Colloqui per il cessate il fuoco a Gaza: cosa dicono Israele e Hamas? | Notizia

Mentre Hamas preme per un cessate il fuoco permanente, Israele sta ancora pianificando di invadere Rafah nonostante la crescente pressione internazionale.

Il segretario di Stato americano Antony Blinken si sta dirigendo in Medio Oriente per spingere per un accordo di cessate il fuoco tra Hamas e Israele, mentre più di cinque mesi di bombardamenti israeliani hanno spinto Gaza verso la carestia.

Si prevede che Blinken incontrerà i leader dell'Arabia Saudita e dell'Egitto questa settimana per discutere i colloqui in corso tra Hamas e Israele mediati dal Qatar e dall'Egitto, nonché il rilascio dei prigionieri da Gaza.

Sebbene il capo del Mossad David Parina abbia già lasciato Doha, sede dei negoziati, la delegazione israeliana è ancora nella capitale del Qatar per i colloqui. Allora, dove sono arrivati ​​i negoziati?

Quali sono le condizioni proposte da Hamas per la calma a Gaza?

Alla fine della scorsa settimana, Hamas ha presentato ai mediatori una proposta per un possibile accordo di tregua.

Ecco alcune condizioni fondamentali della proposta:

  • I prigionieri israeliani verranno rilasciati in cambio dei prigionieri palestinesi, 100 dei quali stanno scontando l'ergastolo. Si ritiene che circa 100 prigionieri siano detenuti da Hamas e da altre fazioni palestinesi.
  • Il cessate il fuoco sarà suddiviso in tre fasi, ciascuna della durata di 42 giorni.
  • Durante la prima fase, le forze israeliane devono ritirarsi dalle strade Al-Rashid e Salah Al-Din – le due principali autostrade che collegano il sud al nord – per consentire il ritorno dei palestinesi sfollati alle loro case e la consegna di aiuti a Gaza.
  • I primi prigionieri ad essere rilasciati saranno donne e bambini.
  • In cambio verranno rilasciati tra i 700 e i 1.000 prigionieri palestinesi.
  • Hamas ha affermato che affinché un prigioniero israeliano in attesa di giudizio possa essere rilasciato, devono essere rilasciati 50 prigionieri palestinesi di sua scelta, inclusi 30 condannati all'ergastolo. Più di 200 prigionieri palestinesi e 80 prigionieri israeliani sono stati rilasciati nel corso di una tregua durata una settimana a novembre. Tuttavia, da allora molti palestinesi sono stati nuovamente arrestati.
  • Nella seconda fase, dovrà essere dichiarato un cessate il fuoco permanente prima che altri prigionieri vengano rilasciati.
  • La terza fase prevede che Israele revochi l’assedio di Gaza e inizi a ricostruire la Striscia.
READ  30 migliori Cappa Aspirante 90 Cm da acquistare secondo gli esperti

Cosa dice Israele?

In risposta all'ultima offerta di tregua avanzata da Hamas, l'ufficio del primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha affermato che l'offerta è ancora basata su “richieste irrealistiche”.

Netanyahu ha detto che Israele sta ancora progettando di invadere Rafah, l'ultimo rifugio per i palestinesi fuggiti da mesi di bombardamenti israeliani, per raggiungere il suo obiettivo di sconfiggere Hamas. Ma il suo piano ha dovuto affrontare l’opposizione dei paesi arabi e delle agenzie umanitarie, nonché di Washington, il suo più stretto alleato.

Una delle principali differenze tra le due parti è che Hamas vuole un cessate il fuoco permanente mentre Israele insiste sulla “completa eliminazione di Hamas”.

Israele ha affrontato la condanna globale per le sue tattiche di guerra, in base alle quali Gaza è stata posta sotto un assedio completo e sono stati fatti pochi sforzi per distinguere tra civili e combattenti armati. Dal 7 ottobre sono state uccise più di 31.000 persone, tra cui 12.300 bambini. Negli ultimi cinque mesi sono stati uccisi a Gaza più bambini di quanti ne siano stati uccisi nei conflitti in tutto il mondo negli ultimi quattro anni.

Il Qatar ha confermato che David Barnea, capo del servizio segreto israeliano Mossad, si è incontrato lunedì con i mediatori egiziani e qatarioti per riprendere i negoziati, prima di lasciare Doha martedì.

Cosa hanno detto i leader palestinesi?

Il segretario generale dell’Iniziativa nazionale palestinese, Mustafa Barghouti, ha dichiarato ad Al Jazeera il 15 marzo che l’ultima proposta di Hamas è “più flessibile e accettabile” rispetto alle precedenti proposte presentate all’inizio e alla fine di febbraio.

Barghouti ha detto che si aspetta che Netanyahu metta “ogni possibile ostacolo per impedire che questo accordo si realizzi perché sa che non appena questa guerra finirà, andrà in prigione”. Sa benissimo che il 7 ottobre verrà accusato di fallimento, ma lo aspettano anche quattro casi di corruzione”.

READ  Papa Francesco elogia il giocatore italiano Jannik Sinner per aver vinto il titolo di tennis degli Australian Open

Qual è stata la reazione internazionale?

I mediatori Qatar, Egitto e Stati Uniti hanno trascorso settimane cercando di ridurre le differenze tra Israele e Hamas su come sarebbe un cessate il fuoco nel contesto di una crisi umanitaria in peggioramento con tutti gli abitanti di Gaza che affrontano fame e carestia.

Il presidente egiziano Abdel Fattah El-Sisi ha dichiarato il 15 marzo che il Cairo cerca di raggiungere un cessate il fuoco, aumentare la fornitura di aiuti alla Striscia di Gaza e consentire ai palestinesi sfollati nel sud e nel centro della Striscia di Gaza di tornare al nord. Sisi ha anche messo in guardia contro un’invasione di terra israeliana di Rafah, abitata da 1,4 milioni di palestinesi, la maggior parte dei quali sono sfollati a causa della guerra.

Martedì il vice primo ministro britannico Oliver Dowden ha difeso il diritto di Israele a proteggersi, chiedendo un “cessate il fuoco immediato” a Gaza. Esperti legali hanno messo in dubbio il diritto alla difesa di Israele come potenza occupante.

Il leader della maggioranza al Senato americano Chuck Schumer, il più alto funzionario ebreo negli Stati Uniti e sostenitore di lunga data di Israele, ha chiesto nuove elezioni in Israele, ponendo Netanyahu come un ostacolo alla pace. L’ex presidente della Camera Nancy Pelosi ha affermato che Netanyahu deve essere “inconsapevole” della terribile situazione umanitaria a Gaza.

Lunedì il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha avvertito Netanyahu che l’operazione Rafah avrebbe esacerbato il caos a Gaza. Da allora Israele ha inviato una squadra a Washington per discutere i suoi piani per Rafah. Lo scorso fine settimana, Biden si è impegnato a lavorare per garantire un cessate il fuoco durante un incontro con il primo ministro irlandese Leo Varadkar a Washington.

READ  30 migliori Anelli Regolabili Donna da acquistare secondo gli esperti

Majed Al-Ansari, portavoce del ministero degli Esteri del Qatar, ha dichiarato martedì in una conferenza stampa che l’operazione di terra israeliana a Rafah ostacolerebbe qualsiasi discussione sul cessate il fuoco.

Qual'è il rischio?

Gli ultimi round di trattative per una tregua sono iniziati alla fine di febbraio, ma finora i negoziatori hanno incontrato difficoltà nel ridurre le differenze tra Israele e Hamas.

Israele era pronto ad accettare una tregua temporanea per scambiare prigionieri palestinesi con prigionieri alla fine di febbraio. I media israeliani hanno citato funzionari che hanno parlato di una tregua di sei settimane durante il mese sacro del Ramadan.

A più di una settimana dal mese di Ramadan, le trattative non hanno ancora visto alcun progresso.

Ci sono crescenti richieste di cessate il fuoco poiché un rapporto sostenuto dalle Nazioni Unite affermava domenica che la carestia era imminente. Gruppi umanitari puntano il dito contro Israele, che bombarda e impedisce l'ingresso degli aiuti a Gaza.

Nour Al-Shawaf, consigliere politico per il Medio Oriente e il Nord Africa presso Oxfam, ha dichiarato lunedì ad Al Jazeera: “Finché non vediamo un cessate il fuoco in atto che consenta l'intensificazione delle operazioni umanitarie per fornire aiuti a Gaza e al nord di Gaza in particolare, e con un massiccio aumento di questo “tipo di aiuto, avremo uno scenario davvero catastrofico davanti ai nostri occhi mentre il mondo guarda”.

“Oxfam ritiene che le persone che vivono a Gaza patiranno una morte di massa a causa di malattie e fame ben oltre le attuali 31.000 vittime palestinesi della guerra, a meno che Israele non prenda misure immediate per porre fine ai suoi abusi”, ha affermato la ONG in un comunicato stampa pubblicato lunedì.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply