Gli scienziati innescano un'esplosione termonucleare all'interno di un supercomputer

I supercomputer sono straordinari pezzi di tecnologia per una miriade di ragioni, e una di queste è la capacità sbloccata di eseguire… Una simulazione al computer molto complessa.

Visualizza la galleria – 3 foto

Astronomi e ricercatori utilizzano i supercomputer per eseguire simulazioni di oggetti astronomici nel tentativo di saperne di più su come funzionano, si formano ed evolvono. Uno di questi oggetti sono le stelle di neutroni, o i resti di una stella che ha perso tutto il suo carburante ed è esplosa in una supernova ardente.

Quando il materiale sulla superficie esterna della stella viene lanciato nello spazio, il nucleo della stella di neutroni collassa, formando una sfera estremamente densa di soli 12 miglia di diametro. Tuttavia, la massa di questa pallina equivale a 2,3 volte la massa del nostro Sole. Gli scienziati non hanno una comprensione completa delle proprietà di una stella di neutroni, e la domanda principale è quanto è densa la materia.

Possiamo vedere questi eventi accadere in modo più dettagliato attraverso la simulazione. Una delle cose che vogliamo fare è comprendere le proprietà di una stella di neutroni perché vogliamo capire come si comporta la materia alle densità estreme che si troverebbero in una stella di neutroni,afferma l'astrofisico computazionale Michael Zingale della State University di New York a Stony Brook

Quando l’intensa gravità di una stella di neutroni consuma il materiale che la circonda, può creare un’esplosione termonucleare che invia esplosioni di raggi X in tutto l’universo. I ricercatori ritengono che l’analisi di queste esplosioni fornirà loro informazioni sulle proprietà di una stella di neutroni.

Il grande obiettivo è sempre quello di collegare le simulazioni di questi eventi a ciò che abbiamo osservato. Il nostro obiettivo è capire come appare una stella primaria ed esplorare cosa possono fare questi modelli attraverso le dimensioni è vitale.“Spiega Zingale.

In precedenza, i ricercatori utilizzavano il supercomputer Summit dell’Oak Ridge National Laboratory per simulare esplosioni termonucleari in due dimensioni, e ora hanno condotto gli stessi esperimenti in tre dimensioni. Gli esperimenti hanno creato un modello 3D di una stella di neutroni che aveva una temperatura milioni di volte più calda di quella del Sole e una velocità di rotazione di 1.000 giri al secondo.

READ  "Non potevo credere ai miei occhi" Il cliente che ha portato uno schermo a Starbucks ha suscitato scalpore: Nate News

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply