L’equipaggio del Boeing Starliner a bordo della Stazione Spaziale Internazionale dopo la sfida di attracco

Gli astronauti posano con l’equipaggio della stazione spaziale dopo l’attracco con l’astronave SpaceX il 6 giugno.

Washington:

Una capsula Boeing Starliner che trasportava i primi astronauti mai attraccati alla Stazione Spaziale Internazionale giovedì dopo aver superato sfide inaspettate causate da malfunzionamenti del sistema di propulsione e perdite di elio.

L’astronave, chiamata Calypso, si incontrò con il laboratorio in orbita alle 13:34 ET (17:34 GMT) sull’Oceano Indiano meridionale, consentendo ai compagni di equipaggio Butch Wilmore e Sonny Williams di entrare dopo un po’.

“Siamo pronti a metterci al lavoro”, ha annunciato Wilmore mentre Williams eseguiva una piccola danza per celebrare l’arrivo della stazione, il terzo soggiorno a bordo della ISS per entrambi gli ex piloti collaudatori della Marina.

L’attracco è stato ritardato di più di un’ora dopo che alcuni dei motori dello Starliner, che inizialmente garantivano una buona manovrabilità, non sono riusciti ad accendersi, costringendo gli astronauti ad accendere un “fuoco caldo” per attivarlo.

“Direi che Starliner ci ha fatto lavorare un po’ di più per l’attracco”, ha detto in seguito ai giornalisti Steve Stich, direttore del Commercial Crew Program della NASA, spiegando che le squadre di terra ora dovevano lavorare per comprendere i problemi sorti durante il volo.

Wilmore e Williams sono il primo equipaggio a pilotare lo Starliner, che Boeing e la NASA sperano di certificare per voli regolari verso la Stazione Spaziale Internazionale, un ruolo che SpaceX ha ricoperto negli ultimi quattro anni.

L’astronave è decollata dalla Florida a bordo di un razzo Altas V della United Launch Alliance mercoledì, dopo anni di ritardi e preoccupazioni per la sicurezza, oltre a due recenti tentativi di lancio interrotti avvenuti mentre gli astronauti erano già allacciati e pronti per il lancio.

READ  Trasmissione in diretta: Italia – Grecia | Pallanuoto – Campionato mondiale di polo – Doha (ERT Sports2)

– Fughe di notizie e problemi di pagamento –

Prima del lancio, si sapeva che una perdita di elio aveva colpito lo Starliner.

Sebbene l’elio non sia combustibile, fornisce pressione al sistema di propulsione. Ma è stato stabilito che la perdita era troppo piccola per causare un impatto significativo.

Tuttavia, durante il volo, si sono sviluppate altre due perdite e un’altra perdita è stata scoperta dopo l’attracco per un totale di quattro.

Ciò aumenta la possibilità di un problema comune, piuttosto che di un guasto occasionale come una guarnizione in gomma difettosa.

I team di ingegneri ritengono che ci sia abbastanza elio rimasto in riserva affinché lo Starliner non possa più fuoriuscire durante l’attracco con la Stazione Spaziale Internazionale.

Questo problema dovrebbe essere monitorato e studiato ulteriormente in altri aerei Starliner in costruzione presso lo stabilimento Boeing, ha affermato Mark Nappi, vicepresidente e responsabile del programma Commercial Crew Program della Boeing.

Sebbene quattro dei cinque propulsori guasti siano stati successivamente ripristinati, non è del tutto chiaro cosa abbia causato il malfunzionamento, ha detto Stitch.

Ha sottolineato che i problemi iniziali con le nuove astronavi non sono rari. Il programma Space Shuttle ha avuto la sua parte di problemi nei suoi primi giorni, così come il programma Dragon di SpaceX all’inizio degli anni 2010, quando quella nave era un’astronave solo cargo.

-Scegli un club dell’astronave-

Lo Starliner è solo il sesto tipo di astronave costruito dagli Stati Uniti per trasportare gli astronauti della NASA, dopo i programmi Mercury, Gemini e Apollo degli anni ’60 e ’70, lo Space Shuttle dal 1981 al 2011 e la navicella spaziale Crew Dragon di SpaceX del 2020.

READ  Numerologia 2024: come saranno i calcoli numerologici il 18 aprile? Conoscere i numeri di buon auspicio e i colori di buon auspicio - Marathi News | Scopri la numerologia 2024 Giovedì 18 aprile sarai supportato dai numeri?

Gli Stati Uniti hanno dovuto fare affidamento sui razzi russi Soyuz per raggiungere la Stazione Spaziale Internazionale tra il 2011 e il 2020.

Il programma della Boeing ha dovuto affrontare battute d’arresto che vanno da un problema tecnico del software che ha messo l’astronave su una cattiva traiettoria nel suo primo test senza pilota, alla scoperta che la cabina era piena di nastro isolante infiammabile dopo il secondo test.

Una missione di successo aiuterebbe a dissipare l’amaro sapore lasciato da anni di preoccupazioni e ritardi sulla sicurezza, e fornirebbe a Boeing il tanto necessario sollievo dalle gravi preoccupazioni per la sicurezza che circondano i suoi aerei passeggeri.

Durante la loro permanenza di circa una settimana presso l’avamposto orbitale, Willmore e Williams continueranno a valutare i sistemi della navicella, inclusa la simulazione se la nave potrebbe essere utilizzata come rifugio sicuro in caso di emergenza sulla Stazione Spaziale Internazionale.

Dopo la separazione, lo Starliner rientrerà nell’atmosfera, dove l’equipaggio sperimenterà i 3,5 G mentre decelererà da 17.500 miglia (28.000 chilometri) all’ora fino a un atterraggio dolce aiutato da paracadute e airbag negli Stati Uniti occidentali.

(Ad eccezione del titolo, questa storia non è stata modificata dallo staff di NDTV ed è pubblicata da un feed sindacato.)

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply