La corsa verso la Luna 6. Prepararsi al viaggio storico: allenamenti pericolosi, la questione delle bandiere e un pranzo indesiderato con il presidente | un lavoro

Parti precedenti della storia

Era una prova generale prima della missione successiva, che prevedeva lo sbarco sulla Luna per la prima volta.

Dopo il ritorno dell'Apollo 10 sulla Terra il 26 maggio, la NASA analizzò i dati di volo per circa due settimane e alla fine determinò che non c'erano più ostacoli al lancio dell'Apollo 11 a luglio. La fase finale dei preparativi per lo storico viaggio è iniziata.

NASA Illustration/NASA non ha deciso immediatamente dove avrà luogo il primo sbarco umano sulla Luna. Infine, il punto n. 2 – Mare della tranquillità

La formazione del futuro equipaggio dell'Apollo 11 iniziò un anno e mezzo fa, alla fine del 1967. È vero, a quel tempo non era ancora chiaro che sarebbero stati i primi ad atterrare sulla luna. Le sequenze dell'equipaggio e i piani di volo cambiavano a seconda delle missioni e dei risultati degli altri voli già completati.

Immagine NASA/Equipaggio principale dell'Apollo 11 Da sinistra: il comandante Neil Armstrong, il pilota del modulo di comando Michael Collins e il pilota del modulo lunare Edwin

Foto NASA/equipaggio principale dell'Apollo 11 Da sinistra: il comandante Neil Armstrong, il pilota del modulo di comando Michael Collins e il pilota del modulo lunare Edwin “Buzz” Aldrin.

Per un anno e mezzo gli astronauti si sono addestrati e hanno imparato a utilizzare la complessa attrezzatura della navicella spaziale. Ognuno di loro ha trascorso più di 400 ore solo nei simulatori. Allo stesso tempo, fu addestrato anche un equipaggio di riserva, che avrebbe sostituito l'equipaggio principale nel caso in cui gli astronauti si fossero ammalati o si fosse verificato qualche altro problema.

Forse il comandante e il pilota del modulo lunare avrebbero dovuto concentrarsi principalmente sull'atterraggio sulla luna. A questo scopo sono stati creati diversi modelli del modulo lunare, con il quale gli astronauti raggiungono un'altezza di un chilometro o più e devono atterrare tranquillamente sulla Terra. Durante uno di questi esercizi, Neil Armstrong quasi morì: la macchina da allenamento perse il controllo e si schiantò. L'astronauta fuggì catapultandosi da un'altezza di 60 metri.

NASA Image/Neil Armstrong I materiali espulsi scendono con il paracadute e il modulo lunare di addestramento prende fuoco e si schianta al suolo.  Nel 1968 il 5 maggio

READ  L’Unione Europea sta valutando la possibilità di estendere le sanzioni contro l’Iran dopo l’attacco a Israele

NASA Image/Neil Armstrong I materiali espulsi scendono con il paracadute e il modulo lunare di addestramento prende fuoco e si schianta al suolo. Nel 1968 il 5 maggio

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply