Cinque punti salienti del quindicesimo giorno del grande processo a Donald Trump a New York Novità su Donald Trump

Si avvicina la quarta settimana del processo criminale di Donald Trump a New York, con i pubblici ministeri che lasciano intendere che concluderanno presto il caso.

Tuttavia, venerdì, l’accusa ha continuato a chiamare una serie di testimoni, nel tentativo di rafforzare la sua tesi secondo cui Trump, l’ex presidente degli Stati Uniti, avrebbe intenzionalmente falsificato documenti aziendali nel tentativo di influenzare i risultati delle elezioni del 2016.

I documenti in questione riguardano un presunto pagamento alla star del cinema per adulti Stormy Daniels, che ha affermato di avere una relazione con Trump.

Trump ha negato qualsiasi relazione sessuale con Daniels, ma nel 2016 il suo ex avvocato Michael Cohen ha trasferito 130.000 dollari a Daniels per comprare il suo silenzio.

Gli assegni destinati a risarcire Cohen sono stati classificati come “spese legali”, una designazione che secondo i pubblici ministeri è intesa a nascondere il loro vero scopo. Di conseguenza, Trump deve affrontare 34 capi di imputazione per falsificazione di documenti aziendali.

Tuttavia, la difesa di Trump ha negato ogni addebito, affermando che l’ex presidente mirava solo a evitare di mettere in imbarazzo la sua famiglia. Anche in questo caso è stata richiesta la dichiarazione di errore giudiziario.

Ecco cinque punti chiave del quindicesimo giorno del processo penale, il primo nella storia a includere un presidente degli Stati Uniti:

Madeleine Westerhout ha testimoniato delle sue passate esperienze di servizio alla Casa Bianca di Trump [File: Andrew Harnik/AP Photo]

L’aiutante di Trump torna a testimoniare

Il primo testimone a prendere posizione venerdì è stato un volto familiare: Madeleine Westerhout, che era apparsa il giorno prima per testimoniare su come Trump gestiva i suoi affari mentre era alla Casa Bianca.

Westerhout, ex assistente della Casa Bianca che lavorava come assistente personale di Trump, ha spiegato che l’allora presidente riceveva regolarmente buste da New York contenenti assegni da firmare.

Ma mentre le domande continuavano venerdì, Westerhout è stata pressata sui dettagli che aveva fornito e se avrebbe potuto essere a conoscenza delle precise questioni commerciali di cui Trump era preoccupato.

Anche l’avvocato difensore di Trump, Susan Nicholls, ha chiesto a Westerhout quanto lavoro svolgeva ogni giorno l’allora presidente.

READ  30 migliori Completi Donna Estivi da acquistare secondo gli esperti

“Lo vedi firmare cose senza esaminarle?” chiese Necheles a un certo punto.

“Sì”, rispose Westerhout. Ha anche testimoniato che Trump era preoccupato per come le voci su una relazione con Daniels avrebbero influenzato la sua famiglia.

“Quello che ho capito è che sapeva che sarebbe stato doloroso per la sua famiglia”, ha detto Westerhout, facendo eco all’argomento centrale della difesa.

Gli avvocati di Trump hanno confermato che l’ex presidente non ha cercato di influenzare le elezioni del 2016, ma piuttosto ha cercato di proteggere moglie e figli da notizie che avrebbero potuto causare loro disagio.

Uno schizzo in aula di Jaden Jarmell Schneider che testimonia in tribunale.
L’avvocato difensore Emil Bove controinterroga l’assistente legale Jaden Jarmell Schneider il 10 maggio [Jane Rosenberg/Reuters]

I testimoni tecnici riempiono la giornata

Altri quattro testimoni hanno preso la parola dopo Westerhout, testimoniando sugli aspetti tecnici del caso e su altre prove raccolte.

Tra loro c’erano due rappresentanti dei principali servizi telefonici: l’analista di conformità Daniel Dixon di AT&T e Gene Tomalin di Verizon.

Hanno documentato brevemente i tabulati telefonici e tracciato le comunicazioni tra figure chiave del processo, come Allen Weisselberg, ex direttore finanziario della Trump Organization.

Gli ultimi due testimoni venerdì provenivano dall’ufficio del procuratore distrettuale di Manhattan: Georgia Longstreet – un volto familiare sul banco dei testimoni – e Jaden Jarmell Schneider, entrambi assistenti legali.

Longstreet ha esaminato i post e i messaggi di testo sui social media per conto dell’ufficio del procuratore distrettuale.

Durante la sua testimonianza di venerdì, ha letto ad alta voce i messaggi di testo che la manager di Daniels, Gina Rodriguez, ha scambiato con un editore del tabloid National Enquirer nel 2016, prima di accettare una tangente dall’allora avvocato di Trump, Michael Cohen.

Nel frattempo, Jarmell Schneider ha parlato dei dati raccolti dal telefono di Cohen.

Discuti, ad esempio, perché una conversazione registrata tra Cohen e Trump – apparentemente sul pagamento della modella di Playboy Karen McDougal – sembrava così breve: Cohen ha risposto a un’altra chiamata.

I pubblici ministeri hanno anche utilizzato la testimonianza di Jarmell Schneider come un’opportunità per mettere sullo schermo 34 documenti che Trump avrebbe falsificato, la base del caso.

READ  Questi quattro scienziati vivranno una vita simile a quella marziana sulla Terra, quando e come
Donald Trump, con indosso un abito blu e una cravatta rossa, entra nel tribunale penale di Manhattan.
L’ex presidente Donald Trump cammina con l’avvocato difensore Todd Blanche il 10 maggio [Curtis Means/DailyMail.com via AP, Pool]

Intervista a Larry King vietata dalle prove

Durante le pause nelle testimonianze, i pubblici ministeri hanno cercato di persuadere il giudice Juan Merchant a consentire come prova un’intervista del 1999 tra Trump e la personalità della CNN Larry King.

L’intervista includeva un segmento in cui Trump dichiarava di avere familiarità con le leggi sul finanziamento della campagna elettorale, qualcosa che i pubblici ministeri speravano di utilizzare per sostenere la loro causa perché sapeva che le sue azioni erano illegali.

Ma la difesa ha affermato che un’intervista del 1999 aveva poca rilevanza per un caso che dipende da eventi accaduti nel 2016, un periodo in cui le leggi sul finanziamento delle campagne elettorali sono cambiate.

Alla fine il giudice Merchan si schierò dalla parte della difesa. Ha detto che l’intervista del 1999 è stata “estremamente annacquata” a causa del lungo periodo di tempo tra gli eventi in questione.

Michael Cohen, con indosso una giacca scura e una camicia bianca, arriva a corte in una foto del 2023.
L’ex avvocato Michael Cohen dovrebbe testimoniare lunedì nel processo segreto per denaro che si terrà a New York [File: Yuki Iwamura/AP Photo]

Cohen attacca Trump da TikTok

Un’altra questione all’esame della corte è la questione della presenza di Cohen sulla piattaforma di social media TikTok.

Cohen è un testimone chiave per l’accusa. Si prevede che lunedì testimonierà che Trump stesso ha diretto il pagamento del silenzio a Daniels – e che l’ex presidente ha successivamente ordinato la falsificazione dei documenti aziendali.

Tuttavia, la difesa ha cercato di spostare la colpa lontano da Trump, affermando che qualsiasi attività criminale era invece colpa di Cohen.

Il rapporto tra Cohen e Trump è stato amaro negli ultimi anni. Cohen ha lasciato il lavoro di Trump nel 2018 e i due uomini si sono scambiati cause legali per spese legali e violazione della fiducia.

Durante il processo, Trump è stato soggetto a un ordine di silenzio imposto dal tribunale che gli proibiva di parlare contro qualsiasi testimone, incluso Cohen. Ma ha violato più volte l’ordine di silenzio, incluso definendo Cohen un “bugiardo” e condividendo un articolo che chiamava Cohen uno “spergiuro”.

READ  30 migliori Tovaglia Rettangolare Cotone da acquistare secondo gli esperti

Ma venerdì, il giudice Merchan ha rivolto la sua attenzione ai commenti fatti dallo stesso Cohen su TikTok, in cui attaccava Trump.

La squadra di difesa ha chiesto al giudice di emettere un ordine di silenzio separato contro Cohen per fermare le sue dichiarazioni.

“Il fatto che al presidente Trump non sia consentito rispondere a questo testimone è diventato un problema ogni giorno, ma a questo testimone è consentito continuare a parlare”, ha detto l’avvocato difensore Todd Blanche.

Tuttavia, i pubblici ministeri hanno affermato di avere poco controllo su ciò che Cohen ha detto nel suo tempo libero.

Tuttavia, il giudice Merchan ha lanciato un severo avvertimento. Ha detto che i pubblici ministeri dovrebbero dire a Cohen “che il giudice gli sta chiedendo di astenersi dal fare ulteriori dichiarazioni” su Trump.

“Questo viene dalla panchina”, ha aggiunto.

Georgia Longstreet siede sul banco dei testimoni mentre il giudice Juan Merchan e Donald Trump guardano in questo schizzo dell'aula di tribunale.
L’avvocato Georgia Longstreet testimonia davanti al tribunale penale di Manhattan il 10 maggio, condividendo i messaggi inviati dalla manager di Stormy Daniels, Gina Rodriguez [Jane Rosenberg/Reuters]

Mancano altri due testimoni dell’accusa

Il procedimento giudiziario si è concluso venerdì con il riconoscimento che il caso dell’accusa stava per concludersi.

L’avvocato Joshua Steinglass ha detto alla corte che l’accusa prevede di chiamare altri due testimoni, potenzialmente archiviando il caso.

Steinglass ha affermato che è “del tutto possibile” che l’accusa finisca di presentare le prove entro la prossima settimana.

Tuttavia, la prossima settimana dovrebbe essere breve: la corte prende una pausa infrasettimanale ogni mercoledì e venerdì 17 maggio Trump ha chiesto un giorno libero per partecipare alla laurea di suo figlio Barron.

Al termine dell’udienza di venerdì, Trump è uscito dall’aula e ha parlato alla stampa, denunciando il caso dell’accusa come una “truffa”.

Ha lamentato che la corte si è basata su eventi accaduti anni fa, nel 2016, e che le accuse sono arrivate nel bel mezzo della sua attuale campagna per la rielezione.

“È tutto falso. L’intero caso è falso”, ha detto lasciando l’aula oggi.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply