“Faro di luce e speranza”: apertura della casa di culto bahá’í in Papua Nuova Guinea

PORT MORESBY, Papua Nuova Guinea – Più di 1.000 persone provenienti da tutta la Papua Nuova Guinea (PNG) si sono riunite sabato a Port Moresby per la cerimonia di apertura della Casa di culto nazionale baha’i del paese. Il programma è continuato domenica, accogliendo altre 3.000 persone che hanno partecipato alla celebrazione di questa storica occasione.

Il programma di sabato includeva gli interventi di Kesia Rohe, membro della Camera Continentale dei Consiglieri dell’Australia, nominata dalla Casa Universale di Giustizia come suo rappresentante all’evento. La signora Roh ha letto a Messaggio dalla Casa di Giustizia Si è rivolto al pubblico dicendo: “Purezza di cuore, profonda spiritualità e fede incrollabile: queste qualità sono inerenti al nobile popolo della Papua Nuova Guinea… e sono il fondamento su cui è stata costruita la Casa di culto”. “

La lettera affermava inoltre: “Questo monumento fisico, situato sulle colline di Port Moresby affacciate sul Mar dei Coralli, ha un profondo significato spirituale. Accogliendo tutti tra le sue mura, esprime l’unità del genere umano e l’unità di tutte le religioni. Intreccia insieme il popolo di questa grande nazione chiamandoli tutti a lavorare insieme al servizio dell’umanità.

Alla cerimonia hanno partecipato funzionari governativi, leader religiosi, membri della società civile, rappresentanti delle istituzioni bahá’í locali e nazionali e molti altri provenienti da tutto il Paese.

Confucio Ekwerre, segretario dell’Assemblea spirituale nazionale baha’i della Papua Nuova Guinea, ha parlato dell’importanza del tempio. “Questo luogo di culto nazionale è il culmine di tutti gli sforzi del passato e un faro di luce e speranza per il futuro”.

“Ogni componente rappresenta una storia di amore, sacrificio e perseveranza”, ha affermato Tony Lakami, un altro membro dell’Assemblea nazionale, riferendosi alla struttura dell’edificio centrale.

READ  Enefit, con un investimento di 120.000 euro, apre le prime stazioni di ricarica Enefit Volt in Lettonia – Charged

Il governatore della Regione della Capitale Nazionale, Bowes Parkop, ha sottolineato il potere unificante del luogo di culto in una terra ricca di diversi gruppi etnici.

“Un luogo di culto non è solo un edificio fisico. È un faro di luce che invita tutti a riunirsi nella preghiera, nella contemplazione e nell’armonia. Siamo molti, ma siamo uno”, ha detto.

Il governatore Parkop ha aggiunto: “Senza pace non possiamo avere un Paese prospero. …La nostra nazione sarà più grande. Il nostro popolo prospererà quando abbracceremo questa virtù fondamentale che costituisce la pietra angolare di tutte le religioni.

“Dobbiamo sforzarci di fondere tutta questa diversità in una città pacifica, vivibile e prospera che sarà un faro di luce per una nazione di 1.000 tribù”.

“È stato meraviglioso assistere all’apertura della casa di culto baha’i”, ha detto Rosa Kinyoriana, una giovane donna venuta dalle Isole Salomone per partecipare alla cerimonia di inaugurazione.

“Questo luogo sacro è il frutto degli sforzi dedicati del popolo della Papua Nuova Guinea che ha uno spirito di devozione nelle loro case, nelle loro famiglie e in tutte le loro comunità. I ​​loro sforzi collettivi hanno dato origine alla Casa di culto.

Ecco uno sguardo alla cerimonia di inaugurazione di sabato, comprese le scene del raduno di domenica.

Alla cerimonia hanno partecipato funzionari governativi, leader religiosi, membri della società civile, rappresentanti delle istituzioni bahá’í locali e nazionali e molti altri provenienti da tutto il Paese.

La cerimonia prevedeva un programma devozionale sul terreno del tempio.

La cerimonia prevedeva un programma devozionale sul terreno del tempio.

Il signor Lakami ha evidenziato come è ogni parte del tempio

Il signor Lakami ha sottolineato come ogni parte del tempio “rappresenti una storia di amore, sacrificio e perseveranza”.

Nelle sue osservazioni, il signor Ekweriri ha detto che il tempio lo è

Nelle sue osservazioni, Ikwerre ha affermato che il tempio è un “faro di luce e speranza per il futuro”.

Persone di ogni provenienza si sono riunite per celebrare l'inaugurazione della Casa di culto nazionale bahá'í in Papua Nuova Guinea.

Persone di ogni provenienza si sono riunite per celebrare l’inaugurazione della Casa di culto nazionale bahá’í in Papua Nuova Guinea.

Il membro del team di architettura Henry Labbe ha parlato del viaggio di collaborazione nella creazione di un progetto che incarni il principio bahá'í di unità nella diversità.

Il membro del team di architettura Henry Labbe ha parlato del viaggio di collaborazione nella creazione di un progetto che incarni il principio bahá’í di unità nella diversità.

Il governatore della Regione della Capitale Nazionale, Bowes Parkop, nel suo intervento alla cerimonia ha sottolineato il potere unificante del luogo di culto.

Il governatore della Regione della Capitale Nazionale, Bowes Parkop, nel suo intervento alla cerimonia ha sottolineato il potere unificante del luogo di culto.

La signora Roh, rappresentante della Casa Universale di Giustizia presente alla cerimonia, ha letto il suo messaggio al pubblico.  Il messaggio conclude: “Rallegratevi tutti!  Questo è il momento in cui convergono fede, speranza e scopo comune.  Possano i canti di lode in questo luogo sacro sollevare il vostro spirito e benedire tutti coloro che si riuniscono al suo interno.

La signora Roh, rappresentante della Casa Universale di Giustizia presente alla cerimonia, ha letto il suo messaggio al pubblico. IL lettera E conclude: “Che tutti si rallegrino! Questo è il momento in cui fede, speranza e scopo comune si uniscono. Possano i canti di lode in questo luogo santo sollevare i vostri spiriti e benedire tutti coloro che si riuniscono all’interno”.

Da sinistra a destra: Sua Eccellenza Bowes Parkop, Governatore della Regione della Capitale Nazionale, e il Cardinale Sir John Rabat, mentre si avvicinano al tempio.

Da sinistra a destra: Sua Eccellenza Bowes Parkop, Governatore della Regione della Capitale Nazionale, e il Cardinale Sir John Rabat, mentre si avvicinano al tempio.

Coloro che partecipano alla cerimonia di dedicazione procedono al tempio.

Coloro che partecipano alla cerimonia di dedicazione procedono al tempio.

Il sacro simbolo Bahá'í conosciuto come il Più Grande Nome è posto in cima alla cupola del tempio.

Il sacro simbolo Bahá’í conosciuto come il Più Grande Nome è posto in cima alla cupola del tempio. “Il più grande nome” è una rappresentazione scritta della supplica “O Gloria al Maestoso”.

Veduta interna del luogo di culto.

Veduta interna del luogo di culto.

I partecipanti siedono all'interno della Casa di culto per il primo programma devozionale composto da preghiere e scritti bahá'í.

I partecipanti siedono all’interno della Casa di culto per il primo programma devozionale composto da preghiere e scritti bahá’í.

Il programma devozionale all'interno del tempio prevedeva una presentazione corale di preghiere e scritti bahá'í accompagnati da musica.

Il programma devozionale all’interno del tempio prevedeva una presentazione corale di preghiere e scritti bahá’í accompagnati da musica.

Una veduta aerea dei partecipanti alla cerimonia di dedicazione riuniti fuori dal tempio.

Una veduta aerea dei partecipanti alla cerimonia di dedicazione riuniti fuori dal tempio.

Domenica, circa 3.000 persone si sono riunite per celebrare la storica apertura della Casa di culto nazionale baha'i in Papua Nuova Guinea, nel secondo giorno del programma di inaugurazione.

Domenica, circa 3.000 persone si sono riunite per celebrare la storica apertura della Casa di culto nazionale baha’i in Papua Nuova Guinea, nel secondo giorno del programma di inaugurazione.

Rodney Hancock, che arrivò in Papua Nuova Guinea nel 1954 dalla Nuova Zelanda e fu una delle due persone che portarono la fede baha'i in Papua Nuova Guinea, ha parlato ai presenti.

Rodney Hancock, che arrivò in Papua Nuova Guinea nel 1954 dalla Nuova Zelanda e fu una delle due persone che portarono la fede baha’i in Papua Nuova Guinea, ha parlato ai presenti.

Il programma di domenica prevedeva spettacoli artistici e culturali presentati dalle comunità locali di tutto il Paese.  In alto a sinistra: una presentazione dell'Università di Medina, dove si è formata la prima Assemblea Spirituale Locale Baha'i del Paese.

Il programma di domenica prevedeva spettacoli artistici e culturali presentati dalle comunità locali di tutto il Paese. In alto a sinistra: una presentazione dell’Università di Medina, dove si è formata la prima Assemblea Spirituale Locale Baha’i del Paese.

I partecipanti all'incontro di domenica.

I partecipanti all’incontro di domenica.

Di notte il luogo di culto era illuminato.

Di notte il luogo di culto era illuminato.

La casa di culto bahá'í a Port Moresby, Papua Nuova Guinea, è un faro di luce e speranza.

La casa di culto bahá’í a Port Moresby, Papua Nuova Guinea, è un faro di luce e speranza.

READ  30 migliori Custodia Notebook 14 Pollici da acquistare secondo gli esperti

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply