Studioso tracio, collega di Pitagora, che divenne un dio

Zalmoxis è una delle figure più misteriose e interessanti delle nostre terre nel V-IV secolo a.C., che riuscì ad assorbire tutta la conoscenza finora acquisita e ad arricchirla con nuove conoscenze. C’è ancora molto dibattito sulla sua identità, ed è impossibile dire se fosse schiavo, discepolo o maestro di Pitagora.

La professoressa Diana Gergova ha detto a 24 Chasa: “Per autori antichi come Erodoto, Socrate, Platone e Giordane del VI secolo a.C., Zalmoxis era un sacerdote, re e dio di Getae, che Erodoto dice di aver immortalato”. Per decenni ha studiato i Getei, che nelle fonti sono descritti come profeti, come suggerisce la probabile origine del loro nome Goes.

“Nella società gaetica, i sacerdoti giocavano un ruolo molto importante, unendo fede, conoscenza e profezie – aggiunge – Diffondono la conoscenza ininterrottamente per secoli, dice Jordanes nel suo libro “Getica”.

Il re Burebista, vissuto tra l’82 e il 44 a.C., “conferì autorità quasi regale al sacerdote Dequinio,

Chi insegnò alla Gita la conoscenza pratica e teorica.” inclusa l’etica, la filosofia, le scienze naturali e la legislazione. Il progresso dei profeti che abitavano le nostre terre è illustrato dal seguente estratto dalla “Geetika”: Mediante la moralità i costumi barbari erano limitati, e impartendo loro conoscenze di fisica li fece vivere naturalmente secondo le loro leggi. Quelli speciali, che oggi chiamano Pelagiani, insegnarono loro la logica e li resero più abili nel pensare di tutte le altre razze, e li esortarono a contemplare i dodici segni e le vie dei pianeti per i quali passano, e tutta l’astronomia, e raccontò loro come il disco della luna diminuiva, e mostrava loro quanto superava l’orbita del sole Il fuoco delle nostre stelle terrestri e quarantasei , e detto dai segni nel cielo curvato che scivolano rapidamente dall’alba al tramonto Pensa, ti prego, quanto si divertivano questi uomini coraggiosi, quando avevano così poco tregua dalla guerra per apprendere insegnamenti filosofici “.

Diquinius era un seguace del sacerdote altamente istruito e dio di questa comunità mistica, Zalmoxis. Erodoto scrive che potrebbe essere stato schiavo di Pitagora, anch’egli vissuto tra il V e il IV secolo. Allo stesso tempo, le fonti ammettono che il Getty Prophet potrebbe anche essere stato un insegnante del carismatico matematico. Siamo quindi andati dalla professoressa Gergova per chiederle se avesse trovato qualcosa nelle fonti che potesse chiarire il rapporto tra i due mondi in quel momento.

“L’associazione di Zalmexes con Pitagora è molto interessante. Viene spesso citato da Erodoto, i cui Ellesponti e Ponto non credono che Zalmexes fosse uno schiavo o un discepolo di Pitagora, e credono che sia il suo antenato. Zalmexes, come Orfeo, era anche Pitagora in Egitto, dove imparò a leggere i segni attraverso i quali determinò la volontà degli dei Non mangiò mai carne e si astenne dal vino Anche Pitagora fu introdotto ai misteri da Orfeo, e secondo alcuni ne fu l’autore di “alcuni inni ‘orfici'”, dice la professoressa Gergova.

READ  ''Due volte più grande della Terra''

Ma sembra che Zalmoxis fosse un medico interessante anche dal punto di vista odierno. In Carmide, Platone si riferisce a un guaritore tracio che disse che “il nostro re Zalmoxis, che è un dio, afferma che non dobbiamo separare gli occhi dalla testa, né dovremmo separare la testa da tutto il corpo così come con il corpo a parte l’anima.”

Il concetto del rapporto tra anima e corpo, che ormai si sta facendo strada non solo attraverso la medicina integrativa, ma anche attraverso la psicologia. Il motivo è che sempre più medici cercano di aiutare i propri pazienti a mobilitare la propria psiche e a lottare per la propria salute.

Ma il re e il sacerdote Getek andarono oltre

“Nel campo della medicina, la Gita aveva una conoscenza diversa rispetto agli antichi greci, e Zalmoxis era anche venerato come un dio guaritore, i cui sacerdoti lo trattavano con canti ed erbe – dice la professoressa Gergova – Secondo Socrate, c’era un mistico circolo chiamato “guaritori di Zalmoxis”, ed erano estremamente dotati, tanto che riuscirono ad ottenere maggiori successi dei loro colleghi greci, poiché erano guidati da un principio presente anche nella medicina moderna – non solo curare la parte malata del del corpo, ma anche per curare la parte malata del corpo nel suo insieme.

“Non può esserci cura se prima non sottoponi la tua anima al potere curativo degli incantesimi traci”, afferma Harmide.

“Platone adorava Zalmoxis come un grande medico e pose i suoi principi come base della sua filosofia – osserva la professoressa Gergova – Diodoro Siculo descrisse Zalmoxis come un profeta e legislatore, e per Diogene Laerzio fu “uno dei primi filosofi barbari”. agli autori alessandrini dell’inizio della nostra era, fu Zalmoxis a trasmettere l’insegnamento dell’Immortalità ai Druidi celtici”.

Anche questo concetto non appare dal nulla, ma ha una ricca storia.

“Fin dal VI secolo aC nell’antica Grecia, il posto dell’uomo sulla Terra e dopo la morte è stato costantemente ricercato, e le risposte non sono nella religione greca degli dei dell’Olimpo – sorride la professoressa Gergova – Sono negli insegnamenti Non è un caso che Erodoto affermi che fu lui a introdurre i misteri a… L’Ellade, poiché era un tracio, la chiamavano “Triskia”.

Secondo lei, l’elemento mistico è entrato nella filosofia greca attraverso Pitagora, e da lui fino a Platone, da cui trassero ispirazione gli autori successivi.

“Nelle loro opere Zalmoxis è presente con il suo sapere, che ne determina un carattere molto interessante – nota l’archeologo – La dottrina orfico-pitagorica dell’immortalità dell’anima si diffuse non solo tra le élite elleniche, ma anche tra strati più ampi del popolo. la popolazione popolare, la scrittura”.

Quando è stato chiesto al professor Gergova quali conclusioni possiamo trarre dalla conoscenza di Zalmoxis, ha indicato Erodoto. Secondo lui

Il re-sacerdote costruì una sala per banchetti con un tavolo attorno

READ  Trailer Akuma di Street Fighter 6, in uscita il 22 maggio

Ha dato il benvenuto ai capi della tribù Gitik e ai suoi connazionali

“Là insegnò loro che né lui né i suoi commensali né i loro discendenti sarebbero mai morti, ma sarebbero invece andati al divino dopo la loro morte, dove avrebbe regnato la felicità e tutto sarebbe stato in grande abbondanza”, spiega il professore. “Gergova. È così che si formò il concetto di eternità o paradiso, molto prima del cristianesimo. Questa informazione indica indirettamente che Zalmoxis conosceva anche l’astronomia.”

Ma il re e sacerdote della Tracia non era solo un mistico, ma anche uno studioso come Pitagora, e grazie a ciò i sacerdoti gaetani crearono per secoli un’élite altamente istruita.

“Non è un caso che Jordanes annoti che il sacerdote Dicinio insegnava etica, fisica, astronomia e filosofia, per essere abile nel pensiero e per essere ad un livello superiore rispetto a tutte le altre razze – aggiunge l’archeologo – Inoltre i Geti avevano le loro leggi in forma scritta Erano chiamati Pelaginiani, e questo è un altro esempio che contraddice l’idea prevalente dei Traci come popolo analfabeta.

Nel campo dell’astronomia, Zalmixis era probabilmente abile quanto Pitagora.

“Certamente non saremmo in grado di commentare questo problema in dettaglio se ci affidassimo solo a fonti scritte – ha spiegato la professoressa Gergova – Sono orgoglioso dei miei studi a lungo termine sulle tombe dei Geti nella loro capitale Dausdava – Helles nel. La Riserva di Sporianovo ha rivelato prove materiali visibili non solo delle elevate conoscenze astronomiche dei Getai – che fino a poco tempo fa venivano messe in discussione, ma anche di quelle legate alle loro conoscenze nel campo della medicina e nella comprensione del rapporto tra corpo, anima e universo, sono la base dell’insegnamento ideale di Orfeo sull’immortalità astrale dell’anima.

Quando l’archeologo iniziò a lavorare sulle tombe dei Getae a Sporianovo, l’astronomo greco Yannis Laertzes dimostrò che erano un riflesso della Via Lattea.

“È come se questa fosse l’incarnazione dell’idea che è il sentiero degli spiriti. – Nella capitale spirituale e politica di Gith, c’è ancora molta astronomia a diversi livelli. I tumuli sono raggruppati come riflessi,” ha spiegato . Delle costellazioni più luminose: Orione, Big Dog, Sagittario, ecc. Sappiamo che l’altro nome dei Geti è Daci, che li collega al loro totem del lupo, quindi anche il nome della capitale dei Geti, che possiamo riconoscere, è “Dausdava – la città dei lupi, lasciataci da Tolomeo . Tutte queste idee indicano anche una seria relazione tra le Loro vite e l’universo. In questa occasione l’archeologo si chiede se il nome della città ellenistica, Polis Helles, al centro del grande complesso, sia la versione tracia del sole, Helios?

Parla anche la profonda conoscenza dell’astronomia di Zalmoxis e Getae

Sorprende l’orientamento della tomba sacerdotale

È stato costruito esattamente nella direzione del solstizio d’inverno

“In esso è stata creata un’apertura speciale e quella mattina i raggi del sole illuminano la scena dell’eternità”, afferma la professoressa Gergova “Questo giorno è anche conosciuto come il compleanno del dio egiziano Ra e dell’Apollo tracio, Gesù”.

READ  Agenzia di previsione Xinhua: Nel Corno d'Africa sono previste forti piogge fino a luglio

Secondo lei, l’idea cosmica è letteralmente incarnata nelle tombe Getek, caratterizzate da uno sbarramento in tre fasi accompagnato da rituali di immortalità.

“Include la sepoltura di ossa umane, poiché il primo mucchio era a forma di uovo, ricoperto da uno strato bianco di pietre”, sottolinea.

I ricercatori di antiche religioni concordano sul fatto che l’idea dell’uovo cosmico, presente anche nelle idee precedenti, fu formulata da Orfeo in un modo nuovo.

“Dall’uovo orfico nacque il padre di tutti gli dei, e uno dei suoi nomi è Eros”, osserva Gergova, “Non c’è prova più convincente di questi tumuli bianchi a forma di uovo che i Getai fossero addestrati e condivisi in questo concetto. A continuazione del tema dobbiamo anche sottolineare il fatto che solo sulle colline di Gitik sono stati rinvenuti anelli con immagini di Eros come segno di appartenenza alla comunità degli iniziati”.

Insieme a questo, l’insegnamento orfico fa un altro enorme passo avanti, creando il concetto dell’esistenza dell’anima dopo la morte.

“La natura, le leggi cosmiche e l’immortalità si uniscono in nuovi rituali – spiega la professoressa Gergova – Anche in Egitto si guardano le stelle e secondo esse si orientano le piramidi e i templi. Ad esempio, è associata la fede nell’immortalità dell’anima pratiche di mummificazione funeraria, e a questo proposito il mito della morte di Orfeo è molto espressivo. I Basari strapparono parti del suo corpo, le seppellirono in luoghi diversi e Zeus gettò la sua lira in cielo.

Quali sono i segreti dell’immortalità dei Gith? Quali dati hanno trovato gli scienziati?

“Abbiamo potuto scoprirli durante gli scavi nella necropoli di Sporianovo – ha spiegato la professoressa Gergova – Nei cimiteri archeologici della Tracia, di solito non troviamo sepolture originali, e spesso sono vuote perché avevano la funzione di templi dove venivano custoditi i segreti dell’immortalità e della salvezza. le ossa umane dopo un certo periodo furono disperse o seppellite in vari luoghi, cosa interessante, i pitagorici poterono contattare i loro colleghi defunti per assicurarsi che eseguissero correttamente tutti i rituali per aiutare l’anima nel suo cammino verso le stelle.

Secondo Diana Gergova, le scoperte del suo team su Sporeanovo rivelano che la comunità dei profeti su Gith è altamente istruita, con una vena indipendente di sviluppo illuminista sull’universo, sull’uomo e sull’anima, sui segreti per raggiungere l’immortalità.

“La loro conoscenza ha lasciato un’impronta sui nomi più brillanti dell’antica filosofia ellenica, così come il fatto importante che la loro élite fosse alfabetizzata, il che confuta le affermazioni ora avanzate sulla cultura analfabeta dei Traci”, afferma l’archeologo.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply