Questo è il programma segreto diffuso a Gaza

Acquistare cibo a Gaza durante la guerra (Foto: Abdel Rahim Khatib/Flash90)

Secondo un rapporto pubblicato oggi (mercoledì) dal New York Times, Israele sta utilizzando in tutta la Striscia di Gaza telecamere speciali collegate a programmi segreti di intelligenza artificiale in grado di riconoscere i volti dei palestinesi per arrestare le persone ricercate.

Uno dei ricercati che ha tentato personalmente di utilizzare il programma contro di lui era Musab Abu Toha, un palestinese ricercato da Israele, che l'esercito israeliano ha inserito nel database e identificato per strada utilizzando il programma segreto.

“Non avevo idea di cosa stesse succedendo o di come potessero all'improvviso conoscere il mio nome legale completo”, ha detto Abu Toha, che ha affermato al Times di non avere nulla a che fare con Hamas.

Tre funzionari dell'intelligence israeliana hanno riferito al giornale americano che Abu Toha è stato scoperto quando è entrato nel raggio d'azione delle telecamere private, da cui è risultato chiaro che era ricercato dalle forze di sicurezza.

Secondo il Times, il programma è iniziato a Gaza alla fine dello scorso anno e ci sono già centinaia di palestinesi nel magazzino segreto.

Se inizialmente il programma veniva utilizzato principalmente per localizzare gli ostaggi israeliani inseriti nel database, lo strumento divenne rapidamente un mezzo efficace per localizzare i palestinesi legati ad Hamas.

Un ufficiale ha detto che a volte il programma non dava risultati al 100% e che la tecnologia rivoluzionaria classificava erroneamente i civili come combattenti di Hamas ricercati.

Quattro ufficiali dell’intelligence hanno detto al Times che gli 8.200 ricercatori responsabili della gestione del sistema si affidano alla tecnologia di una società israeliana chiamata Corsight. Gli investigatori utilizzano Google Immagini anche per individuare potenziali ricercati, scrive il giornale.

READ  30 migliori Mangiatoia Automatica Acquario da acquistare secondo gli esperti

Secondo il rapporto del Times, l'Unità 8200 è stata incaricata di scansionare le immagini dei terroristi di Hamas che hanno compiuto il massacro di Sabah Simchat Torah dalle telecamere Go-Pro e dalle telecamere di sorveglianza, al fine di determinare successivamente la loro posizione utilizzando la stessa tecnologia. a Gaza.

Ciò che distingue la tecnologia dell'azienda israeliana Corsight è la capacità del software di riconoscere i volti anche solo dal 50% della scansione, così come le immagini scure o con una risoluzione molto bassa.

Il Times rivela che alcuni dei soldati entrati nella Striscia si sono procurati speciali telecamere dotate di tecnologia innovativa e le hanno utilizzate per scansionare i volti degli abitanti di Gaza che passavano dai checkpoint.

Un portavoce dell’esercito israeliano ha detto in risposta: “L’esercito israeliano sta portando avanti le necessarie operazioni di sicurezza e intelligence e sta facendo un grande sforzo per ridurre al minimo i danni ai residenti che non partecipano”. Ha aggiunto: “Naturalmente non possiamo fare riferimento alle capacità operative e di intelligence in questo contesto”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply