La Cina conduce una “pattuglia di combattimento” nel Mar Cinese Meridionale durante le esercitazioni di guerra guidate dagli Stati Uniti | Notizie sul Mar Cinese Meridionale

Pechino sta conducendo pattugliamenti marittimi e aerei nella via navigabile contesa, mentre Stati Uniti, Giappone, Australia e Filippine stanno conducendo le loro prime esercitazioni congiunte.

La Cina ha condotto “pattuglie di combattimento” militari nel conteso Mar Cinese Meridionale, mentre gli Stati Uniti tengono le prime esercitazioni militari congiunte con Filippine, Giappone e Australia.

L'annuncio a sorpresa di Pechino di un'esercitazione navale domenica è arrivato il giorno dopo che i ministri della difesa dei quattro paesi avevano annunciato che le Filippine avrebbero ospitato esercitazioni congiunte nella stessa regione lo stesso giorno.

Il Comando del Teatro Meridionale dell'Esercito Popolare di Liberazione a Pechino ha dichiarato che sta organizzando “pattuglie congiunte di combattimento navale e aereo nel Mar Cinese Meridionale”.

“Tutte le attività militari che confondono la situazione nel Mar Cinese Meridionale e creano punti caldi sono sotto controllo”, ha affermato in una nota, in evidente critica alle esercitazioni guidate dagli Stati Uniti.

Domenica l’esercito cinese non ha fornito ulteriori dettagli sulle sue attività nella via navigabile.

Le esercitazioni si sono svolte giorni prima che il presidente degli Stati Uniti Joe Biden tenesse il primo vertice tripartito con i leader di Giappone e Filippine.

Alti funzionari statunitensi hanno ripetutamente dichiarato il “fermo” impegno degli Stati Uniti a difendere le Filippine da qualsiasi attacco armato nel Mar Cinese Meridionale – con grande costernazione di Pechino.

Accuse commerciali

La Cina rivendica quasi l’intero Mar Cinese Meridionale e la sua assertività nella regione è aumentata negli ultimi anni.

Una sentenza emessa da un tribunale dell'Aja nel 2016 ha dichiarato che la richiesta di Pechino era infondata. Ma Pechino ha ignorato quella sentenza così come le rivendicazioni concorrenti delle Filippine e di altri paesi del sud-est asiatico.

READ  C'è una città in Norvegia ai cui abitanti è stata impedita la morte per più di 70 anni. Un duro destino attende coloro che contraggono la malattia
Una nave della guardia costiera cinese accanto a una nave dell'Ufficio filippino per la pesca in un'area all'interno della zona economica esclusiva di 200 miglia nautiche designata a livello internazionale a Manila nel marzo 2024. [File: Philippine Coast Guard/Handout via AFP]

Sabato la guardia costiera cinese ha scambiato accuse con le Filippine. Ha affermato di aver “affrontato” la situazione verificatasi giovedì a Iroquois Reef, sostenendo che diverse navi provenienti dalle Filippine erano coinvolte in operazioni “illegali”.

“Con il pretesto di proteggere la pesca, le navi del governo filippino hanno illegalmente violato e provocato i media organizzati per incitare e fuorviare deliberatamente e continuare a minare la stabilità nel Mar Cinese Meridionale”, ha detto il portavoce Jan Yu.

“Stiamo dicendo alle Filippine che qualsiasi tattica di violazione sarà vana”, ha detto Gan, aggiungendo che la Cina “applicherà regolarmente la legge nelle acque sottomarine”. [its] Giurisdizione”.

Iroquois Reef si trova a circa 128 miglia nautiche (237 km) dall'isola filippina di Palawan e all'interno della zona economica esclusiva di 200 miglia nautiche come definita dal diritto internazionale. Anche il portavoce della Guardia costiera filippina Jay Tarella ha accusato la Cina di condurre “operazioni di contrasto illegali”.

La barriera corallina si trova a circa 1.215 chilometri (657 miglia nautiche) dall'isola più meridionale della Cina, Hainan.

Le esercitazioni congiunte, ospitate domenica dalle Filippine, mirano a “[ensure] “Tutte le nazioni sono libere di volare, navigare e operare ovunque consentito dal diritto internazionale”, ha affermato il segretario alla Difesa americano Lloyd Austin in una dichiarazione congiunta.

La dichiarazione congiunta afferma che le esercitazioni, denominate “Attività cooperativa marittima”, includeranno unità navali e aeree dei quattro paesi.

Le esercitazioni includeranno anche un addestramento alla guerra antisommergibile per proteggere “lo stato di diritto che è il fondamento di una regione indo-pacifica pacifica e stabile”, affermano i rapporti.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply