Angolo: Decine di migliaia di russi fuggono dalla Turchia, sostenuti dalla revisione politica e dall’aumento dei prezzi | Reuters

Il 21 maggio, dopo l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia, un gran numero di russi sono emigrati in Turchia per ragioni quali eludere le sanzioni dei paesi occidentali ed evitare la coscrizione militare. In questa foto, le persone tengono in mano manifesti di protesta contro l’invasione russa dell’Ucraina a Istanbul nel marzo 2022. (2024 Reuters/Dilara Sinkaya)

[イスタンブール 21日 ロイター] – Dopo l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia, un gran numero di russi sono immigrati in Turchia per ragioni quali eludere le sanzioni dei paesi occidentali ed evitare il servizio militare. Ma le interviste con i russi e le statistiche hanno rivelato che decine di migliaia di russi hanno lasciato la Turchia nell’ultimo anno a causa di una revisione della politica turca e della grave inflazione.

Quando scoppiò la guerra in Ucraina nel febbraio 2022, la Turchia, un paese confinante con la Russia e membro dell’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico (NATO), emerse come una destinazione migratoria popolare per i russi. In particolare, molti russi si sono riversati a Istanbul, la città più grande, e ad Antalya, una zona turistica lungo il Mar Mediterraneo.

Le ragioni vanno dall’opposizione all’invasione dell’Ucraina alla protezione di se stessi e delle proprie aziende dalle sanzioni contro la Russia, compreso il divieto di viaggio nei paesi europei, all’elusione della leva militare.

Tuttavia, secondo le statistiche ufficiali turche, il numero di russi con permesso di soggiorno ha raggiunto i 96.000 a maggio, in calo di oltre un terzo rispetto ai 154.000 della fine del 2022.

Nove russi intervistati da Reuters hanno affermato che dall’inizio del 2023 è diventato difficile ottenere permessi di soggiorno in Turchia, spingendo loro e altri russi a lasciare la Turchia, molti dei quali si dice provengano da Serbia, Montenegro e altri paesi europei disposti a farlo. accettarli.

READ  Il mondo della natura e il conforto psicologico.. Scarica subito il gioco Gardenscapes, gratuito e legale, con semplici passaggi

I prezzi elevati sono uno dei motivi per cui i russi emigrano dalla Turchia. Il tasso di inflazione in Turchia ha raggiunto il 70% il mese scorso. Le sanzioni hanno anche reso difficile l’accesso ai servizi bancari di base in Türkiye.

Dmitry (46 anni), che lavora nel dipartimento di tecnologia dell’informazione, ha detto: “Non riesco a vedere il mio futuro in Turchia”. Dopo che il presidente russo Vladimir Putin ha annunciato nel settembre 2022 che avrebbe mobilitato le riserve in parte per aumentare lo schieramento di truppe in Ucraina, Dmitrij ha lasciato San Pietroburgo e ha raggiunto la moglie e il figlio di quattro anni a Istanbul.

Tuttavia, nel gennaio 2023, ha ricevuto un’e-mail sul suo cellulare che lo informava che la sua richiesta di residenza era stata respinta senza alcuna spiegazione, e un mese dopo ha lasciato Istanbul. “Avevamo un contratto di affitto di un anno, ma abbiamo dovuto lasciare tutto e trasferirci in Montenegro perché è più stabile economicamente e politicamente della Turchia”.

La direzione generale turca per la gestione della migrazione ha affermato in una e-mail che se una richiesta di permesso di soggiorno viene respinta, la notifica deve indicare le ragioni corrette nella lingua madre del richiedente e il richiedente potrà accedere ai rimedi legali, secondo la legge pertinente che può richiedere . Lui ha aggiunto che nella partenza dei russi giocano un ruolo anche fattori politici, economici, sociali e culturali, che non riguardano solo i permessi di soggiorno.

< تغير المد >

Il governo russo non pubblica statistiche sulla migrazione di massa durante la guerra. Ma secondo il Centro per le migrazioni miste del Consiglio danese per i rifugiati, circa 800.000 russi sono emigrati all’estero da quando la Russia ha invaso l’Ucraina. La Turchia, che ha rapporti amichevoli sia con la Russia che con l’Ucraina, ha permesso ai russi di viaggiare senza visto anche dopo l’invasione e non ha aderito alle sanzioni occidentali contro la Russia.

READ  Una scoperta straordinaria: il segreto del buco nero al centro della Via Lattea è stato svelato

In alcune parti di Istanbul e Antalya, il russo è diventato più comune quando gli immigrati russi hanno avviato o trasferito attività commerciali.

Tuttavia, queste attività stanno decisamente rallentando. Secondo le statistiche commerciali ufficiali, il numero di società fondate con capitale russo è sceso da 140 nel 2022 a 68 nel 2023.

Secondo Belis Karakay, professore di scienze politiche all’Università commerciale di Istanbul, gli immigrati russi si stanno spostando in Serbia e Montenegro, oltre che in paesi dell’America Latina come Argentina e Brasile.

“I russi si sentono vicini alla Turchia dal punto di vista economico, sociale e culturale. Tuttavia, la Turchia ora non è disposta ad accettare troppi stranieri che devono affrontare difficoltà economiche.

Kirill Alexeev (35 anni), un politico che ha lavorato presso il quartier generale della campagna elettorale del defunto leader dell’opposizione russa Navalny, si è trasferito in Turchia nel marzo 2022 dopo che contro di lui è stata avviata un’indagine penale. Tuttavia, una società di consulenza gli ha detto che avrebbe dovuto pagare una tassa di 2.000 dollari per ottenere un permesso di soggiorno, quindi ha rinunciato a presentare nuovamente la domanda. Ha invece chiesto un permesso di soggiorno umanitario tedesco e vive da un anno a Norimberga.

Il nostro codice di condotta:“Principi di fiducia” di Thomson Reutersapre una nuova scheda

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply