Israele bombarda la città di Rafah a Gaza prima dei colloqui per raggiungere un accordo di pace

Un corrispondente dell’Agence France-Presse a Rafah ha riferito di pesanti bombardamenti durante la notte.

Rafah, Territori palestinesi:

Israele ha lanciato nella notte attacchi aerei sulla città di Rafah nella Striscia di Gaza nel tentativo di esercitare “pressione” su Hamas in vista dei colloqui di martedì in Egitto volti a raggiungere un accordo di tregua approvato dal movimento palestinese.

Dopo che Israele si è impegnato per settimane a effettuare un’incursione nella città di confine meridionale, lunedì ha invitato i palestinesi della zona orientale di Rafah a partire per una “area umanitaria ampliata” prima dell’incursione di terra.

Un corrispondente dell’Agence France-Presse in città ha riferito di pesanti bombardamenti durante la notte, mentre l’ospedale kuwaitiano ha riferito martedì, in un bilancio aggiornato, che 11 persone sono state uccise e dozzine ferite nei raid israeliani.

Dopo che i colloqui di inizio giornata non sono riusciti a raggiungere un accordo, Hamas ha dichiarato lunedì sera di aver informato i mediatori Egitto e Qatar del suo “accordo sulla loro proposta di cessate il fuoco” nella guerra durata sette mesi, spingendo folle giubilanti a prendere per le strade di Rafah.

L’ufficio del primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha affermato che la proposta è “lontana dalle richieste fondamentali di Israele”, ma il governo invierà dei negoziatori per i colloqui “per esaurire la possibilità di raggiungere un accordo”.

La dichiarazione aggiunge: “Israele continua la sua operazione a Rafah per esercitare pressioni militari su Hamas al fine di far avanzare il processo di rilascio dei nostri ostaggi e raggiungere altri obiettivi di guerra”.

Gli Stati Uniti, stretti alleati di Israele, hanno affermato che stanno “rivedendo” la risposta di Hamas.

Ultime notizie dell'ultima ora su NDTV

Il membro di Hamas Khalil al-Hayya ha detto al canale di notizie Al Jazeera con sede in Qatar che la proposta approvata da Hamas include una tregua in tre fasi.

READ  30 migliori Tende Sole Esterno da acquistare secondo gli esperti

Ha detto che l’accordo prevede il completo ritiro israeliano da Gaza, il ritorno dei palestinesi sfollati a causa della guerra e lo scambio di ostaggi e prigionieri con l’obiettivo di raggiungere un “cessate il fuoco permanente”.

Il Qatar ha detto che invierà una delegazione al Cairo martedì mattina per riprendere i negoziati, “nella speranza che i colloqui culminino nel raggiungimento di un accordo per un cessate il fuoco immediato e permanente nella Striscia di Gaza”.

Un alto funzionario di Hamas, che ha parlato all’AFP a condizione di anonimato, ha affermato che Israele deve ora decidere se accettare la tregua o “ostacolarla”.

Un’invasione “insopportabile”.

Il portavoce dell’esercito israeliano Daniel Hagari ha rinnovato il suo appello alla gente a lasciare Rafah lunedì sera, e ha detto che “gli aerei hanno preso di mira più di 50 obiettivi terroristici nell’area di Rafah” durante il giorno.

La Jihad islamica, alleata di Hamas, ha dichiarato lunedì sera di aver lanciato in risposta razzi da Gaza verso il sud di Israele.

Cresce costantemente la preoccupazione internazionale per le conseguenze di un’invasione di terra israeliana della città di Rafah, situata al confine con l’Egitto.

L’Egitto, il principale canale di trasporto dei camion degli aiuti verso Gaza, è stato un mediatore chiave negli sforzi di tregua e si è fermamente opposto a qualsiasi spostamento di massa di rifugiati dalla Striscia nel suo territorio.

Lunedì il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres ha affermato che un’incursione israeliana nella città sarebbe “insopportabile” e ha invitato Israele e Hamas a “fare uno sforzo aggiuntivo” per raggiungere un accordo di cessate il fuoco.

Ultime notizie dell'ultima ora su NDTV

Guterres ha affermato: “Questa è un’opportunità da non perdere e un’invasione di terra a Rafah non sarà accettabile a causa delle sue devastanti conseguenze umanitarie e del suo effetto destabilizzante nella regione”.

READ  30 migliori Luci Led Esterno da acquistare secondo gli esperti

Il Ministero degli Esteri egiziano ha avvertito di “gravi rischi umanitari” per oltre un milione di abitanti di Gaza che si rifugiano lì e ha esortato Israele a “esercitare la massima moderazione”.

Lunedì, durante i colloqui con il presidente degli Stati Uniti Joe Biden, il re giordano Abdullah II ha chiesto l’intervento per fermare un “nuovo massacro” a Rafah.

Lunedì, in una conversazione con Netanyahu, Biden ha ribadito la sua “posizione chiara” contro l’invasione della città, ha detto la Casa Bianca.

Netanyahu si è impegnato a inviare forze di terra a Rafah indipendentemente da qualsiasi tregua, affermando che è necessario sradicare le rimanenti forze di Hamas per evitare il ripetersi dei sanguinosi attacchi del 7 ottobre che hanno scatenato la guerra a Gaza.

Migliaia se ne stanno andando

L’attacco senza precedenti lanciato da Hamas contro Israele il 7 ottobre ha portato all’uccisione di oltre 1.170 persone, la maggior parte delle quali civili, secondo un conteggio preparato dall’Agence France-Presse sulla base di dati ufficiali israeliani.

Giurando di distruggere Hamas, Israele ha lanciato un attacco di ritorsione che ha ucciso almeno 34.735 persone a Gaza, la maggior parte delle quali donne e bambini, secondo il Ministero della Sanità dell’enclave gestita da Hamas.

Hamas ha anche rapito 250 ostaggi il 7 ottobre, di cui Israele stima che 128 siano rimasti a Gaza, compresi 35 che secondo l’esercito sono morti.

Il Forum per le famiglie degli ostaggi e delle persone scomparse ha affermato in un comunicato dopo l’annuncio di Hamas di lunedì che “ora è il momento per tutte le parti interessate di adempiere ai propri obblighi e di trasformare questa opportunità in un accordo per restituire tutti gli ostaggi”.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità afferma che circa 1,2 milioni di persone hanno trovato rifugio a Rafah.

Hamas ha affermato che Israele sta pianificando di lanciare un attacco su larga scala “senza riguardo alla catastrofe umanitaria in corso” nella Striscia di Gaza assediata o al destino degli ostaggi lì detenuti.

READ  30 migliori Gazebo Richiudibile 3X3 da acquistare secondo gli esperti

Israele ha affermato che l’ordine di evacuazione “limitata” e temporanea da Rafah aveva lo scopo di “tenere le persone lontane dal pericolo”.

La Mezzaluna Rossa Palestinese ha riferito che “migliaia” di abitanti di Gaza hanno lasciato la zona est della città.

“Dove possiamo andare?”

In un comunicato, l’esercito israeliano ha esortato i residenti della parte orientale di Rafah a recarsi nella “zona umanitaria ampliata” ad Al-Mawasi, sulla costa.

Ma i gruppi umanitari hanno affermato che Mawasi non era preparato a un simile afflusso.

In risposta a una domanda sul numero di persone che dovrebbero essere trasferite, un portavoce militare israeliano ha detto: “Le stime sono di circa 100.000 persone”.

La Mezzaluna Rossa ha affermato che l’area designata per l’evacuazione ospita circa 250.000 persone, molte delle quali sono già state sfollate da altrove.

Il palestinese Abdel Rahman Abu Jazar (36 anni) ha detto che l’area “non ha abbastanza spazio per montare le tende” perché è già piena.

“Dove possiamo andare?” Chiesto.

Il Fondo delle Nazioni Unite per l’infanzia ha avvertito che circa 600.000 bambini ammassati al valico di Rafah stanno affrontando “un altro disastro”.

L’Agenzia delle Nazioni Unite per il soccorso e l’occupazione dei rifugiati palestinesi (UNRWA), la principale organizzazione di soccorso a Gaza, ha affermato che l’attacco israeliano a Rafah significherebbe “più sofferenze e morti tra i civili”, aggiungendo che “non evacuerà”.

(Ad eccezione del titolo, questa storia non è stata modificata dallo staff di NDTV ed è pubblicata da un feed sindacato.)

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply