Sono necessari ingenti investimenti in infrastrutture sostenibili

Secondo un nuovo rapporto dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE), pubblicato martedì, sono necessari ingenti investimenti in infrastrutture sostenibili per rafforzare la resilienza ai cambiamenti climatici.

Questo rapporto, intitolato “Infrastrutture per un futuro resiliente al clima”, descrive la crescente pressione che gli eventi climatici (ondate di caldo, inondazioni, siccità su larga scala, ecc.) stanno esercitando sulle infrastrutture in tutti i settori, dalle reti all’elettricità, alle comunicazioni e ai trasporti fino infrastruttura. Trattamento delle acque e dei rifiuti, si legge in un comunicato stampa dell'organizzazione parigina.

Lo studio, pubblicato durante il Forum sulle infrastrutture dell’OCSE (9-10 aprile), raccomanda che i governi considerino sistematicamente la resilienza ai cambiamenti climatici nella pianificazione e nel processo decisionale delle infrastrutture, inclusa la definizione delle priorità per i progetti sostenibili, al fine di ridurre la vulnerabilità economica e sociale ed evitare rischi a lungo termine. costi a termine.

Secondo il rapporto, le misure di resilienza ai cambiamenti climatici possono proteggere i rendimenti degli investimenti, garantire la continuità aziendale e sostenere la crescita e lo sviluppo economico.

Il segretario generale dell’OCSE Mathias Cormann ha sottolineato nel suo rapporto che “gli investimenti nelle infrastrutture, se ben scelti, possono migliorare la qualità della crescita, sostenere l’azione per il clima proteggendo al contempo la biodiversità, riducendo l’inquinamento e migliorando la resilienza ai rischi derivanti dai cambiamenti climatici. comunicato stampa.

Leggi anche-» Economia: il cambiamento climatico potrebbe ridurre il PIL globale entro il 2050

Ma gli investimenti richiesti sono ingenti. Sbloccare il potenziale degli investimenti privati ​​nella resilienza climatica richiederà una pianificazione di progetti a lungo termine, l’eliminazione delle barriere normative, la creazione di meccanismi efficaci di condivisione del rischio e l’utilizzo dell’assistenza pubblica in modo mirato e strategico, ove appropriato, per attrarre fondi privati, soprattutto quando è necessario tempo. . Ha aggiunto che investire nella resilienza comporta rischi redditizi che ostacolano la partecipazione del settore privato.

READ  Aaron Rodgers e Jesse Ventura nella rosa dei candidati per la posizione di vicepresidente di RFK Jr.

I paesi in via di sviluppo sono considerati più vulnerabili ai disastri climatici, in particolare i paesi meno sviluppati e i piccoli stati insulari in via di sviluppo, che sono tra 10 e 30 volte più vulnerabili dei paesi OCSE, secondo il rapporto, rilevando che si trovano ad affrontare una significativa carenza di risorse e un’elevata finanziamento. Costi, che limitano la loro capacità di costruire infrastrutture di alta qualità.

Per affrontare queste sfide, il rapporto evidenzia la necessità di innovare nuove forme di partenariati internazionali e aumentare la mobilitazione delle risorse da parte delle banche di sviluppo.

Al di là delle esigenze finanziarie, il rapporto evidenzia anche l’efficacia delle soluzioni basate sulla natura – come l’utilizzo di mangrovie o barriere coralline per ridurre il rischio di inondazioni costiere o mareggiate – che costituiscono misure economicamente vantaggiose per proteggere le risorse e i servizi infrastrutturali.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply