Non facciamo finta di essere pazzi, il nuovo samurai Assassins Creed Shadows non è asiatico

Ubisoft ha finalmente annunciato il tanto atteso gioco Assassin’s Creed ambientato nel Giappone feudale. Sottotitolato Shadows, segue due doppi protagonisti: un ninja di nome Naoe e un samurai basato sullo storico samurai nero Yasuke.

Sebbene la grave mancanza di rappresentanza asiatica nei giochi occidentali sia ben nota, trovo ipocrita e ridicolo che si parli solo della necessità di un eroe asiatico ora che Assassin’s Creed Shadows è stato rivelato Reciterà in Black Samurai. A questo manca la foresta per gli alberi. Anche se sostengo sempre più uomini asiatici nei giochi AAA, sarò il primo a dire che questa è una rappresentazione migliore non come quello Si troverà in un altro eroe samurai.

Non si può fingere di volere una rappresentanza asiatica chiedendo un altro samurai. Credito: Ubisoft

Basta con i samurai

Ubisoft decide di concentrarsi su Yasuke Un personaggio storico molto noto – E’ una mossa intelligente. Un gioco di Assassin’s Creed ambientato in Giappone che, francamente, era difficile da distinguere da altri moderni giochi di samurai open-world. E se vuoi vedere un eroe samurai asiatico, non guardare troppo attentamente.

Gli eroi samurai asiatici sono già un percorso ben battuto. C’è Sekiro: Shadows Die Twice, Katana Zero, Like A Dragon: Ishin!, Samurai Warriors, L’Ascesa dei Ronin, Onimusha, Way of the Samurai, Way of the Samurai 2, Ghost of Tsushima… C’è anche il mio preferito, Muramasa: Lama del diavolo. Posso andare avanti all’infinito. Quindi è difficile giungere ad una conclusione diversa dal fatto che l’immaginazione limitata dello sviluppo di giochi AAA può solo immaginare eroi asiatici quando brandiscono la katana o sono stelle ninja.

Se volevo vedere un eroe samurai asiatico, non dovevo cercare troppo.

Quel che è peggio è che i personaggi complessi portati in vita in modo così meraviglioso in spettacoli come Shogun sono spesso ridotti alle loro forme più semplici nei giochi, specialmente quelli creati dagli studi occidentali. Mentre i giochi guidati da sviluppatori giapponesi come Sekiro e Like a Dragon: Ishin utilizzano eroi samurai per raccontare storie sfumate su come superare sfide fantasy o fornire uno sguardo agli atti eroici di strada nel Giappone Edo, i giochi sviluppati in Occidente non riescono a raggiungere lo stesso obiettivo. . livello di complessità, spesso regredendo a stanchi cliché di onore e stoicismo.

READ  30 migliori Scatola Trasparente Con Coperchio da acquistare secondo gli esperti

Questo vale solo per i giochi che cercano di raccontare una storia utilizzando un samurai protagonista. Nella maggior parte dei casi, l’archetipo del samurai è un modo di combattere innanzitutto, evitando qualsiasi tipo di sapore narrativo per il bene di una bella spada e di un ciuffo. Pensa a giochi di eroi come Overwatch che presentano tipi di samurai e ninja per la loro squadra giapponese. E tutti i fiori per Ghost of Tsushima per il suo mondo aperto e il combattimento meravigliosamente reso, ma Jin Sakai ha il carisma di uno straccio bagnato.

Il secondo verso.  Uguale al primo.  Credito: Sucker Punch.
Il secondo verso. Uguale al primo. Credito: Sucker Punch.

Wow, bella spada

La lamentela principale che ho come americano asiatico nei giochi riguardo alla rappresentanza non è la sua mancanza – come evidenziato dalla pagina Wikipedia piena di combattenti, ninja e samurai asiatici – ma piuttosto la sua mancanza. diversità dentro. Ho menzionato in precedenza in una storia sugli sviluppatori di giochi asiatico-americani e la loro rappresentazione: Non siamo un monolite e io, un coreano-americano, non ho un senso di rappresentazione nel vedere un samurai giapponese, un ninja giapponese, un maestro di kung fu o un grigio- mistico antico dai capelli per quella materia.

Naturalmente, tutto ciò avviene con l’avvertenza che la natura dello sviluppo di giochi AAA è concentrarsi su personaggi “interessanti” con un ampio appeal. Samurai e ninja Noi siamo Sono fantastici e i loro gadget e le loro armi sono perfetti per i grandi film d’azione, quindi c’è qualche sorpresa che personaggi come questo siano diventati l’impostazione predefinita? Probabilmente no, ma dopo così tanti giochi, è ancora deludente vedere quante poche possibilità queste storie abbiano con questi personaggi.

READ  30 migliori Tappeti Per Cucina da acquistare secondo gli esperti

Dato il concetto storico del salto della serie Assassin’s Creed, possiamo avere la nostra torta e mangiarla anche noi con poco sforzo. Perché accontentarsi di un altro eroe samurai quando il franchise potrebbe facilmente spostarsi nell’impero mongolo o nella Cina post-rivoluzionaria? O anche il Teatro del Pacifico della Seconda Guerra Mondiale, che era a Un bastione dello spionaggio antimperialista guidato dall’Asia?

Non voglio vedere che abbiamo i ruoli che ci si aspetta che interpretiamo. Voglio ruoli che non abbiamo mai avuto prima.

Questo problema di ricorrere solo a un protagonista asiatico che usa una katana non è limitato agli studi occidentali poiché sia ​​Capcom che Square Enix spesso scelgono di fare affidamento solo su protagonisti asiatici quando hanno bisogno di un samurai o di un ninja. Ma anche in questo caso, il Giappone e altri studi asiatici rimangono più lungimiranti rispetto alle loro controparti occidentali su chi può essere il volto dei loro giochi.

È ironico, ma Tango Gameworks è responsabile di quello che penso sia stato il miglior eroe asiatico nei giochi spesso trascurati di Ghostwire: Tokyo. È un gioco ambientato nella Tokyo contemporanea con un eroe asiatico del 21° secolo le cui responsabilità ricadono sulle spalle della sorella morente. Nessun signore feudale e, onestamente, questo è tutto ciò che potrei chiedere a un progetto di gioco AAA guidato dall’Asia. Per non parlare del lavoro che Sega e Atlus hanno svolto con giochi come Yakuza, Persona e Shin Megami Tensei che raffigurano personaggi moderni in ambientazioni uniche.

Di più di questo.  Credito: Tango Gameworks, Bethesda
Di più di questo. Credito: Tango Gameworks, Bethesda

Non dobbiamo aver paura di sognare un po’ più in grande

Trovo imbarazzanti i commenti secondo cui Assassin’s Creed Shadows è un’occasione mancata per rappresentare più eroi asiatici. Come uomo asiatico, non voglio vederci interpretare i ruoli che ci si aspetta che interpretiamo. Voglio ruoli che non abbiamo mai avuto prima. Mi piacerebbe che il prossimo gioco horror in stile Alan Wake avesse un eroe asiatico, o che Star Wars seguisse le orme di The Acolyte e avesse un protagonista asiatico.

READ  30 migliori Cerniere Per Legno da acquistare secondo gli esperti

Quando spingo per una maggiore diversità nei giochi, non significa che il prossimo gioco sui samurai AAA avrà un protagonista asiatico, ma piuttosto che il prossimo gioco di Naughty Dog, o il prossimo gioco di Hideo Kojima, diavolo, o anche un gioco di Final Fantasy , potrebbe immaginare un protagonista asiatico.

Matt Kim è il redattore senior di IGN. Puoi accedervi @lawoftd.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply