Israele si impegna a continuare l’operazione Rafah dopo che Hamas ha accettato una tregua di 11 ore a Gaza

di Mohammed Salem, Nidal al-MughrabiE Ari Rabinovich Reuters

Il fumo si alza dopo il bombardamento israeliano di Rafah nel sud della Striscia di Gaza il 6 maggio 2024.
immagine: Agenzia di stampa francese

Il Movimento di Resistenza Islamico Palestinese (Hamas) ha accettato una proposta di cessate il fuoco a Gaza avanzata dai mediatori, ma Israele afferma che i termini non hanno soddisfatto le sue richieste e ha continuato con gli attacchi a Rafah mentre pianificava di continuare i negoziati su un accordo.

Gli sviluppi della guerra, che va avanti da sette mesi, si sono verificati nel momento in cui le forze israeliane hanno bombardato la città di Rafah, situata all’estremità meridionale della Striscia di Gaza, dal cielo e dalla terra, e hanno ordinato ai residenti di lasciare parti della città, che è diventata un rifugio per più di un milione di palestinesi sfollati.

Hamas ha affermato in un breve comunicato che il suo leader, Ismail Haniyeh, ha informato i mediatori del Qatar e dell’Egitto che il movimento ha accettato la loro proposta di cessate il fuoco.

L’ufficio del primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha poi affermato che l’ultima proposta di tregua di Hamas non soddisfaceva le richieste di Israele, ma che Israele avrebbe inviato una delegazione per incontrare i negoziatori per cercare di raggiungere un accordo.

L’ufficio di Netanyahu ha aggiunto in una nota che il gabinetto militare ha accettato di continuare l’operazione a Rafah.

La dichiarazione afferma: “Il Gabinetto di Guerra ha deciso all’unanimità che Israele continuerà l’operazione a Rafah per esercitare pressioni militari su Hamas al fine di far avanzare il processo di rilascio dei nostri ostaggi e raggiungere gli altri obiettivi della guerra”.

READ  30 migliori Adattatore Vga Hdmi da acquistare secondo gli esperti

Il portavoce del Segretario generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres, ha affermato che il Segretario generale delle Nazioni Unite ha esortato Israele e Hamas a “fare gli ulteriori sforzi necessari per raggiungere un accordo”.

Un funzionario israeliano, parlando a condizione di anonimato, ha affermato che la proposta accettata da Hamas è una versione annacquata dell’offerta egiziana e comprende elementi che Israele non può accettare.

“Questa sembra essere una bufala volta a far sembrare Israele la parte che rifiuta di raggiungere un accordo”, ha detto il funzionario israeliano, che ha parlato a condizione di anonimato.

I palestinesi festeggiano in una strada a Rafah, nel sud della Striscia di Gaza, dopo che Hamas ha annunciato l’accettazione di una proposta di tregua il 6 maggio 2024, nel mezzo del conflitto in corso tra Israele e il movimento palestinese di Hamas.

I palestinesi festeggiano in una strada a Rafah, nel sud della Striscia di Gaza, dopo che Hamas ha annunciato l’accettazione della proposta di tregua il 6 maggio 2024.
immagine: Agenzia di stampa francese

Ma un funzionario che ha familiarità con i colloqui di pace, che ha parlato anche lui a condizione di anonimato, ha detto che l’offerta accettata da Hamas era in realtà la stessa offerta accettata da Israele alla fine di aprile.

Un funzionario americano che ha familiarità con i negoziati di tregua ha detto a Reuters che Netanyahu e il governo di guerra “non sembrano gestire la fase finale dei negoziati in buona fede”.

Il portavoce del Dipartimento di Stato americano Matthew Miller ha detto che Washington discuterà la risposta di Hamas con i suoi alleati nelle prossime ore e che il raggiungimento di un accordo è “completamente realizzabile”.

Il portavoce per la sicurezza nazionale della Casa Bianca, John Kirby, ha dichiarato: “Vogliamo liberare questi ostaggi, vogliamo raggiungere un cessate il fuoco di sei settimane e vogliamo aumentare gli aiuti umanitari”, aggiungendo che raggiungere un accordo sarebbe “il miglior risultato di sempre”. ” “.

READ  Quando tagliare i capelli in base alle fasi lunari e quando è adatto al lavoro

Secondo i funzionari sanitari di Gaza, più di 34.600 palestinesi sono stati uccisi nel conflitto. Le Nazioni Unite hanno affermato che la carestia era imminente nell’enclave.

La guerra è iniziata quando i militanti di Hamas hanno attaccato Israele il 7 ottobre, uccidendo circa 1.200 persone e rapendone altre 252, 133 delle quali si ritiene siano rimaste prigioniere a Gaza, secondo le statistiche israeliane.

Rafah viene bombardata

Un’eventuale tregua rappresenterebbe la prima cessazione dei combattimenti dopo il cessate il fuoco durato una settimana a novembre, durante il quale Hamas aveva liberato circa la metà degli ostaggi.

Da allora, tutti gli sforzi per raggiungere una nuova tregua hanno vacillato a causa del rifiuto di Hamas di rilasciare altri ostaggi senza promettere una fine permanente del conflitto, e dell’insistenza di Israele affinché si discutesse solo di una sospensione temporanea.

Taher Al-Nono, funzionario di Hamas e consigliere di Haniyeh, ha detto a Reuters che la proposta soddisfa le richieste del movimento riguardo agli sforzi di ricostruzione a Gaza, al ritorno dei palestinesi sfollati e allo scambio di ostaggi israeliani con prigionieri palestinesi nelle carceri israeliane.

Il fumo si alza dopo il bombardamento israeliano di Rafah, nel sud della Striscia di Gaza, il 6 maggio 2024, nel mezzo del conflitto in corso tra Israele e il movimento palestinese di Hamas.

Il fumo si alza dopo il bombardamento israeliano di Rafah nel sud della Striscia di Gaza il 6 maggio 2024.
immagine: Agenzia di stampa francese

Il vice capo di Hamas a Gaza, Khalil al-Hayya, ha detto alla TV Al Jazeera che la proposta si compone di tre fasi, ciascuna della durata di sei settimane, con la seconda fase in cui Israele ritirerà le sue forze da Gaza.

Lunedì scorso, Israele ha ordinato l’evacuazione di alcune parti della città di Rafah, situata al confine con l’Egitto, che fungeva da ultimo rifugio per circa la metà della popolazione di Gaza, composta da 2,3 milioni di persone.

READ  La NASA lo ha pubblicato! Un'altra esplosione è avvenuta sul sole! "Il più grande degli ultimi 7 anni"

Gli Stati Uniti, il più stretto alleato di Israele, hanno invitato il paese a non attaccare Rafah, affermando che non dovrebbe farlo senza sviluppare un piano completo per proteggere i civili lì, che non è stato ancora presentato. Il funzionario americano ha affermato che Washington è impegnata a fermare l’attacco israeliano a Rafah.

Israele ha affermato che sta effettuando operazioni limitate nella parte orientale di Rafah. Ciò è stato accompagnato da intensi attacchi aerei, secondo i residenti palestinesi.

Jaber Abu Nazli (40 anni), padre di due figli, ha detto a Reuters tramite un’applicazione chat: “Sparano dalla notte scorsa e oggi, dopo l’ordine di evacuazione, i bombardamenti sono diventati più intensi perché vogliono intimidire noi finché non partiremo.” .

“Altri si chiedono se ci sia qualche posto sicuro nell’intera Striscia di Gaza”, ha detto.

Dopo aver ricevuto istruzioni tramite SMS, telefonate e volantini in arabo di trasferirsi in quella che l’esercito israeliano ha definito una “zona umanitaria allargata” a circa 20 chilometri di distanza, alcune famiglie palestinesi hanno iniziato a partire sotto la fredda pioggia primaverile.

Alcuni caricarono i bambini e i loro averi su carretti trainati da asini, mentre altri se ne andarono su camioncini o a piedi per le strade fangose.

Mentre le famiglie smontavano le tende e piegavano i loro averi, Abdullah Al-Najjar ha detto che questa era la quarta volta che veniva sfollato dall’inizio dei combattimenti sette mesi fa.

“Dio sa dove andremo adesso. Non abbiamo ancora deciso.”

-Reuters

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply