di Dubai si trasforma in un mare d'acqua nonostante si trovi in ​​mezzo al deserto – Fotografia: The National

Molte persone si sono rivolte ai social media per ipotizzare che il responsabile delle inondazioni fosse il programma di cloud seeding del paese – il processo che tenta di generare artificialmente più pioggia dalle nuvole.

“Uno dei principi di base dell'inseminazione delle nuvole è che bisogna colpire le nuvole nelle fasi iniziali prima che inizi la pioggia. Se si verificano condizioni di forti temporali, è troppo tardi per continuare a svolgere qualsiasi attività di inseminazione”, ha spiegato il rappresentante.

Forti piogge a Dubai: gli Emirati Arabi Uniti parlano della tecnologia della pioggia artificiale - Immagine 2.

I bambini si sedevano e giocavano su una panchina pubblica in mezzo alle inondazioni di Dubai – Fotografia: The National

NCM ha sottolineato che prende sul serio la sicurezza delle persone, dei piloti e degli aerei e non intraprende queste attività in caso di eventi meteorologici gravi.

Gli aerei erano in volo nei giorni precedenti la tempesta, ma stavano semplicemente “campionando” e non seminando le nuvole, ha detto l’agenzia.

Hanno anche affermato in precedenza che durante i periodi di tempo instabile in cui viene eseguita la semina, l'operazione non scatenerà temporali.

Forti piogge a Dubai: gli Emirati Arabi Uniti parlano della tecnologia della pioggia artificiale - Immagine 3.

Alcune strade non sono state allagate, ma gli alberi sono caduti a causa dei temporali – Fotografia: The National

In precedenza, forti piogge e tuoni avevano causato il caos negli Emirati Arabi Uniti, e la “città deserta” di Dubai sembra subire le conseguenze peggiori.

READ  30 migliori Trapunta Una Piazza E Mezza da acquistare secondo gli esperti

Gli automobilisti che si trovano ad affrontare inondazioni sulla Sheikh Zayed Road all'aeroporto internazionale di Dubai hanno esortato i passeggeri a non recarsi lì se non assolutamente necessario, e una persona è morta a causa di inondazioni improvvise a Ras Al Khaimah.

Dubai è stata testimone di una devastazione particolare, con interruzioni di corrente in alcune aree, aree residenziali esposte a inondazioni e l’impossibilità per i residenti di tornare alle proprie case.

Sebbene il governo di Dubai abbia raccomandato a tutti i dipendenti del settore pubblico e privato di lavorare da remoto il 16 e 17 aprile, alcuni uffici rimangono aperti come di consueto, a causa delle difficoltà che i dipendenti devono affrontare per viaggiare.

Ahmed Ali, contabile di un'azienda di generi alimentari e bevande, ha detto a The National di essere rimasto bloccato nell'ufficio di Dubai Marina per più di 30 ore a causa della chiusura delle strade e della metropolitana.

Un'altra persona, il signor Ali, un pakistano, ha detto che lui e i suoi colleghi hanno dovuto passare la notte in ufficio.

Qualche altra foto dopo le insolite piogge negli Emirati:

Forti piogge a Dubai: gli Emirati Arabi Uniti parlano della tecnologia della pioggia artificiale - Immagine 4.
Forti piogge a Dubai: gli Emirati Arabi Uniti parlano della tecnologia della pioggia artificiale - Immagine 5.
Forti piogge a Dubai: gli Emirati Arabi Uniti parlano della tecnologia della pioggia artificiale - Immagine 6.
Forti piogge a Dubai: gli Emirati Arabi Uniti parlano della tecnologia della pioggia artificiale - Immagine 7.
Forti piogge a Dubai: gli Emirati Arabi Uniti parlano della tecnologia della pioggia artificiale - Immagine 8.
Forti piogge a Dubai: gli Emirati Arabi Uniti parlano della tecnologia della pioggia artificiale - Immagine 9.
Forti piogge a Dubai: gli Emirati Arabi Uniti parlano della tecnologia della pioggia artificiale - Immagine 10.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply