Scoperta di nuovi siti di arte rupestre nel deserto orientale sudanese

Gli archeologi della Macquarie University e dell’Istituto di cultura mediterranea e orientale dell’Accademia polacca delle scienze hanno scoperto 16 nuovi siti di arte rupestre nel deserto orientale sudanese, o “Atbai”. Quasi tutte le opere d’arte scoperte di recente, risalenti a 4.000 anni fa, raffigurano bovini.

Arte rupestre realizzata in un sito intorno al Monte Nahujant nel deserto sudanese orientale. Credito immagine: Cooper et al., doi: 10.1177/03075133231211.

Il dottor Julian Cooper, ricercatore presso la Macquarie University, ha dichiarato: “È stato sconcertante trovare bovini scolpiti nelle pareti rocciose del deserto, perché hanno bisogno di molta acqua e acri di pascolo e non sarebbero in grado di sopravvivere in un ambiente secco e arido. del deserto oggi”. .

“La presenza di bovini nell’antica arte rupestre è una delle prove più importanti dell’esistenza di un ‘deserto verde’.”

L’arte rupestre scoperta nel Sudan orientale raffigura anche il deserto come una savana erbosa, piena di stagni, fiumi, paludi e pozzi d’acqua, e sede di una varietà di animali della savana africana come la giraffa e l’elefante.

L’idea di un “deserto verde” è stata confermata dal lavoro sul campo e da precedenti ricerche archeologiche e climatologiche, con gli esperti che lo chiamano il “Periodo umido africano” – un periodo di maggiori precipitazioni monsoniche estive iniziato circa 15.000 anni fa e terminò circa 5.000 anni fa. Anni fa.

Immagini di esseri umani accanto al bestiame potrebbero riferirsi al processo di mungitura, suggerendo che l’area fosse abitata da pastori di bestiame fino alla fine del II o III millennio a.C.

Dopo questo punto, la riduzione delle precipitazioni ha reso impossibile il pascolo del bestiame.

READ  Come è iniziata la vita sulla Terra? Risposta imprevedibile all’intelligenza artificiale

Oggi, questa zona non riceve quasi alcuna pioggia annuale.

Dopo la fine del “periodo umido africano”, intorno al 3000 a.C., laghi e fiumi iniziarono a prosciugarsi, la sabbia ricoprì le praterie morte e la maggior parte della popolazione lasciò il deserto del Sahara per cercare rifugio più vicino al fiume Nilo.

“Il deserto di Atbai intorno a Wadi Halfa, dove è stata scoperta la nuova arte rupestre, è diventato quasi completamente spopolato. Per coloro che sono rimasti, il bestiame è stato abbandonato per pecore e capre”, hanno detto gli archeologi.

“Ciò avrebbe avuto importanti conseguenze su tutti gli aspetti della vita umana: dalla dieta e dalle limitate scorte di latte, ai modelli migratori delle famiglie di pastori, all’identità e al sostentamento di coloro che dipendono dal loro bestiame”.

Il gruppo carta È stato pubblicato nel Rivista di antichità egiziane.

_____

Giuliano Cooper et al. 2023. Indagini sull’arte rupestre nel deserto orientale sudanese: risultati del progetto Atbai Survey 2018-2019. Rivista di antichità egiziane 109 (1-2); doi: 10.1177/03075133231211

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply