Il mondo si ritira dopo l’attacco israeliano al convoglio umanitario Notizie della guerra israeliana a Gaza

Sette palestinesi, australiani, canadesi, americani, polacchi e britannici sono stati uccisi in un attacco aereo israeliano a Deir al-Balah, nel centro della Striscia di Gaza.

I leader mondiali hanno espresso il loro orrore e la loro indignazione in seguito all’attacco aereo israeliano che ha ucciso sette operatori umanitari nella Striscia di Gaza centrale, e hanno ripetuto le loro richieste per un cessate il fuoco immediato.

L’organizzazione umanitaria World Central Kitchen (WCK) con sede negli Stati Uniti ha confermato martedì che il suo personale è stato ucciso in un “attacco mirato” da parte dell’esercito israeliano. I morti provenivano dalla Palestina, dall'Australia, dalla Polonia, dal Regno Unito, dagli Stati Uniti e dal Canada.

La ONG ha affermato che la sua squadra stava viaggiando in una zona “smilitarizzata” in un convoglio di “due veicoli blindati con il logo WCK e un veicolo dalla pelle morbida” al momento del raid.

La WCK ha invitato Israele a fermare “questi omicidi indiscriminati” a Gaza, e ha anche annunciato che li avrebbe “interrotti temporaneamente”. [its] operazioni nella regione.

La dichiarazione afferma: “Nonostante abbia coordinato i movimenti con l’esercito israeliano, il convoglio è stato bombardato mentre lasciava il magazzino di Deir al-Balah, dove la squadra ha scaricato più di 100 tonnellate di aiuti alimentari umanitari che sono stati portati a Gaza attraverso la rotta marittima”.

La rabbia della ONG è stata condivisa dai leader mondiali, mentre l'attacco israeliano a Gaza continua a deteriorarne l'immagine globale.

Il primo ministro australiano Anthony Albanese ha confermato che uno degli operatori umanitari uccisi era il cittadino australiano Zumi Frankcom.

Intervenendo in una conferenza stampa a Brisbane, Albanese ha affermato che la morte di Frankcom è stata “del tutto inaccettabile” e “al di là di ogni ragionevole circostanza”.

READ  30 migliori Felpa Moschino Donna da acquistare secondo gli esperti

“Questa notizia di oggi è tragica. Il Dipartimento australiano degli Affari Esteri e del Commercio ha anche chiesto che venga convocato anche l'ambasciatore israeliano”, ha detto Albanese, riferendosi al Dipartimento australiano degli Affari Esteri e del Commercio. “Vogliamo la piena responsabilità di questo. Questa è una tragedia che non sarebbe mai dovuta accadere”.

Albanese ha aggiunto: “La verità è che questo va oltre ogni ragionevole circostanza affinché qualcuno perda la vita e fornisca assistenza umanitaria, e c'erano quattro operatori umanitari oltre a un autista palestinese in questa macchina”.

Una foto del veicolo a bordo del quale i dipendenti della WCK, compresi gli stranieri, sono stati uccisi in un attacco aereo israeliano su Deir al-Balah, nel centro della Striscia di Gaza. [Ahmed Zakot/Reuters]

Albanese ha inoltre ribadito il suo appello per un “cessate il fuoco permanente”. Ha aggiunto: “Gli australiani vogliono vedere la fine di questo conflitto”.

Il DFAT aveva precedentemente affermato in una dichiarazione che l'Australia “è stata molto chiara nel dire che ci aspettiamo che gli operatori umanitari a Gaza abbiano un accesso sicuro e senza ostacoli per svolgere il loro lavoro salvavita”.

Il ministro degli Esteri britannico David Cameron ha descritto gli omicidi come “estremamente dolorosi” e ha invitato Israele a indagare e fornire una spiegazione.

Cameron ha dichiarato: “Ci sono state segnalazioni di uccisioni di cittadini britannici e stiamo lavorando urgentemente per verificare queste informazioni e forniremo pieno sostegno alle loro famiglie”.

“È essenziale che gli operatori umanitari siano protetti e possano svolgere il loro lavoro. Abbiamo invitato Israele a indagare immediatamente e a fornire una spiegazione completa e trasparente di quanto accaduto”.

Il Ministero degli Esteri polacco ha espresso le sue condoglianze alla famiglia del suo connazionale ucciso in un post su X. Ha aggiunto che “si oppone all'ignoranza del diritto umanitario internazionale e alla protezione dei civili, compresi gli operatori umanitari”.

READ  Cina e Indonesia tengono una riunione del meccanismo di dialogo e cooperazione ad alto livello

Un portavoce del ministero degli Esteri ha detto che Varsavia ha chiesto “una spiegazione all'ambasciata israeliana, alle forze di sicurezza e all'esercito israeliano”, aggiungendo che il ministero si sta attualmente basando sulle informazioni del WCK.

Il ministro degli Esteri spagnolo Jose Manuel Albarez si è detto “inorridito” dalla morte degli operatori umanitari. “La Spagna sostiene il loro lavoro. Chiediamo il cessate il fuoco e l'ingresso di aiuti umanitari”.

Anche il commissario umanitario dell'Unione europea Janez Lenarčić ha condannato l'attacco e ha chiesto un cessate il fuoco.

“Tutto questo deve finire. Adesso”, ha detto in un post su X.

Hind Khudari di Al Jazeera, riferendo dall'ospedale dei martiri di Al-Aqsa a Deir al-Balah, dove sono stati trasportati i corpi dei morti, ha detto di aver parlato con gli operatori umanitari all'inizio della giornata.

Al-Khudari ha detto: “Tutti in ospedale sono stupiti e stupiti e non riescono a credere che le forze israeliane abbiano preso di mira gli stranieri”.

L’esercito israeliano ha affermato che sta conducendo un’indagine “per comprendere tutte le circostanze dell’incidente” e che sta compiendo “sforzi intensivi per consentire la consegna sicura degli aiuti umanitari”.

Diverse ore dopo, il primo ministro Benjamin Netanyahu ha affermato che il raid non era intenzionale.

“Questo accade in tempo di guerra”, ha dichiarato. E ha aggiunto: “Stiamo studiando attentamente la questione, siamo in contatto con i governi (stranieri tra i morti) e faremo del nostro meglio affinché ciò non accada più”.

READ  30 migliori Asus Max Pro M2 da acquistare secondo gli esperti

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply