Gli scienziati hanno scoperto da dove proveniva inizialmente gran parte del sale negli oceani freschi e come ciò influisce sulla Terra

La quantità di sale negli oceani della Terra è davvero impressionante: gli scienziati stimano che contengano circa 50 quadrilioni di tonnellate di sale disciolto, scrive la rivista Discover.

Ma il fatto più sorprendente è che tutto questo sale non è sempre stato presente negli oceani terrestri. Il sale scorreva lentamente nell’oceano, anno dopo anno, dalle cime delle montagne, delle colline e delle pianure.

Secondo gli scienziati il ​​sale è molto più di un semplice condimento per la tavola. In chimica, questo termine si applica a qualsiasi composto contenente ioni caricati positivamente e negativamente, incluso non solo il cloruro di sodio, utilizzato in cucina, ma anche magnesio, solfati, potassio e molti altri.

Diversi tipi di sali si trovano nelle rocce di tutto il mondo. Come sapete, le forze della natura come il congelamento e lo scongelamento distruggono le rocce in piccoli pezzi. I minerali presenti in queste rocce distrutte, a causa dell’erosione, finiscono gradualmente nell’oceano.

Inoltre, a causa dei loro ioni, i sali subiscono il secondo processo distruttivo: l’alterazione chimica. Il fatto è che l’atomo di idrogeno in ogni molecola ha una carica negativa e l’atomo di ossigeno ha una carica positiva. Poiché gli opposti si attraggono, la pioggia e i fiumi sono in grado di dissolvere gli ioni di sale, lavando via il paesaggio. Un effetto simile può essere osservato anche nei vulcani sotterranei.

“Ciò accade quando l’acqua entra in contatto con le rocce”, afferma Colin Steadmon, chimico e oceanografo presso l’Università Tecnica della Danimarca. “L’acqua è il miglior solvente”.

In un modo o nell’altro, ogni goccia di questa soluzione salata finisce nell’oceano. È interessante notare che il sale viaggia prima attraverso i fiumi prima di entrare nell’oceano. Allora perché i fiumi di questo pianeta non sono salati come gli oceani?

READ  30 migliori Scaffalature Metalliche Componibili da acquistare secondo gli esperti

Infatti, ogni specchio d’acqua “dolce” contiene del sale. La sua quantità non è sufficiente a farci sentire il sapore salato, e solo quando raggiunge gli oceani il sale raggiunge davvero la concentrazione necessaria.

Una volta depositato nell’oceano, il sale diventa più concentrato man mano che l’acqua evapora nell’atmosfera. Subito dopo, una serie di piogge iniziò a lavare via altro sale dalla spiaggia.

Ma il sale non rimane negli oceani della Terra per sempre. Dopo un certo tempo i processi naturali rimuovono il sale dal sistema periferico. In alcune parti dell’oceano, ad esempio nelle acque poco profonde, la concentrazione di sale diventa così elevata che non può più dissolversi. Pertanto, parte di questo sale si deposita formando uno spesso strato sul fondo. In questo modo otteniamo il sale marino amato da molti con il suo gusto caratteristico.

Quindi, l’acqua dell’oceano penetra nelle spaccature del mare profondo, trascinando con sé depositi di sale nel mantello. Da lì il sale penetra nuovamente nelle rocce, che prima o poi risaliranno in superficie. Quando ciò finalmente accadrà, il ciclo ricomincerà.

Secondo gli scienziati, le persone tendono a sottovalutare il ruolo del sale negli oceani. In effetti, il sale è responsabile della maggior parte del clima sulla Terra.

Le correnti oceaniche calde e fredde sono tra i più importanti regolatori del clima globale sulla Terra. Queste correnti sono causate da fattori come il vento, la temperatura dell’acqua e la salinità.

Gli oceanografi misurano i fattori di cui sopra per modellare la futura attività attuale. Tali previsioni non solo aiutano a caricare e raccogliere l’energia delle onde. Le correnti trasportano anche sostanze nutritive che sostengono la vita marina, il che significa che possiamo usarle per monitorare le popolazioni ittiche.

READ  Uno studio rivela 5 frutti sani nel mondo; Guarda cosa sono

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply