Efficacia e sicurezza in base alle dimensioni della malattia e al rischio nello studio di fase 3 ARASENS

(UroToday.com) Il meeting annuale della sezione sud-orientale del 2024 dell'AUA (SESAUA) ha incluso una sessione sul cancro alla prostata e una presentazione del dottor Evan Goldfisher in cui si discuteva dell'efficacia e della sicurezza in base alle dimensioni e al rischio della malattia nello studio di fase III ARASENS. Nei pazienti con carcinoma prostatico metastatico sensibile agli ormoni (mHSPC), il peso della malattia metastatica è un fattore prognostico. Darolotamide + ADT + docetaxel ha dimostrato di ridurre significativamente il rischio di morte del 32,5% (HR 0,68; IC 95%: 0,57-0,80; S <0,0001) rispetto a placebo + ADT + docetaxel in pazienti con mHSPC nello studio ARASENS.1 I punteggi basati sull’estensione della malattia e sul rischio forniscono informazioni aggiuntive ai medici quando prendono decisioni sull’intensificazione del trattamento per i pazienti con mHSPC. Al meeting annuale SESAUA del 2024, il dottor Goldfisher e colleghi hanno confrontato i risultati per i pazienti classificati in sottogruppi ad alto/basso volume e sottogruppi ad alto/basso rischio.

I pazienti con mHSPC sono stati randomizzati 1:1 a darolutamide 600 mg due volte al giorno o placebo, con ADT + docetaxel:

La malattia ad alto volume è stata definita come pazienti con metastasi viscerali e/o ≥4 metastasi ossee con ≥1 metastasi extravertebrali/pelviche (criteri CHAARTED). La malattia ad alto rischio è stata definita come pazienti con ≥2 fattori di rischio: punteggio di Gleason ≥8, ≥3 lesioni ossee e presenza di metastasi viscerali misurabili (criteri LATITUDE). La sopravvivenza globale per questi sottogruppi è stata valutata utilizzando un modello di regressione di Cox non stratificato.

Su 1.305 pazienti, 1.005 (77%) avevano una malattia ad alto volume, 912 (70%) avevano una malattia ad alto volume, 300 (23%) avevano una malattia a basso volume e 393 (30%) avevano una malattia a basso rischio. Darolotamide + ADT + docetaxel hanno prolungato la sopravvivenza globale indipendentemente dall’estensione elevata o bassa della malattia con un HR di 0,69 e 0,68 rispetto a placebo + docetaxel + ADT, rispettivamente. Un beneficio in termini di sopravvivenza simile è stato osservato con darolutamide + ADT + docetaxel rispetto al placebo per i pazienti con malattia ad alto o basso rischio:

READ  30 migliori Sdoppiatore Usb 3.0 da acquistare secondo gli esperti

Immagine-1.jpg

La darolotamide ha migliorato gli endpoint secondari clinicamente rilevanti rispetto al placebo nei sottogruppi ad alto/basso volume e rischio, incluso il tempo alla CRPC, con l'HR generalmente nell'intervallo di quelli osservati nella popolazione complessiva:

Immagine-2.jpg

L’incidenza degli eventi avversi emergenti dal trattamento era coerente con quella della popolazione ARASENS complessiva nei sottogruppi per volume alto/basso e rischio alto/basso.

Il Dott. Goldfisher ha concluso la sua presentazione discutendo l'efficacia e la sicurezza in base alle dimensioni e al rischio della malattia nello studio di fase III ARASENS con le seguenti conclusioni:

  • La combinazione di darolutamide + ADT e docetaxel ha migliorato la sopravvivenza globale, con una riduzione di circa il 30% del rischio di morte nell’entità della malattia e nei sottogruppi di rischio.
  • La sopravvivenza globale mediana non è stata raggiunta nel gruppo trattato con darolutamide, indipendentemente dall’estensione o dal rischio della malattia
  • Il profilo di sicurezza favorevole di darolutamide è stato confermato in tutte le dimensioni della popolazione e in tutti i sottogruppi di rischio, in linea con la sopravvivenza globale nella coorte ARASENS.

Presentato da: Evan Goldfisher, MD, MBA, FACS, Premier Medical Group, Poughkeepsie, New York

Scritto da: Zachary Klaassen, MD, MS – Oncologo urologico, Professore associato di urologia, Georgia Cancer Center, Wellstar MCG Health, @zklaassen_md su Twitter durante il meeting annuale della sezione sudorientale dell'American Urological Association (SESAUA) del 2024, Austin, Texas, Mercoledì 20 marzo – sabato 23 marzo 2024.

Riferimenti:

  1. Smith MR, Hussein M, Saad F, et al. Darolotamide e sopravvivenza nel cancro della prostata metastatico ormono-sensibile. N inglese J Med. 24 marzo 2022;386(12):1132-1142.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply