Migliaia di georgiani hanno manifestato contro la legge sull'influenza straniera

Circa 10.000 manifestanti si sono radunati in Piazza della Repubblica, nel centro di Tbilisi, per poi marciare verso il Parlamento. Molti di loro sventolavano le bandiere dell’Unione Europea. Lo riferisce l'Agenzia France-Presse.

Il disegno di legge ha portato migliaia di georgiani in piazza più volte da quando il partito al governo Sogno Georgiano lo ha presentato al parlamento a metà aprile. Ciò ha sollevato preoccupazioni anche a Bruxelles, che ha avvertito che l'adozione di questo tipo di legge potrebbe compromettere le possibilità della Georgia di aderire all'Unione europea.

Un precedente tentativo di adottare uno standard simile è fallito lo scorso anno a causa delle massicce proteste dell’opposizione. “Le autorità che hanno reintrodotto il disegno di legge russo vanno oltre ciò che la Costituzione consente, cambiano la direzione del Paese e tradiscono la ferma volontà del popolo”, hanno scritto gli organizzatori delle organizzazioni per i diritti umani e dei partiti di opposizione.

L’Agence France-Presse ha citato Niko Gvaramiou, leader del partito d’opposizione Ashali, che ha affermato: “Questa legge, come questo governo, non è compatibile con la storica decisione presa dalla Georgia di aderire all’Unione Europea”.

I critici paragonano questo standard alle leggi russe che hanno permesso al Cremlino di reprimere il dissenso e sopprimere i media indipendenti. Ma secondo il capo del governo georgiano, il compito della legge è impedire l’“akraizzazione” della Georgia. La legge è stata finora approvata in prima lettura. Il partito al potere ha una maggioranza così forte in parlamento da riuscire a superare anche il veto dichiarato del capo dello Stato, Salome Zurabishvili.

READ  30 migliori Smart Card Reader da acquistare secondo gli esperti

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply