Il rossetto più antico del mondo è stato ritrovato in Iran

Gli antichi uomini e donne iraniani prestavano molta attenzione all'aspetto elegante. Ciò è confermato anche dal recente studio condotto da un team internazionale di archeologi che ha studiato l'età e la composizione del rossetto in un sito dell'età del bronzo nell'odierno Iran sudorientale. Il fard rosso scuro con una leggera lucentezza ha circa 3.700 anni, il che significa che gli antenati degli odierni iraniani usavano già il rossetto nel II millennio a.C.

Secondo gli archeologi, questo potrebbe essere il rossetto più antico mai analizzato al mondo. Una ciotola di clorite è stata trovata durante gli scavi nell'area di Dirovt nel 2001, ma solo la moderna datazione al radiocarbonio ha dimostrato che il rossore trovato in essa è stato realizzato tra il 1936 e il 1687 a.C. Ma gli archeologi non furono sorpresi dall'era del rossore, perché sapevano già che gli antichi iraniani avevano una buona conoscenza della tecnologia cosmetica.

Composizione del colore rosso di 3700 anni (colori migliorati dal computer): ematite (rosso), brownite (giallo) e galena (verde). Immagine: Iskandari et al., Rapporti scientifici, 2024 (CC BY 4.0)

Scavi in ​​Medio Oriente e in Egitto hanno già trovato resti di ciprie, ombretti e eyeliner, ma non hanno ancora rinvenuto pigmenti rossi chiari come quelli trovati nel rossetto. L'analisi chimica del residuo rosso, che ora appare come una polvere cremisi, ha mostrato che conteneva principalmente ematite, un minerale di ossido di ferro noto per il suo intenso colore rossastro scurito dalla manganite e dalla brownite.Tracce di galena sono state trovate anche nell'angelite e in altri composti organici. materiali. L'antica miscela cosmetica contiene anche fibre vegetali, che verosimilmente aromatizzano il fard.

READ  Gli scienziati risolvono il mistero del perché esiste una differenza di età tra una coppia di stelle di oltre un milione di anni

Configurazione simile oggi

Hanno anche identificato particelle di silice (quarzo) che potrebbero essere state aggiunte al fard per conferirgli un aspetto brillante; Bene, un'altra spiegazione, meno affascinante, è che la silice sia semplicemente caduta dal contenitore nel corso dei secoli e dei millenni… ma in ogni caso, i ricercatori hanno scoperto che l'antica miscela di fard era sorprendentemente simile alla miscela odierna. Anche il contenitore era realizzato con grande precisione e splendidamente decorato, per cui si può concludere che nell'età del bronzo si prestava molta attenzione anche agli imballaggi o contenitori in cui venivano venduti e conservati i cosmetici. “I cosmetici rappresentavano un lusso molto speciale e giocavano un ruolo importante nella formazione delle relazioni nella prima società cittadina”, uno degli autori dello studio, il prof. Massimo Vidal.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply