I cittadini spingono per porre fine al gerrymandering in Ohio

Nel 2023, la Corte Suprema dell'Ohio ha respinto 3 cause legali che contestavano le mappe legislative dell'Ohio che hanno portato al gerrymandering del 2024.

Le mappe legislative dell'Ohio tracciate dopo il censimento del 2020 sono state descritte dai querelanti nelle cause legali come un gerrymander altamente partigiano che favorisce il Partito Repubblicano, una situazione che ritengono violi la Costituzione dell'Ohio.

La riorganizzazione distrettuale in Ohio viene effettuata dalla Commissione di riorganizzazione distrettuale dell'Ohio, composta da funzionari eletti a maggioranza repubblicana.

Così è stata lanciata una campagna da un gruppo di cittadini dell'Ohio per raccogliere firme per modificare la costituzione dello stato per rimuovere il potere di disegnare la mappa del distretto ai funzionari eletti.

Una tavola rotonda sulle riforme gerrymandering presso la Ohio State University

Foto: Favia Lucero

Lunedì si è tenuta una tavola rotonda presso la Ohio State University per discutere l’impatto del gerrymandering sul potere politico e la necessità di riforme prima delle elezioni di novembre.

Intervenendo in questa sessione, il Presidente della Corte Suprema dell'Ohio in pensione Maureen O'Connor ha delineato le disposizioni del precedente emendamento che limitano il potere del popolo e rafforzano il potere della Legislatura.

L’implementazione di un nuovo emendamento costituzionale di riorganizzazione distrettuale non sconvolgerebbe necessariamente la composizione politica dello stato, e potrebbe non cambiare nemmeno la maggioranza dello stato, ma ridurrebbe la partigianeria in Ohio a livelli coerenti con le tendenze elettorali. O'Connor ha sostenuto.

La direttrice della Ohio League of Women Voters, Jane Miller, ha espresso preoccupazione per l'impatto negativo del gerrymandering partigiano in Ohio.

Dalla professoressa di scienze politiche Angie Marie Hancock, professore di diritto Stephen Hoefner, direttore della Lega degli elettori femminili dell'Ohio, Jane Miller, giudice capo della Corte suprema dell'Ohio in pensione Maureen O'Connor e Jurig Rudensky del Programma democratico del Brennan Center.

Foto: Favia Lucero

“La mia più grande preoccupazione è ancora una volta che la Corte non avrà l'autorità, o la preoccupazione che ci siano ancora delle lacune, e sono orgoglioso di dire che molte persone fantastiche hanno progettato questa politica per garantire che abbiamo molto dei guardrail, in modo da poter davvero porre fine al processo”, ha affermato. Gerrymandering dei confini delle circoscrizioni elettorali.

READ  Converti il ​​tuo sito web in app gratuitamente e senza pubblicità.

Jorig Rudinsky del Programma Democrazia del Centro Brennan ha spiegato che le misure del 2015 e del 2018 non sono riforme perché non hanno cambiato nulla. “La riorganizzazione distrettuale, se eseguita correttamente, dovrebbe anche tenere conto di come le comunità si stanno spostando e di quali siano le esigenze delle comunità in termini di rappresentanza. Ha ipotizzato che il gerrymandering stia sovvertendo e minando quel processo”.

Altri relatori, tra cui la professoressa di scienze politiche Angie Marie Hancock e il professore di diritto Stephen Hoefner, hanno sottolineato che la nuova misura si allontanerà dalle precedenti riforme di riorganizzazione dei distretti, creando una commissione indipendente per ridisegnare le mappe dei distretti.

L'emendamento, proposto dai cittadini, non dai politici, sostituirebbe i politici che disegnano le mappe con un comitato di cittadini
I relatori hanno quindi chiesto sostegno all’iniziativa della coalizione Citizens Not Politicians che ha sviluppato una proposta di misura elettorale per annullare le riforme approvate dagli elettori e apportate nel 2015 e nel 2018 attraverso emendamenti costituzionali separati.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply