Google prevede di eliminare i dati degli utenti relativi alla causa relativa alla modalità di navigazione in incognito

Google prevede di eliminare i dati degli utenti in modalità di navigazione in incognito (AFP)

GOOGLE prevede di eliminare miliardi di record contenenti i dati personali degli utenti. Questa cancellazione dei dati fa parte di un accordo per risolvere una causa contro Google in tribunale.

La causa è legata all'uso della modalità di navigazione in incognito su Google Chrome. Nella causa, Google è stata accusata di aver monitorato segretamente più di 136 milioni di ricerche web in modalità privata tramite Chrome.

La transazione legale vale più di 5 miliardi di dollari o circa Rs. 79.436 miliardi. Sebbene Google non paghi un risarcimento agli utenti interessati, gli utenti possono comunque citare in giudizio Google personalmente. Inoltre, Google aggiornerà le notifiche che informano gli utenti quando vengono raccolti i dati, oltre a consentire agli utenti in modalità crittografata di bloccare i cookie di terze parti per cinque anni.

Leggi anche: Google respinge la causa intentata da Tinder Parent Match Group

Le azioni di Google, secondo i querelanti, hanno portato l'azienda a archiviare troppe informazioni senza supervisione. Le informazioni raccolte da Google includono elenchi di amici, cibi preferiti, hobby e abitudini di acquisto, nonché la cronologia delle ricerche, che possono essere molto intime e potenzialmente imbarazzanti.

Secondo le informazioni ottenute, gli avvocati dei ricorrenti hanno descritto questo accordo come un passo storico nella richiesta di onestà e responsabilità da parte delle società tecnologiche dominanti.

Nell'accordo transattivo tra i ricorrenti e Google, Google ha accettato di divulgare i dati raccolti quando gli utenti utilizzano la modalità privata durante la navigazione in Internet. In futuro, la modalità di navigazione in incognito consentirà di bloccare i cookie forniti da terze parti.

Di conseguenza, Google raccoglierà meno dati dalle sessioni di navigazione private e genererà meno entrate da tali dati.

READ  La NASA conferma che il misterioso oggetto precipitato su una casa di Naples, in Florida, proveniva dalla Stazione Spaziale Internazionale

Nel frattempo, nel 2020 è stata avviata un'azione legale collettiva, sostenendo che Google Analytics, i cookie e le app hanno consentito all'unità Alphabet di impostare il browser Chrome di Google in modalità di navigazione in incognito e di impostare altri browser in modalità di navigazione “privata”. Quindi questo metodo non può essere accettato perché pretende di poter risalire alla persona che lo ha impostato.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply