Gli scienziati stanno cercando di far rivivere il mammut lanoso. Ci riusciranno?

Gli scienziati stanno cercando di far rivivere animali estinti come il mammut lanoso

Una società specializzata nella lotta all’estinzione ha rivelato che sta lavorando per “resuscitare” il mammut lanoso, estinto da migliaia di anni, secondo il quotidiano “Washington Post“.

Colossal Bioscience sta lavorando per ricreare un embrione di mammut lanoso, attraverso lo sviluppo di geni e DNA. I geni dell'elefante asiatico sono stati modificati per conferirgli un pelo folto e uno strato di grasso che consenta al mammut di vivere in ambienti con bassissime temperature. temperature.

Il DNA del mammut lanoso è identico al 99,6% a quello dell'elefante asiatico, il che porta gli scienziati a credere che siano sulla buona strada per raggiungere il loro obiettivo.

L’azienda afferma: “Nella mente di molti, questa creatura è estinta per sempre, ma non nella mente dei nostri scienziati né nei nostri laboratori”.

E aggiunge: “Siamo già in procinto di eliminare l’estinzione del mammut lanoso, poiché abbiamo raccolto campioni di DNA vitali e stiamo modificando i geni che consentiranno questi gli animali “È fantastico tornare e vivere di nuovo nell'Artico.”

Cos’è la “de-estinzione”?

Il processo di resurrezione di specie animali estinte, o “de-estinzione”, funziona creando nuove versioni di specie precedentemente perdute.

La clonazione e l’editing del genoma sono considerati uno dei modi più importanti per ripristinare specie estinte da vari periodi di tempo.

L’obiettivo è ricreare i processi dinamici che producono ecosistemi sani e ripristinano la biodiversità.

Nel 2016, l’Unione Internazionale per la Conservazione della Natura (IUCN) ha formulato linee guida sulla creazione di specie sostitutive per le specie estinte nell’interesse della conservazione della biodiversità.

READ  30 migliori Cornice Da Parete da acquistare secondo gli esperti

Le linee guida spiegano, secondo un rapporto della società, che il termine “de-estinzione” è alquanto fuorviante, perché significa che è possibile far rivivere specie estinte nella loro interezza genetica, comportamentale e fisiologica, ma ciò non è possibile attraverso la clonazione.

Come è possibile la “de-estinzione”?

L’estinzione può essere eliminata grazie a tecniche di bioingegneria in grado di manipolare il DNA e il genoma o il materiale genetico di un organismo.

Il DNA recuperato, sia dall’era glaciale che dal 1900, rende la de-estinzione una realtà.

Gli scienziati stanno cercando di far rivivere il mammut lanoso. Ci riusciranno?

Colossal osserva che “gli sforzi tradizionali di conservazione, sebbene importanti, stanno lentamente perdendo terreno”, mentre la deestinzione e la conservazione delle specie attraverso la tecnologia di modifica genetica rappresenta un nuovo movimento entusiasmante e tangibile nella scienza e nella conservazione.

“Ci auguriamo che questo progetto catturi l’attenzione del pubblico e apra le porte a una nuova generazione di processi di conservazione di ispirazione molecolare in grado di fare progressi e invertire la perdita di alcune specie”, afferma l’azienda.

Come funziona?

La tecnologia di modifica del genoma crea ibridi tra organismi viventi ed estinti.

Gli scienziati inseriscono il DNA modificato di una specie estinta nel nucleo di una cellula che si replica e utilizzano la tecnica per far rivivere più specie, comprese quelle i cui resti non sono ben conservati.

L’editing del genoma combina tratti desiderabili che hanno reso unica una specie con i geni della specie donatrice.

Per questo motivo l'organismo risultante non è esattamente identico alla specie estinta ma è un ibrido.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply