Nella mente della donna che ha corso 1.000 chilometri in 12 giorni

Progetto 1000 Natalie Dow durante la sua fuga dalla Thailandia a SingaporeProgetto 1000

Natalie correva almeno 84 chilometri al giorno, l’equivalente di due maratone

“Devo solo fare un passo, un chilometro alla volta… L’ultra running è un rapporto di amore-odio”, ha detto Natalie Dow in un messaggio vocale registrato da qualche parte lungo la costa orientale della Malesia.

Il 52enne ha completato un terzo dei 1.000 chilometri dalla Thailandia a Singapore, ed è stato un viaggio difficile.

“Oggi è la prima volta in quattro giorni che mi chiedo se riuscirò davvero a finire questa cosa. Amo la sfida di questo sport, amo i rigori di tutto questo, ma odio quei punti bassi. Arrivano spesso”, ha detto.

Natalie ha dovuto correre almeno 84 chilometri al giorno – l’equivalente di due maratone – per raggiungere il suo obiettivo di finire la corsa in 12 giorni.

Natalie è un’ultrarunner, percorre distanze superiori a 42,2 chilometri, la lunghezza di una maratona. Ma non si era allenata come atleta per tutta la vita. Ha iniziato a correre solo verso la trentina per mettersi più in forma.

Sebbene la corsa sia decollata a livello globale, la maggior parte dei dati mostra una crescita nei paesi occidentali. I dati per l’Asia sono difficili da ottenere, anche se diversi paesi della regione ospitano maratone popolari, come Taiwan, Cambogia e Giappone.

La sfida è trovare più partecipanti tra gli atleti non professionisti che, come Natalie, corrono per cause specifiche, spesso documentando le loro estenuanti corse sui social media.

“Che tu arrivi primo o ultimo, non importa. Hai fatto qualcosa di quasi sovrumano, qualcosa che solo lo 0,05% della popolazione mondiale farebbe mai”, ha detto.

Ma ci vogliono delle perdite. Era bruciata dal sole ed esausta dopo aver corso per ore sotto il caldo sole del sud-est asiatico. I suoi fianchi iniziarono ad avere crampi il primo giorno. Il terzo giorno sviluppò un’infezione del tratto urinario.

READ  La Svizzera ha violato i diritti umani a causa del suo approccio al cambiamento climatico

Alla fine, ha tagliato il traguardo nel centro di Singapore il 5 giugno, insieme a centinaia di corridori venuti a sostenerla in un giorno feriale.

Vestiti con abiti da corsa dai colori vivaci, hanno fatto jogging attraverso le aree industriali della città nelle prime ore del mattino, mentre i lavoratori con salario giornaliero, portando zaini e sacchetti di plastica per il pranzo, si dirigevano al lavoro.

Il Project 1000 di Natalie Dow è al traguardoProgetto 1000

Dodici giorni di alti e bassi

“La distanza più lunga che ho corso prima era di 200 chilometri”, ha detto Natalie alla BBC il giorno dopo la fine della sua corsa. “Stavo cercando un modo diverso per mettermi alla prova.”

A settembre le è venuta l’idea di fuggire dal confine tailandese attraverso la Malesia per raggiungere Singapore. Nel corso dei successivi otto mesi, diversi amici si unirono per aiutare a pianificare la corsa, in seguito chiamata Progetto 1000.

“All’epoca ero un po’ ingenuo e sapevo poco su cosa sarebbe servito per pianificare un viaggio del genere. Il mio team mi ha chiesto cose a cui non avevo pensato: cosa succede se ho bisogno di un ospedale? Come pianifichiamo i valichi di frontiera? avremo bisogno di tanti mezzi di sicurezza?

Durante l’ultramaratona di 12 giorni, Natalie ha inviato note audio notturne alla BBC riassumendo gli alti e bassi di ogni giornata.

Il quinto giorno, ha detto: “Ci siamo presi un po’ di tempo per fare colazione in una bancarella lungo la strada e ci siamo goduti il ​​panorama per cinque minuti prima di uscire di nuovo. Oggi è stata una bella giornata, ma non mi aspetto che ogni giorno sia bello. ” “Abbiamo ancora molta strada da fare.”

READ  Quale film viene rilasciato sulla piattaforma OTT, dove puoi guardarlo gratuitamente e guardarlo molto facilmente.
Progetto 1000 Natalie Dow inizia il suo viaggio a Hat Yai, in TailandiaProgetto 1000

Natalie ha detto che svegliarsi ogni giorno era “la cosa più spaventosa”.

Lei e il suo team hanno dormito solo due o tre ore ogni notte, perché il terzo giorno hanno deciso di iniziare a correre poco dopo mezzanotte per combattere il caldo.

“Finire la cena alle 20:00 e puntare la sveglia alle 23:30 non è divertente”, ha detto in un altro messaggio.

Natalie ha detto dopo la corsa che svegliarsi ogni giorno era “la cosa più spaventosa”. “Mi svegliavo ogni mattina e mi chiedevo: e se non potessi correre oggi?”

“Il traguardo è così lontano che non puoi visualizzarlo. Non riuscivo nemmeno a vedere il traguardo alla fine della giornata… Devi mettere mentalmente la testa nella zona senza sapere quale sarà il traguardo sembra.”

Verso la fine, ha descritto il suo corpo come “sentendosi così distrutto”. Si fasciava le dita dei piedi perché “erano tutte doloranti”.

“Ho difficoltà a camminare, sono stanco e voglio solo tornare a casa e vedere la mia famiglia. Cercherò di godermi il domani, ma non vedo l’ora di attraversare il confine.” [into Singapore]Ad essere onesti, ha detto nel suo diario il 10.

“Gli ultra runner vogliono sentirsi a disagio.”

Natalie ha detto che gli ultra runner hanno “un certo tipo di personalità”.

“In alcune parti del mondo viviamo tutti molto comodamente. [So] “Le persone cercano di sentirsi un po’ a disagio, e l’ultra running è davvero un ottimo modo per farlo.”

Al di là di questo sentimento di realizzazione personale, Natalie ha detto che spera che il Progetto 1000 dia potere alle donne. La gara ha raccolto circa 50.000 dollari di Singapore (37.000 dollari USA) per GRLS, un progetto di finanziamento di beneficenza che incoraggia più ragazze e donne a praticare sport.

READ  Questo studio su cervelli umani di 12.000 anni è rivoluzionario

“Che le persone donassero o meno, era una piattaforma per diffondere un messaggio”, ha detto Natalie. “Inoltre, facendolo da donna anziana, volevo davvero mostrare alle persone che puoi rimanere sfidato [yourselves]. Siamo limitati solo dalle nostre convinzioni”.

Tuttavia, correre a questo livello rimane un privilegio perché richiede tempo e spesso richiede sponsor e personale di supporto.

Natalie Dow del Project 1000 e il suo istruttore di fitness Arthur Tong su una biciclettaProgetto 1000

Gli ultrarunner hanno un “certo tipo di personalità”, dice Natalie.

Tuttavia, altri partecipanti a queste gare affermano che questo sport essenziale è ancora aperto a molte persone.

“Tutto ciò di cui hai bisogno è un paio di scarpe”, ha detto John Ellis, un corridore professionista con sede a Hong Kong.

“L’aspetto sociale e competitivo delle corse è divertente, ma il mondo è un posto grande e meraviglioso ed è bello uscire e vederlo mentre spingi i tuoi limiti e scopri nuove cose su te stesso.”

È anche una “comunità accogliente”, ha affermato Mary Hui, giornalista e maratoneta di Hong Kong.

“Correndo con un gruppo numeroso, molta interazione prima e dopo, e ore e ore di allenamento con questi ragazzi… noterai che anche il miglior corridore può avere una brutta giornata sui sentieri. Questo può abbassare le barriere.”

Quando le è stato chiesto se l’emozione di completare la gara valesse tutto il dolore, Natalie ha risposto: “L’avventura e l’esperienza… ne è valsa la pena”.

Lo rifaresti? Me lo sono chiesto ad alta voce e ho risposto solo con una risata nervosa.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply