Terza tappa per il belga Merlier, Pogacar è ancora insaziabile

Dopo i primi due giorni difficili, che hanno visto gare classiche, i concorrenti hanno deciso di prendersi una pausa. Questa tappa di 166 km senza grandi difficoltà era adatta a questo. Per due ore, l’indifferenza del gruppo è stata turbata solo dalla fugace uscita di Liliane Calmegan (Intermarche-Wante), seguita dall’italiano Davide Ballerini (Astana), partito per raccogliere qualche punto in cima all’unica difficoltà della giornata in una quarta categoria.

Ma la tranquillità dei coraggiosi è stata infranta nel primo sprint intermedio, quando il movimento del gruppo ha permesso la fuga di 26 corridori, tra cui un discreto numero di velocisti. Dopo qualche esitazione, i fuggitivi decisero di persistere e presto avanzarono di 1,30 pollici.

La maglia rosa di Pogacar non era minacciosa e gli Emirati restavano calmi. Ma le squadre non rappresentate al comando, Polte Cometa, Movistar e Bahrain in particolare, hanno deciso di lanciarsi all’inseguimento.

L’insaziabile Pogacar

La maglia rosa dello sloveno Tadej Pogacar durante la terza tappa del Giro d’Italia, tra Novara e Fussano, 6 maggio 2024.
© Agenzia di stampa francese

La corsa è stata pazzesca per una quarantina di chilometri. Il gruppo, teso come un elastico dagli inseguitori, si spezzò e si spezzò in due, lasciando nelle retrovie un centinaio di uomini. Intanto i ventisei fuggitivi non riuscivano a mettersi d’accordo, e vedevano svanire la loro pista.

La fine della vacanza è stata segnalata a 43 km dall’arrivo, quando i fuggitivi sono stati nuovamente ripresi e il secondo gruppo si è unito. Tutto doveva essere rifatto.

Sorprendentemente, gli organizzatori hanno posizionato una ripida salita di 1,3 km alla fine di questa tappa pianeggiante, a quattro chilometri dalla meta. Data di interruzione dei piani delle squadre di corridori.

READ  30 migliori Specchio Trucco Da Parete da acquistare secondo gli esperti

Con ritmi elevati, il danese Mikel Honoré ha provato ad attaccare. È stato subito placcato con… una maglietta rosa! Lo stesso Tadej Pogacar, l’uomo che il giorno prima in montagna aveva preceduto tutti i suoi rivali di oltre 45 secondi. Insaziabile, incontrollabile, incapace di resistere al piacere di andare alla testa.

Geraint Thomas, secondo assoluto con il tempo di 45 secondi, è saltato al volante, e i due leader si sono ritrovati soli, separati e quasi sorpresi quando hanno raggiunto il lunghissimo traguardo. Avevano ancora cinque secondi di vantaggio sotto la fiamma rossa, ma non hanno potuto resistere al ritorno dei corridori e Merlier (il passo veloce di Soudal), nonostante non avesse un compagno di squadra, si è posizionato abilmente negli ultimi 300 metri per conquistare la vittoria. Una ruota davanti all’italiano Jonathan Milan (Liddle Trek).

“Ho delle gambe molto buone”

“Non ho attaccato”, si è quasi scusato il nuovo “cannibale” con Pogacar, che è ancora in testa alla classifica generale al termine della terza tappa, con 47 secondi di vantaggio su Daniel Martinez e Geraint Thomas.

Lo sloveno Tadej Pogacar sul podio al termine della terza tappa del Giro d'Italia, 6 maggio 2024 a Fussano.

Lo sloveno Tadej Pogacar sul podio al termine della terza tappa del Giro d’Italia, 6 maggio 2024 a Fusano.
© Agenzia di stampa francese

“L’ho semplicemente seguito, ho preso il volante di Mikel Honoré, poi Geraint e io abbiamo provato a stare davanti, non potevo davvero crederci, ma Geraint ha provato a recuperare e questo mi ha sorpreso, ci ho provato ma mancavano 400 metri era troppo lungo.

Lo sloveno, due volte vincitore del Tour de France che quest’anno punta a realizzare una doppietta del Giro Tour – senza precedenti nel 21° secolo, l’ultima vinta da Marco Pantani nel 1998 – conferma però che la sua forma fisica è all’altezza del compito. Tra le sue ambizioni: “Ho delle ottime gambe. Questo tipo di rifinitura mi ha fatto bene, abbiamo visto che ero in buona forma.

READ  La nuova versione di Riven è persino migliore di Myst

Martedì, la quarta tappa porterà il gruppo da Acqui Terme ad Andorra per 190 km, su un percorso simile a quello di lunedì, con una difficoltà (categoria 3) a 90 km dall’arrivo e un arrivo pianeggiante che dovrebbe consentire ancora una volta di gareggiare. . I corridori si spieghino.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply