Elezioni in India…Lo splendore di Modi sta svanendo e la stella di Gandhi torna a splendere | Politica

Una massiccia alluvione organizzata sotto forma di catene umane davanti a migliaia di seggi elettorali indiani, e la gente ha votato per un periodo di 6 settimane, solo per dire: “No…debolmente non è bastato per rovesciare il partito al governo”. , ma scosse le fondamenta del suo governo che aveva controllato il paese per un decennio.

Più di 640 milioni di persone hanno votato a queste elezioni, su circa 970 milioni di aventi diritto al voto, e la percentuale di votanti ha superato il 66%, metà delle quali erano donne, nelle più grandi elezioni legislative a cui questo pianeta abbia mai assistito.

“Vittoria con il gusto della sconfitta”, è una frase che riassume la scena del primo ministro Narendra Modi e del suo partito al potere, che prima delle elezioni aveva rilanciato le aspettative e affermato di essere in grado di conquistare 400 dei 543 seggi in Parlamento, ma tornò moltiplicando le quinte per le seste, cercando come sanare la frattura che colpì la sua casa.

Shock elettorale

Il partito nazionalista indù Bharatiya Janata, al potere, ha vinto da solo 240 seggi e, con i suoi alleati, ne ha ottenuti 293, rispetto ai 360 delle elezioni del 2019. Al contrario, il Partito del Congresso, all’opposizione, guidato dal leader Rahul Gandhi, ha vinto da solo 99 seggi con l’alleanza dell’opposizione ha ottenuto 234 seggi, rispetto ai soli 119 seggi delle elezioni del 2019.

Modi ha bevuto con riluttanza la coppa, ha ringraziato gli elettori e ha detto in un discorso alla sede del partito a Nuova Delhi: “Oggi è un giorno glorioso. L’Alleanza Nazionale Democratica formerà il governo per la terza volta e siamo grati al popolo .”

Nel bel mezzo della battaglia per il voto, il “Monaco arrabbiato” si è esibito ogni volta con un abito di broccato con connotazioni religiose, a volte indossando un cappuccio e altre volte senza. Il ruggito del suo discorso si è alzato forte tra la folla – mentre teneva il colletto della dichiarazione – che annuncia i suoi successi e i suoi programmi elettorali.

Sperava di ottenere una maggioranza parlamentare confortevole che garantisse al suo partito la formazione di un governo da solo senza la necessità di stare alle porte dei suoi alleati, ma “il vento del voto soffiava come le sue navi non desiderio”, e le sue speranze e aspettative furono deluse.

Sembra che l’uomo abbia subito una punizione da parte dei suoi sostenitori e un colpo elettorale, “è vero che non lo ha abbattuto, ma gli ha fatto perdere l’equilibrio”, e per lui costituirà una svolta importante nello studio il modo in cui ha trattato gli elettori nel corso di un decennio del suo governo.

I risultati più difficili si sono verificati quando il partito al governo ha perso il suo distretto elettorale nella città di Faizabad, una delle sue roccaforti più importanti, dove Modi ha aperto prima delle elezioni il tempio Ram Mandir, costruito sulle rovine della moschea Babri, e con Con questa apertura ha lanciato la sua campagna per le elezioni di gennaio all’inizio di quest’anno.

READ  30 migliori Thermos 250 Ml da acquistare secondo gli esperti

La vittoria del candidato del partito d’opposizione Samajwadi al seggio parlamentare ha rappresentato un enorme shock per il governo, per il quale la costruzione del grande tempio indù è stata uno strumento importante della sua campagna elettorale.

La stampa ha prestato molta attenzione alle elezioni indiane (Getty)

Risultati nei media

Così come le elezioni indiane si sono svolte sotto gli occhi del mondo, anche i loro risultati lo sono stati, e i giornali di tutto il mondo se ne sono occupati da un capo all’altro, e la descrizione dominante dei risultati è stata come una “vittoria infelice”. ” o “una vittoria con il sapore della perdita”, e il francese Le Figaro ha scelto il titolo “La vittoria che ha deluso le speranze di Modi”.

Questi giornali hanno discusso le ragioni del declino del partito che ha dominato la scena politica in India nel corso di due cicli elettorali, e hanno attribuito la colpa direttamente a Modi.

Ha detto che la sua arroganza ha fatto sembrare la sua prestazione peggiore di quanto non sia adesso, e ha aggiunto che l’intera campagna elettorale è stata condotta in nome di Modi, e quindi dovrebbe assumersi la responsabilità di questa scarsa prestazione.

Alex Travelli, corrispondente del quotidiano americano The New York Times dalla capitale indiana, Nuova Delhi, afferma che l’aura di Modi è diminuita e la sua leadership è cambiata radicalmente, e che ciò che ha portato ai risultati elettorali è stato per lui una sorpresa, sottolineando che “Anche il potere invincibile di Modi ha cominciato a svanire.”

Quanto al quotidiano francese La Croix, ha affermato che i risultati relativamente modesti del Partito nazionalista indù al potere indicano che ha iniziato a “perdere il suo lustro”.

Inoltre, un rapporto della BBC britannica ritiene che i risultati elettorali abbiano mostrato un calo di lustro del “marchio Modi”, sottolineando che la sua popolarità era precedentemente legata alla sua capacità di commercializzare e trasformare eventi di routine in parte di un dramma emozionante nel mondo. stile dei film di Bollywood.

I risultati elettorali hanno mostrato un calo di lustro del “marchio Modi” (Anatolia)

Sulle ragioni del declino

Gli osservatori ritengono che la ragione più importante del declino del Bharatiya Janata Party sia la sua forte attenzione, durante la campagna elettorale, al “mantenere le promesse nazionaliste indù e alla forza personale di Modi”, cosa che non ha ottenuto sufficiente appeal tra gli elettori che si consideravano privati ​​di tutto. benefici, alla luce degli alti tassi di povertà, disoccupazione, prezzi elevati e costi elevati della vita.

D’altro canto, l’opposizione si è concentrata su queste questioni fondamentali durante la sua campagna elettorale e sull’esposizione all’opinione pubblica delle politiche ingiuste del governo.

READ  Destinazioni di vacanza nell'Europa meridionale: ecco quanto fa caldo in Italia & Co

La stampa internazionale ha parlato del modo in cui Modi ha affrontato lo “tsunami dei poveri” nel suo paese, che non è stato influenzato da nulla dei suoi programmi economici se non dal guardare i ricchi ostentare i loro soldi.

Il British Times ha affermato in un articolo intitolato “Questo è il modo in cui i poveri dell’India hanno punito il partito di Modi alle elezioni” che “rendere i ricchi più ricchi non è una buona cosa, e che i poveri dell’India volevano vedere un miglioramento nelle loro vite”.

I giornali hanno parlato della politica di bullismo seguita dalla coalizione al potere in India con la minoranza musulmana, che costituisce circa un quinto della popolazione del paese, e hanno affermato che ha commesso un errore quando ha formulato il suo programma elettorale “si riassume nel collocare il nazionalismo indù al centro della politica del Paese.”

Gli osservatori ritengono che gli elettori di molti distretti abbiano voltato le spalle alla polarizzazione religiosa in favore di preoccupazioni su questioni legate alla loro vita quotidiana, così che queste elezioni rappresentino un ritorno a questioni più tradizionali ed evidenzino la disparità derivante dalla politica economica perseguita da Modi. governo.

Secondo un articolo del quotidiano Le Figaro, i risultati elettorali mostrano che una parte della popolazione chiede qualcosa di diverso da ciò di cui si vanta il governo del partito Bharatiya Janata nella sua campagna elettorale. L’elettore vuole posti di lavoro stabili e una crescita economica meglio distribuita tra le città e le città campagna e tra le classi superiori e le classi lavoratrici.

I media hanno anche fatto riferimento a una serie di decisioni prese dal “Forte Modi” anche senza tornare in Parlamento e dai suoi più stretti alleati, tra cui quando ha deciso di imporre la legge marziale nello stato del Kashmir e come ha presentato il piano al Parlamento come fatto. trattare, senza ottenere l’approvazione.

Il leader dell’opposizione Rahul Gandhi e sua sorella Priyanka (Reuters)

Nuovo spirito

Come se un dolce vento di cambiamento soffiasse sul subcontinente indiano, l’opposizione, guidata dal “testardo Rahul”, discendente della famiglia Gandhi, che non era assente dalla scena politica del Paese da prima dell’indipendenza, sente un nuovo spirito diffondendosi tra i suoi rami per rinnovare la sua vitalità e attività.

Nella sede del Partito del Congresso nella capitale Delhi, i leader dell’opposizione sembravano aver colto un’occasione mancata per un decennio per festeggiare. I sostenitori di Gandhi hanno applaudito quando sono stati annunciati i risultati. Il leader del Partito del Congresso, Mallikarjun Kharge, ha detto: “Questo non è solo la nostra vittoria, ma la vittoria del popolo. Questo è un grande giorno per la democrazia”.

“Sono molto orgoglioso del popolo indiano”, ha detto Gandhi, aggiungendo che la popolazione del paese ha chiaramente dimostrato di rifiutare Modi come primo ministro.

READ  Erutta il confine tra Israele e Libano L'ambasciata avverte i lavoratori tailandesi di lasciare l'area. Il Ministero degli Affari Esteri ha rivelato che 5 thailandesi feriti sono ricoverati in ospedale.

I risultati sono un forte indicatore del successo delle tattiche utilizzate dall’opposizione durante la campagna elettorale, e forniscono anche buone indicazioni sulla possibilità di affrontare il predominio del Bharatiya Janata Party in eventuali prossime elezioni.

Il risultato potrebbe aver indotto il leader dell’opposizione a parlare della possibilità di avviare colloqui con due partner della coalizione di Modi, il partito Telugu Desam e il partito Janata Dal Unito, sebbene i leader dei due partiti abbiano bloccato i tentativi di Gandhi e annunciato che la loro alleanza con il partito Il Bharatiya Janata Party era valido e avrebbero formato il prossimo governo.

I sostenitori del partito al governo celebrano la vittoria (Anatolia)

Cosa poi?

Secondo il sistema parlamentare indiano, il partito con la maggioranza è quello che nomina il primo ministro. Allo stesso tempo, nonostante il ritiro, Modi ha annunciato l’intenzione di mantenere la sua carica di primo ministro, e di avviare così i negoziati per formare un governo. governo di coalizione.

Non sembrano esserci ancora segnali di altre possibilità all’orizzonte, soprattutto perché questa alleanza è alla guida del paese da un decennio e durante questo periodo non sono emerse differenze tra loro nelle politiche generali del paese, anche se alcuni alleati non condividono le opinioni estremiste indù di Modi, che rappresentano il fulcro della sua agenda”, secondo un rapporto di Bloomberg.

L’altra cosa è che la maggior parte di questi partiti sono partiti locali a livello statale e non hanno grandi estensioni in tutto il paese, e durante il suo governo Modi intendeva approvare le loro politiche a livello locale in cambio del mantenimento del consenso sulle politiche generali.

Ma alla luce di questi risultati, questa alleanza si troverà in uno stato più debole rispetto a prima, il che significa che la presa di Modi sarà molto più allentata, e sarà costretto a fare importanti concessioni ai suoi alleati, e alla piazza indiana in generale, per assicurarsi che non sia esposto a futuri intoppi legati alla disintegrazione della sua alleanza.

Modi sarà inoltre costretto ad attenuare la sua dura retorica “e a mettere da parte le sue ambizioni di trasformare l’India in uno stato indù”, e il suo governo potrebbe ricorrere a misure di spesa populiste, che mettono a rischio i suoi piani finanziari.

Per gran parte della storia dell’India successiva all’indipendenza, i governi di coalizione sono stati la norma e solo brevi periodi si sono discostati da questa regola. Sebbene il partito Bharatiya Janata avrebbe potuto infrangere questa regola e guidare il governo da solo per un decennio, ha preferito la partecipazione dei suoi alleati. nel governo con esso.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply