L’Unione Europea sta valutando la possibilità di estendere le sanzioni contro l’Iran dopo l’attacco a Israele

I ministri degli Esteri dell'Unione europea si sono riuniti martedì per analizzare la situazione in Medio Oriente, dopo l'attacco di sabato scorso da parte dell'Iran a Israele. Il capo della diplomazia portoghese, Paulo Rangel, ha partecipato in videoconferenza a questo incontro straordinario, così come altri ministri.

In una conferenza stampa al termine dell'incontro, l'Alto Rappresentante dell'Unione Europea per gli Affari Esteri ha annunciato che il corpo diplomatico dell'Unione Europea inizierà a lavorare per espandere le sanzioni contro l'Iran, dopo che diversi Stati membri hanno presentato una proposta in tal senso.

Ha annunciato: “Invierò la richiesta al Dipartimento del Lavoro Estero per avviare i lavori necessari relativi a queste sanzioni”.

Secondo Borrell, la proposta – sostenuta in particolare da Francia e Germania – mira ad ampliare le sanzioni contro l'Iran includendo i missili che Teheran fornirà alla Russia e gli agenti sotto l'influenza iraniana in Medio Oriente.

L’Alto rappresentante dell’Unione europea per gli affari esteri e la politica di sicurezza ha avvertito che finora non ci sono prove che Teheran stia fornendo missili a Mosca, ma le sanzioni potrebbero “già includere questa possibilità”.

Il capo della diplomazia europea ha inoltre spiegato che l'attuale regime di sanzioni, che attualmente riguarda solo l'Iran, potrebbe essere esteso anche agli alleati di Teheran in Medio Oriente, come gli Hezbollah libanesi o i ribelli Houthi nello Yemen.

Borrell ha annunciato che alcuni Stati membri hanno richiesto anche l'applicazione di un regime di sanzioni nei confronti di chi fornisce all'Iran componenti utilizzati nella fabbricazione e produzione di veicoli senza pilota. “Questa esiste già ed è stata approvata dal Consiglio europeo nel luglio 2023”, ha spiegato.
Nel luglio 2023, l’Unione Europea ha adottato misure restrittive a causa del sostegno militare iraniano alla guerra della Russia contro l’Ucraina, compreso il divieto di esportazione di componenti utilizzati nella produzione di droni dall’Unione Europea all’Iran.
Alcuni dei 27 membri hanno anche chiesto che vengano imposte sanzioni alla Guardia rivoluzionaria iraniana, ma Borrell ha spiegato che per portare avanti questa misura “è necessario che ci sia una decisione presa da un’autorità nazionale relativa alla questione della attività terroristiche in cui è coinvolto questo rivoluzionario”. Le guardie sono coinvolte”. Ha aggiunto: “Non è questo il caso in questa fase”.

Josep Borrell ha dichiarato: “Tutti i ministri dell’Unione Europea hanno condannato fermamente l’attacco iraniano a Israele e hanno riaffermato il loro impegno per la sicurezza di Israele”, aggiungendo che i ministri del blocco “hanno invitato tutti gli attori in Medio Oriente a fare un passo indietro dall’abisso”.

READ  30 migliori Gaucho Peg Perego da acquistare secondo gli esperti

“Dobbiamo uscire dall'abisso (…). La regione non ne ha bisogno. Il mondo non ne ha bisogno. La popolazione di Gaza non ne ha bisogno. La sua sofferenza continuerà ad aumentare.” Il capo della diplomazia europea ha avvertito.
Gli Stati Uniti si preparano ad attuare nuove sanzioni

Gli Stati Uniti hanno inoltre annunciato che “non esiteranno” a rafforzare le sanzioni contro l’Iran, e prevedono addirittura di annunciarle “nei prossimi giorni”.

“EHI [Departamento do] Martedì il segretario al Tesoro americano Janet Yellen ha avvertito che il Tesoro non esiterà a collaborare con i nostri alleati per utilizzare il potere delle nostre sanzioni per continuare a interrompere le attività maligne e destabilizzanti del regime iraniano.

Ha aggiunto: “Spero che prenderemo ulteriori sanzioni contro l’Iran nei prossimi giorni”, sottolineando che “le azioni dell’Iran minacciano la stabilità della regione e potrebbero avere ripercussioni economiche”.

Israele ha invitato la comunità internazionale a imporre sanzioni all'Iran e a considerare il Corpo delle Guardie della Rivoluzione Islamica un'organizzazione terroristica.

Tel Aviv ha già promesso di rispondere all’attacco iraniano di sabato, durante il quale sono stati lanciati più di 300 missili e droni. L’Iran, a sua volta, ha avvertito che qualsiasi piccola azione da parte di Israele contro gli “interessi iraniani” porterebbe a una “dura reazione da parte del vostro Paese”.

Con le agenzie

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply