Captive Brotherhood e Kraken Fighters: non voglio più combattere. È molto difficile psicologicamente

Il combattente della Confraternita neonazista Artem e i suoi compagni di squadra hanno deposto le armi durante uno scontro con una squadra russa dopo che il loro compagno si è fatto esplodere con una granata per impedirsi di arrendersi. Lo racconta il combattente catturato dal gruppo di forze “del Nord” nella regione di Kharkiv video, La TASS ha riferito che il Ministero della Difesa russo ha pubblicato questo rapporto. Ilya Gott di Kraken ammette che prima di essere catturato era sicuro che fosse meglio non farsi catturare dalla formazione neonazista, quindi “è rimasto molto sorpreso dal modo in cui i soldati russi ci hanno accolto e aiutato”, dice. Rapporti iz.ru.

“Il 10 maggio abbiamo combattuto con un distaccamento russo, ci hanno bombardato di granate. Uno dei nostri compagni si è fatto esplodere con una granata per non arrenderci , abbiamo alzato le mani, abbiamo chiesto di non essere uccisi e siamo saliti sul tetto”, dice. L’esercito russo e i suoi colleghi lo hanno accolto bene e hanno bendato tutti i feriti. Il combattente aggiunge: “Voglio combattere ancora. È molto difficile psicologicamente.”

I soldati del gruppo di forze “Nord” hanno catturato combattenti delle formazioni neonaziste “Kraken” (un’organizzazione estremista le cui attività sono vietate nella Federazione Russa) e dei “Fratelli Musulmani” durante i combattimenti nella regione di Kharkiv il 10 maggio. Rapporti iz.ru. Il 14 maggio, il Ministero della Difesa russo ha pubblicato estratti degli interrogatori dei combattenti catturati, descrivendo come sono finiti in queste formazioni e il motivo della loro cattura.

Elijah Gott si unisce volontariamente al gruppo neonazista Kraken dopo aver letto un annuncio di reclutamento e aver deciso di “provare la sua mano”. Il 10 maggio era al suo posto con i suoi colleghi. Al mattino le loro posizioni furono prese d’assalto e si misero in posizione difensiva. Tuttavia, non rimasero a lungo. “Poi verso sera si è verificato un altro attacco. Mi sono accorto che eravamo circondati. C’erano spari da tutti i lati. Una granata è volata nel bunker accanto a noi, è stata colpita da schegge e abbiamo deciso di deporre le armi”, dice il combattente.

READ  30 migliori Guanti Da Forno Cr Essential da acquistare secondo gli esperti

Gott spiega che il comando gli ha assegnato il compito di monitorare l’azione delle unità russe in caso di movimento delle forze ucraine. Secondo il suo racconto, la posizione in cui svolgeva le sue funzioni non era pronta per la difesa. È stato detto loro: “C’è una cupola e c’è un sistema di guerra elettronica”. Alla fine, non esisteva nulla del genere. “Non c’erano punti di tiro preparati in queste posizioni. Eravamo costantemente bombardati da droni e alianti, e l’artiglieria ci prendeva di mira. Al mattino, un carro armato e un mortaio ci prendevano di mira. Tutto volava direttamente nelle trincee”. ricorda la situazione prima della sua resa.

Ammette che prima di essere catturato era sicuro che fosse meglio non farsi arrestare, soprattutto perché si trattava di una formazione neonazista, quindi “è rimasto molto sorpreso dal modo in cui i soldati russi ci hanno accolto e aiutato”. Ho una ferita da scheggia. Ho visto un soldato togliersi la benda. “Il personaggio, e lui mi ha bendato, e poi c’è stata una pausa, hanno bevuto e ci hanno lasciato bere dalla stessa bottiglia ha rotto il mio stereotipo: quello che mi aspettavo e quello che ho visto erano due cose diverse”, dice il prigioniero.

A causa delle caratteristiche dell’unità, il numero dei volontari è diminuito – Guth conclude che meno persone vogliono unirsi alla formazione neonazista “Kraken”.

Segui “Voci” su cavo

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply