Euro-Mediterranean Monitor: L’occupazione prende di mira gli esperti informatici a Gaza Notizia

|

L’Euro-Mediterranean Human Rights Monitor ha affermato che l’esercito di occupazione israeliano ha sistematicamente preso di mira decine di programmatori, esperti di informatica e lavoratori di questo settore vitale, oltre a distruggere le sedi delle loro aziende, come parte del crimine di genocidio che sta portando avanti. nella Striscia di Gaza dal 7 ottobre scorso.

In una dichiarazione, l’Osservatorio ha sottolineato che l’esercito di occupazione ha preso di mira e ucciso persone dotate di intelletto ed esperienza, in particolare quelle con competenza nel campo della tecnologia dell’informazione, della programmazione e dell’ingegneria informatica, e coloro che sono influenti in questi campi vitali, come altre élite. nella società locale.

L'Osservatorio ha documentato un elenco che comprendeva diversi esperti di tecnologia dell'informazione morti a seguito degli attacchi militari israeliani che hanno preso di mira la loro permanenza in vari luoghi della Striscia di Gaza.

Tra loro c'è il famoso ingegnere programmatore Haitham Muhammad al-Nabahin, considerato uno dei più abili esperti nel suo campo nella Striscia di Gaza. Lui e sua moglie, l'ingegnere Nesma Zuhair Sadiq, sono morti in un bombardamento israeliano che ha preso di mira una casa vicino alla quale sono stati sfollati nel campo di Bureij, nel centro della Striscia di Gaza, il 14 marzo di quest'anno.

Il 31 ottobre, l’esercito israeliano ha assassinato Tariq Thabet, direttore dei programmi dell’Incubatore Tecnologico UCAS presso l’University College della Striscia di Gaza, attraverso un bombardamento che ha preso di mira la sua abitazione, provocando la morte di lui, della moglie, dei figli, della famiglia genitori e alcuni membri della sua famiglia.

READ  30 migliori Piumino Estivo Matrimoniale da acquistare secondo gli esperti

Anche l’ingegnere informatico Baraa Abdullah Al-Saqqa, specializzato nella programmazione di siti web e applicazioni per smartphone, è stato martirizzato in un simile attentato israeliano lo scorso 21 novembre. Ha lavorato in molte aziende specializzate nel settore ed è stato attivo nella fornitura di corsi di programmazione e workshop specializzati.

L’occupazione ha ucciso molti esperti informatici nella Striscia di Gaza (Gruppo Palestinese per le Comunicazioni)

Puntare alle aziende tecnologiche

Allo stesso tempo, l’esercito israeliano ha lanciato attacchi diretti e devastanti contro le sedi di aziende emergenti specializzate in tecnologie dell’informazione e di aziende partner nella Striscia di Gaza, nell’ambito di quanto documentato dall’Osservatorio euromediterraneo di diffusa distruzione inflitta al settore tecnologico e l’esaurimento delle relative infrastrutture.

L’Osservatorio ha affermato che il settore tecnologico nella Striscia di Gaza è stato sottoposto a ingenti danni che hanno distrutto le infrastrutture e gli impianti e causato la perdita del lavoro dei lavoratori del settore a causa della distruzione delle sedi delle società tecnologiche e di comunicazione, che ha minato la capacità di continuare il lavoro e l’innovazione in questo settore vitale, che è considerato la base di tutti i settori economici e della trasformazione digitale.

Ha spiegato che prima dell’inizio dei recenti attacchi militari israeliani, la Striscia di Gaza comprendeva circa 65 aziende che lavoravano in molteplici campi tecnologici, come software, attrezzature tecniche, consulenza, formazione tecnica, comunicazioni e altri sotto-campi, e offrivano opportunità di lavoro. per migliaia di giovani e laureati specializzati in questo settore.

Ha affermato che le stime preliminari indicano che le sedi delle società di programmazione e di tecnologia dell'informazione sono state distrutte e danneggiate, e che 6 incubatori di imprese erano fuori servizio nella Striscia e tutti i centri tecnologici, compresi quelli inclusi nelle università della Striscia di Gaza, come conseguenza della distruzione totale o parziale dell’infrastruttura.

READ  30 migliori Geforce Rtx 2070 da acquistare secondo gli esperti

L’Osservatorio euromediterraneo ha sottolineato che i crimini perseguiti da Israele, tra cui il prendere di mira e l’uccisione di individui qualificati, e la distruzione diffusa e deliberata di aziende e infrastrutture, ostacolerebbero lo sviluppo della società palestinese nella Striscia di Gaza in generale, minerebbero il suo equilibrio scientifico ed economico. sistema, e privare i suoi settori vitali di quadri specializzati che sarà difficile sostituire nel breve termine.

L’Osservatorio ritiene che questi crimini siano l’attuazione delle palesi politiche israeliane che mirano a rendere la Striscia di Gaza un luogo inabitabile, liquidando talenti e distruggendo componenti e strutture basilari della vita, che minacciano di creare una società incapace di sviluppo e costruzione, o di rapida ripresa dagli effetti devastanti dei gravi crimini commessi da Israele in quel periodo.

L’Euro-Med Monitor ha affermato che i crimini di uccisione di civili e distruzione di proprietà, senza riguardo alle norme del diritto internazionale umanitario, sono di per sé considerati gravi violazioni e crimini di guerra in conformità con le Convenzioni di Ginevra e lo Statuto di Roma della Corte penale internazionale , e costituiscono anche un pilastro del crimine di genocidio compiuto da Israele contro i residenti della Striscia di Gaza.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply