“La vera mafia ha le mani su quasi tutti gli aiuti” a Gaza – VivAfrik

La Striscia di Gaza è sotto il fuoco israeliano da sei mesi. Morte, bombardamento di Israele, malattie, carenza di acqua e cibo, e ora si aggiunge una nuova piaga: la criminalità. Con il progressivo smantellamento di Hamas, che fino ad allora era rimasto al potere nella Striscia di Gaza, i territori palestinesi stanno assistendo al crollo del regime. Non c’è più un governo, e quindi nessuna autorità. Le bande emergono e sfruttano la difficile situazione delle popolazioni prive di diritti civili.

Pertanto, gli aiuti umanitari entrano nella Striscia di Gaza in piccole quantità. Israele chiude l’area, limitando molto il passaggio dei convogli che trasportano cibo e medicine. Ma una volta arrivati ​​lì, questi aiuti fanno ben poco per aiutare la popolazione, lamenta Randa. “C'è una vera mafia che controlla quasi tutti gli aiuti. Alla fine, non ci è rimasto nulla. Questa è la stessa situazione nel nord, nel centro e nel sud della Striscia di Gaza”.

Secondo le testimonianze, gli aiuti vengono rivenduti agli abitanti di Gaza a prezzi esorbitanti. Prima della guerra, ad esempio, un sacco di farina costava circa dieci dollari. Ora è più di $ 200. “Poter nutrire la propria famiglia ogni giorno è un grande risultato”, ha detto Nader, padre di tre figli, lamentando il fatto che “non abbiamo scelta, per mangiare, e dobbiamo indebitarci… 150 giorni di guerra e la situazione non è altro che brutta”. “Sta peggiorando, è un disastro.”

Nel nord della Striscia di Gaza, il caos ha raggiunto un’intensità tale che sono aumentati i saccheggi delle case. Di fronte all’aggravarsi dei crimini derivanti dalla guerra, il Programma Alimentare Mondiale ha annunciato due settimane fa che avrebbe interrotto la consegna di cibo nel nord della Striscia di Gaza.

READ  30 migliori Ripiano Salvaspazio Cucina da acquistare secondo gli esperti

Mukhtar Fico/VivaFrek

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply